Roma, 22 novembre 2017, ore 00.11
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Note integrative

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Bilancio di previsione > Note integrative > Esempi indicatori per Note Integrative

Esempi indicatori per Note Integrative

Nota esplicativa

Al fine di fornire un quadro aggiornato e sintetico dell’attività dell’amministrazione, della domanda di servizi, della quantità e qualità di offerta realizzata e dei fenomeni che si intendono influenzare attraverso gli interventi sottostanti le missioni e i programmi del bilancio dello Stato, il dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato fornisce alcuni esempi di indicatori di contesto e di risultato associati alle Missioni e ai Programmi del Bilancio dello Stato, frutto dell’attività di collaborazione tra il Ministero dell'economia e delle finanze – Dipartimento RGS e le Amministrazioni centrali dello Stato, (di cui all’art. 39 comma 2 della legge 196/2009) utilizzabili per la definizione di obiettivi e indicatori per misurarli:

http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Analisi_e_valutazione_della_Spesa/Indicatori-dei-programmi/2014/

Gli indicatori proposti possono, altresì, promuovere un miglioramento dei contenuti delle note integrative allegate al bilancio di previsione e al rendiconto generale dello Stato e indirizzare iniziative di valutazione delle politiche sottostanti i programmi di spesa.

Essendo gli esempi finalizzati a fornire dei semplici suggerimenti per le amministrazioni, gli indicatori proposti sono associati ai programmi di spesa piuttosto che agli obiettivi. Le amministrazioni, nel compilare le note integrative, sono invece tenute ad associare gli indicatori agli obiettivi individuati all'interno di ogni programma. Poiché il livello di articolazione degli obiettivi è più dettagliato rispetto a quello dei programmi, esse avranno l'opportunità di fare riferimento ad indicatori più rispondenti alla rappresentazione degli obiettivi.

Si sottolinea l’importanza di orientare, per quanto possibile, le Note integrative a esplicitare obiettivi attinenti la realizzazione e le finalità ultime delle politiche sottostanti i programmi di spesa, piuttosto che la mera indicazione delle attività svolte dall’amministrazione. Anche se le attività dell’amministrazione sono prevalentemente di indirizzo e monitoraggio, l’adozione di indicatori che misurino le finalità ultime delle politiche finanziate (per esempio, in termini di quantità e qualità dei servizi erogati, di numerosità e caratteristiche dei beneficiari raggiunti, etc.) sono auspicabili per consentire al Parlamento di disporre di una illustrazione degli obiettivi che le amministrazioni intendono effettivamente conseguire in termini di livello dei servizi e di interventi nell’ambito di ciascun Programma come previsto all’articolo 21, comma 11, lettera a) della legge n. 196.

Sebbene sia opportuno che ciascuna amministrazione definisca e sviluppi un sistema completo di indicatori per misurare le risorse finanziarie, umane, strumentali utilizzate (gli input), le attività svolte (realizzazione fisica), i risultati ottenuti (l'output), e l'impatto (l'outcome) generato dal programma di spesa sulla collettività e sull'ambiente, è auspicabile che gli obiettivi inseriti nelle note integrative siano descritti prevalentemente da indicatori di risultato (output) e di impatto (outcome). Si rappresenta difatti l'opportunità che ad ogni obiettivo sia associato oltre che un indicatore di realizzazione finanziaria o di realizzazione fisica, almeno un indicatore di risultato o di impatto. Al fine di supportare le amministrazioni nella individuazione degli indicatori di risultato e di impatto, l'insieme di indicatori proposto si riferisce prevalentemente a queste due tipologie.

Le Amministrazioni sono invitate, altresì, a utilizzare nella Nota integrativa, le proposte di indicatori da associare ai Programmi di spesa trasversali 32.2 “Indirizzo politico” e 32.3 “Servizi e affari generali per le Amministrazioni di competenza”, individuati nell’ambito delle attività di collaborazione tra il Ministero dell’Economia e delle finanze e i Ministeri di spesa e contenuti nel documento “Proposte di indicatori per i programmi di spesa 32.2 “Indirizzo politico” e 32.3 “Servizi e affari generali per le amministrazioni di competenza” e nota metodologica”, pubblicato sul sito della RGS all’indirizzo:

http://www.rgs.mef.gov.it/_Documenti/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Analisi_e_valutazione_della_Spesa/Indicatori_dei_programmi/Nota_metodologica_indicatori_per_programma_32_2_e_32_3.pdf.

In particolare per il programma 32.2 “Indirizzo politico” è stato istituito e integrato il protocollo d’Intesa tra il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato – IGB e l’Ufficio Programma di Governo (UPG) della Presidenza del Consiglio dei Ministri finalizzato a favorire una maggiore integrazione tra ciclo del bilancio e ciclo di programmazione strategica. Nell’ambito delle Note integrative, le Amministrazioni con riferimento al programma di spesa 32.2 “Indirizzo politico”, troveranno precaricato l’obiettivo comune denominato “Miglioramento della capacità di attuazione delle disposizioni legislative del Governo” e potranno avvalersi degli indicatori elaborati dall’UPG come base per l’individuazione di valori target per il triennio di riferimento. I valori di tali indicatori saranno forniti a ciascuna Amministrazione e pubblicati sul sito dell’UPG al seguente indirizzo:

http://www.programmagoverno.gov.it/provvedimenti-attuativi/.

Infine, è utile sottolineare che, il dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato fornisce il supporto informatico e l'assistenza per la corretta compilazione delle note integrative, ma i contenuti delle note e, in particolare, la definizione degli obiettivi e degli indicatori sono di diretta responsabilità delle amministrazioni.