Roma, 22 novembre 2017, ore 10.10
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Cosa sono i Programmi Fuori Obiettivo

La dicitura "Fuori Obiettivo" ricomprende tutti i programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali che non sono attivati nell'ambito degli Obiettivi 1, 2 e 3.

Tra questi si distinguono le Iniziative Comunitarie (I.C.), cui sono stati destinati in Italia stanziamenti per un importo superiore a 2.792 milioni di euro. L'obiettivo delle I.C. è la ricerca di soluzioni comuni a problemi diffusi su tutto il territorio europeo: tali programmi riguardano, infatti, la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale (Interreg III), la promozione di uno sviluppo urbano sostenibile (Urban II), il sostegno a nuove strategie di sviluppo rurale sostenibile (Leader +), la lotta alle discriminazioni e alle disuguaglianze nell'accesso al mercato del lavoro (Equal).

Un altro programma Fuori Obiettivo, rivolto nello specifico al sostegno al settore della pesca e dell'acquacoltura nelle Regioni del Centro-Nord, è il DOCUP Pesca Fuori Obiettivo, Intervento per cui è stato assegnato uno stanziamento di circa 369 milioni di euro. Tutto il territorio nazionale, invece, è interessato dai Programmi di Sviluppo Rurale (P.S.R.) attivati a livello regionale.

Sono ricomprese nella dicitura "Fuori Obiettivo" le Azioni Innovative (A.I), che contribuiscono all'elaborazione di metodi e pratiche innovativi volti a migliorare la qualità degli interventi a titolo degli obiettivi 1, 2 e 3. Alle Azioni innovative sono stati destinati in Italia stanziamenti per un importo pari a circa 125 milioni di euro.

La Commissione Europea, in considerazione delle difficoltà che numerosi Stati Membri hanno manifestato in relazione alla chiusura dei Programmi 2000 - 2006, collegate alla crisi economico-finanziaria in atto, ha condiviso la possibilità di concedere una proroga al termine per l'ammissibilità delle spese al 30 giugno 2009. A seguito di esplicita richiesta scritta e motivata presentata dall'Italia, la Commissione ha adottato in data 18/02/2009 ed in data 19/02/2009 (esclusivamente per i Programmi Interreg) la relativa decisione di proroga