Roma, 18 novembre 2017, ore 12.42
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Note integrative

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Bilancio di previsione > Note integrative > Il processo di programmazione per politiche pubbliche

IL PROCESSO DI PROGRAMMAZIONE PER POLITICHE PUBBLICHE

La Nota integrativa che accompagna ciascuno stato di previsione del Bilancio dello Stato, disciplinata dall’art. 21, comma 11, lettera a) della legge di contabilità e di finanza pubblica (Legge n. 196 del 31 dicembre 2009), è un documento di ausilio alla programmazione dell’impiego delle risorse pubbliche per il triennio di riferimento del bilancio dello Stato che completa ed arricchisce le informazioni del bilancio; costituisce, infatti, lo strumento attraverso il quale ciascun Ministero illustra, in relazione ai programmi di spesa, le informazioni relative al quadro di riferimento in cui l’amministrazione opera e le priorità politiche, in coerenza con quanto indicato nel Documento di economia e finanza e nel DPCM con gli obiettivi triennali dei Ministeri..

Le Note integrative si collocano all’interno del ciclo di programmazione e gestione delle amministrazioni dello Stato su un orizzonte temporale triennale.

Il ciclo della programmazione prende avvio dall’individuazione delle finalità della spesa pubblica, dalle priorità politiche e dalla conseguente assegnazione delle risorse finanziarie alle amministrazione per il successivo perseguimento  (input finanziari); il processo  prosegue con l’acquisizione delle risorse umane e strumentali da impiegare (input fisici o strumentali) e si conclude con il l’erogazione di servizi ai cittadini, alle imprese e ad altre pubbliche amministrazioni (output) e, quindi, con il dispiegarsi degli effetti finali dell’attività pubblica sull’economia e sulla società (outcome o risultati finali).

L’applicazione efficace del ciclo descritto richiede:

  • l’utilizzo di una classificazione che rappresenti, nel bilancio e negli altri documenti di finanza pubblica, le finalità e i programmi dell’azione di Governo (introdotte in Italia dal 2009);
  • la definizione, per ciascuna amministrazione, degli obiettivi in cui tali programmi possono essere declinati;
  • l’individuazione e l’applicazione di indicatori significativi per quantificare gli obiettivi di cui al punto precedente con riferimento al triennio della programmazione;
  • la misurazione annuale degli stessi indicatori al fine di monitorare i risultati conseguiti.  

La figura illustra come le Note integrative si collocano all’interno del ciclo di programmazione e di gestione delle amministrazioni dello Stato su un orizzonte temporale triennale.

La figura illustra come le Note integrative si collocano all’interno del ciclo di programmazione e di gestione delle amministrazioni dello Stato su un orizzonte temporale triennale.