Roma, 18 novembre 2017, ore 18.24
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Conto riassuntivo del Tesoro

COSA È IL CONTO RIASSUNTIVO DEL TESORO

Il Conto riassuntivo del Tesoro (C.R.T.) fornisce la rappresentazione contabile dell’attività finanziaria svolta dal Tesoriere statale. Espone le riscossioni e i pagamenti eseguiti imputandoli alla gestione del bilancio dello Stato o a quella della tesoreria.

I dati presentati nelle singole tavole del conto riguardano il periodo compreso tra il 1° gennaio e il termine del mese di riferimento.

Il C.R.T. si articola in due sezioni che riportano una serie di tavole riguardanti la gestione del bilancio statale e quella della tesoreria. La prima espone cinque tavole di sintesi, partendo dalla rappresentazione sintetica e unitaria del Movimento generale di cassa, che fornisce il quadro d’insieme della gestione del Tesoriere; seguono le tabelle riassuntive delle partite debitorie e creditorie della tesoreria e le due nuove tavole di raccordo con il saldo di cassa del settore statale e con le emissioni di titoli di Stato ed altri strumenti a breve e medio/lungo termine. La seconda sezione riporta tavole di dettaglio relative alla gestione del bilancio e a quella della tesoreria che danno dimostrazione delle singole componenti caratteristiche delle due gestioni.

I dati relativi alle movimentazioni intervenute nel periodo di riferimento (riscossioni e pagamenti) sono tratti dalla rendicontazione mensile prodotta ai sensi della vigente normativa dalla Banca d’Italia, quale esercente del servizio di tesoreria statale. Nelle tavole riferite alla gestione del bilancio statale le riscossioni e i pagamenti sono classificati sulla base dei criteri di analisi utilizzati nei documenti elaborati dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.

L’articolo 44 bis della legge 31 dicembre 2009, n. 196 – introdotto dall'art. 7, comma 1, D.Lgs. 12 maggio 2016, n. 90 – ha disciplinato la revisione del documento, rispetto a quanto previsto dall’art. 609 del Regolamento di contabilità generale dello Stato, sia con riferimento ai contenuti che alle modalità di pubblicazione a partire dall’elaborazione del mese di gennaio 2017- , arricchendolo con nuove tavole che consentono l’integrazione dei dati della gestione del bilancio statale con quelli della tesoreria ed esplicitano i raccordi con i principali aggregati di finanza pubblica - emissioni dei titoli di Stato e saldo di cassa del settore statale - riportati nei documenti ufficiali.

Al fine di migliorare la significatività delle rappresentazioni fornite, è stata introdotta una classificazione dei conti di tesoreria che distingue tra quelli che concorrono all’elaborazione del saldo di cassa del settore statale dal lato della “formazione”, e quelli che concorrono all’elaborazione del medesimo saldo dal lato della “copertura”.