Roma, 21 novembre 2017, ore 21.53
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Rapporti finanziari UE

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Rapporti finanziari UE > Il monitoraggio > Dati di attuazione - Obiettivo Convergenza

Monitoraggio interventi comunitari programmazione 2007-2013

Obiettivo Convergenza

L'Obiettivo Convergenza, previsto nell'ambito della politica di coesione 2007/2013 e della nuova programmazione dei Fondi Strutturali, va a sostituire il precedente Obiettivo 1; esso è quindi destinato alle Regioni meno avanzate.

L’Obiettivo Convergenza riguarda gli Stati membri e le Regioni il cui prodotto interno lordo pro capite (Pil/abitante), calcolato in base ai dati relativi all’ultimo triennio precedente all’adozione del regolamento n. 1083/2006 sui Fondi Strutturali, è inferiore al 75% della media dell’UE allargata. Per le Regioni che superano tale soglia a causa del cosiddetto “effetto statistico” (cioè a causa dell’'ingresso dei dieci nuovi Stati membri), il cui PIL medio per abitante è inferiore al 75% della media dell’Unione Europea a 15 Stati membri ma superiore al 75% della media dell’Unione Europea a 25 Stati, è previsto un sostegno economico transitorio (il phasing out).

L’Obiettivo Convergenza si attua negli Stati membri a livello regionale che corrisponde al livello geografico NUTS-2 stabilito dai regolamenti comunitari. Tale obiettivo si propone di promuovere le condizioni che favoriscano la crescita e i fattori che portino a una convergenza reale per gli Stati membri e le Regioni meno sviluppati. Gli strumenti finanziari che l’Obiettivo Convergenza mette a disposizione delle Regioni interessate, il FESR – Fondo europeo per lo Sviluppo Regionale - e il FSE – Fondo Sociale Europeo -, si propongono di realizzare gli obiettivi dell'aumento e del miglioramento della qualità degli investimenti in capitale fisico e umano, dello sviluppo dell'innovazione e della società della conoscenza, dell'adattabilità ai cambiamenti economici e sociali, della tutela e del miglioramento della qualità dell'ambiente e, infine, dell'efficienza amministrativa.

Per l’Italia le Regioni ammissibili sono Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, a cui si aggiunge la Basilicata, ammessa a beneficiare di questo obiettivo a titolo transitorio (phasing out).

L’Obiettivo Convergenza viene attuato in Italia attraverso 5 Programmi Operativi Regionali (POR) e 2 Programmi Operativi Nazionali (PON) finanziati dal Fondo Sociale Europeo (FSE), e da 5 Programmi Operativi Regionali (POR) e 7 Programmi Operativi Nazionali (PON) finanziati dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

Numeri precedenti