Roma, 23 novembre 2017, ore 19.30
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Monitoraggio entrate tributarie e contributive

COSA È IL MONITORAGGIO ENTRATE TRIBUTARIE E CONTRIBUTIVE

L'articolo 14 della legge di contabilità e finanza pubblica (L. 196/2009) prevede una serie di disposizioni volte al controllo e monitoraggio dei conti pubblici, delineando in maniera puntuale gli adempimenti, la relativa cadenza temporale e i soggetti competenti.

In particolare, il comma 5 del predetto articolo dispone in ordine al monitoraggio delle entrate, precisando:

- al primo periodo, che il Dipartimento delle finanze e il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato provvedono a monitorare, rispettivamente, l'andamento delle entrate tributarie e contributive e a pubblicare con cadenza mensile un rapporto su tale andamento;

- al secondo periodo, che il Dipartimento delle finanze provvede altresì a monitorare gli effetti finanziari delle misure tributarie previste dalla manovra di finanza pubblica e dai principali provvedimenti tributari adottati in corso d'anno;

- al terzo periodo, che le relazioni sul conto consolidato di cassa delle amministrazioni pubbliche di cui al comma 4 dell'articolo 13 presentano in allegato un'analisi dei risultati conseguiti in materia di entrate, con riferimento all'andamento di tutte le imposte, tasse e tributi, comprese quelle regionali e degli enti locali, con indicazioni relative all'attività accertativa e alla riscossione.

Sui dati mensili di gettito, distintamente per le entrate tributarie e contributive, acquisiti nel corso del mese successivo, si effettua:

a) separatamente per competenza e cassa, un'analisi e un raffronto con i dati relativi al corrispondente periodo dell'anno precedente, operando le necessarie rettifiche e/o integrazioni per rendere omogeneo il confronto dei gettiti;

b) un'analisi sull'andamento delle entrate rispetto agli obiettivi di gettito programmati con riferimento alle stime contenute nell'ultimo documento di finanza pubblica;

c) una ripartizione mensile delle componenti sottostanti i due aggregati oggetto di monitoraggio;

d) un raffronto mensile dell'andamento del gettito con le stime mensilizzate, per cogliere eventuali scostamenti in corso d'anno.