Roma, 19 novembre 2017, ore 15.25
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Rapporti finanziari UE

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Rapporti finanziari UE > Il monitoraggio > Attuazione finanziaria Obiettivo 1

L’attuazione finanziaria del QCS Obiettivo 1

DATI BIMESTRALI AL 31/12/2009

Il livello di attuazione complessivo al 31/12/2009 degli Interventi comunitari nel Mezzogiorno è pari al 104,6% degli stanziamenti complessivi, essendo stati spesi in valori assoluti 48,01 mld di euro, a fronte di oltre 56,9 mld di euro di impegni giuridicamente vincolanti assunti entro tale data. Il valore degli impegni supera dunque il contributo totale complessivo delle risorse finanziarie per il periodo di programmazione 2000/2006 attestandosi al 124,0%. I dati evidenziano che quasi tutti i programmi e per tutti i fondi hanno casi di overbooking finanziario sugli impegni, cioè situazioni in cui la somma degli impegni assunti è superiore alla quota programmata.

La metà dei Programmi ha anche un overbooking finanziario sui pagamenti effettuati di circa, rispettivamente, il 5,4% rispetto alla quota programmata. Gli impegni ed i pagamenti, al netto dell'overbooking, si attestano, rispettivamente a 45,866 mld e a 45,822 mld di euro pari al 99,9% e al 99,8% del contributo totale. Risultano, pertanto, non spesi complessivamente 75,692 mln tutti a carico dei PON. Il ricorso all'overbooking, che da quanto si è detto è indice di disponibilità di un parco progetti superiore a quello richiesto dagli obiettivi di programmazione, rappresenta una scelta strategica soprattutto in fase di chiusura di programma.

Essa garantisce le Amministrazioni dalla eventualità fisiologica che alcuni dei progetti selezionati trovino impedimenti alla realizzazione consentendo così la possibilità di sostituirli con i progetti in overbooking.

La Commissione Europea, in considerazione delle difficoltà che numerosi Stati Membri hanno manifestato in relazione alla chiusura dei Programmi 2000 ' 2006, collegate alla crisi economico - finanziaria in atto, ha condiviso la possibilità di concedere una proroga al termine per l'ammissibilità delle spese al 30 giugno 2009.

La data finale di eleggibilità della spesa, fissata dai regolamenti comunitari al 31/12/2008, è quindi stata prorogata al 30/06/2009 a seguito di esplicita richiesta scritta e motivata presentata dall'Italia alla Commissione Europea e della conseguente decisione adottata dalla Commissione in data 18/02/2009. I PON al 31/12/2009 hanno effettuato pagamenti per oltre 14,77 mld di euro, ovvero il 104,9% del contributo totale, mentre i programmi a titolarità regionale (POR) superano i 32,24 mld di euro spesa, pari al 104,5% della cifra totale a disposizione per il periodo di programmazione 2000-2006. Tra i PON, la migliore performance attuativa è quella del 'PON Trasporti' che al 31/12/2009 ha utilizzato risorse pari al 111,3%; tra i POR il "POR Puglia" mostra la migliore capacità realizzativa, con pagamenti pari al 112,7 % del contributo totale 2000-2006.

Ad eccezione del PON ATAS e del PON Pesca, i restanti programmi hanno già raggiunto delle quote di impegno superiori alla dotazione dei programmi.Per ciò che concerne l'analisi dell'andamento finanziario per Fondo Strutturale il FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) mostra un discreto avanzamento, ovvero il 105,4% con un ammontare di pagamenti di oltre 34 miliardi di euro. I restanti Fondi presentano il seguente stato di attuazione:

· Il FSE mostra un avanzamento del 100,5%, con un ammontare di pagamenti di oltre 6,7 miliardi di euro;

· Il FEOGA mostra un avanzamento del 106,7%, con un ammontare di pagamenti di 5,9 miliardi di euro;

· Lo SFOP mostra un avanzamento del 91,9%, con un ammontare di pagamenti di 652,7 milioni di euro.