Roma, 22 novembre 2017, ore 10.09
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Rapporti finanziari UE

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Rapporti finanziari UE > La gestione del Fondo di Rotazione

La gestione del Fondo di Rotazione

Per il perseguimento delle finalità previste dal Trattato, l’Unione europea destina agli Stati membri ingenti risorse finanziarie per l’attuazione di interventi in diversi settori economici localizzati sul territorio. Per quanto riguarda l’Italia, al fine di consentire una maggiore celerità e trasparenza delle procedure finanziarie riguardanti l’attivazione delle risorse UE, la legge n.183/1987 ha istituito, presso la Ragioneria Generale dello Stato, il Fondo di rotazione per l’attuazione delle politiche comunitarie, avente gestione autonoma fuori del bilancio dello Stato, con compiti di intermediazione sui flussi finanziari Italia-Ue.
Attraverso il Fondo di rotazione si assicura, in particolare, la centralizzazione presso la tesoreria dello Stato dei flussi finanziari provenienti dall’Unione europea e la gestione univoca dei relativi trasferimenti in favore delle Amministrazioni e degli Enti titolari, consentendo anche di monitorare l’impatto di tali flussi sugli aggregati di finanza pubblica, in funzione anche del rispetto dei vincoli del patto di stabilità.
La gestione del Fondo di rotazione si concretizza, quindi in:

  • operazioni di acquisizione delle risorse che l’Unione europea destina all’Italia e conseguente trasferimento delle stesse in favore di Amministrazioni pubbliche ed organismi privati aventi diritto;
  • assegnazione, con appositi decreti direttoriali, della quota di finanziamento di parte nazionale degli interventi UE e relative operazioni di erogazione delle risorse in favore delle Amministrazioni e degli altri organismi interessati;
  • chiusure finanziarie degli interventi comunitari, con riconoscimento ed erogazione del contributo finale di parte nazionale.