Roma, 19 novembre 2017, ore 11.31
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Rapporti finanziari UE

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Rapporti finanziari UE > Il monitoraggio > Procedure di monitoraggio da adottare per progetti finanziati a valere su Programmi Operativi 2007-2013, Piano di Azione Coesione e Fondo Sviluppo e Coesione da completare – aggiornamento

Il monitoraggio

Procedure di monitoraggio da adottare per progetti finanziati a valere su Programmi Operativi 2007-2013, Piano di Azione Coesione e Fondo Sviluppo e Coesione da completare – aggiornamento

Come è noto, il 31 dicembre 2015 rappresenta, ad eccezione dei progetti afferenti gli Strumenti di Ingegneria Finanziaria, la data ultima di ammissibilità sul bilancio comunitario per i pagamenti effettuati dalle Amministrazioni a valere sui Programmi Operativi finanziati con Fondi Strutturali 2007-2013.

Per i progetti che a tale data non risultano ancora conclusi o funzionanti, sono previste diverse possibilità di completamento:

  1. progetti che rispettano i requisiti regolamentari tali da poter essere portati a termine con risorse comunitarie del ciclo 2014-2020 ed inseriti nei nuovi programmi cofinanziati 2014-2020;
  2. progetti che non possiedono i requisiti richiesti e devono essere completati entro marzo 2017 facendo ricorso a risorse proprie dello Stato Membro (nazionali, regionali o locali) e che rimangono interamente nel perimetro della programmazione 2007-2013.

Per i progetti rientranti nel primo punto, con successiva nota di aggiornamento verranno delineate le procedure di monitoraggio per i progetti del ciclo della programmazione comunitaria 2007-2013 che possono essere completati anche con risorse comunitarie del ciclo 2014-2020 (cd. progetti ”a cavallo” tra due cicli di programmazione).

Per quanto attiene il secondo punto, risulta necessario fornire indirizzi comuni per delineare la corretta procedura di monitoraggio di progetti attivi sul Sistema di Monitoraggio 2007-2013 in relazione al fatto che un progetto può essere contemporaneamente finanziato con risorse comunitarie e nazionali afferenti diversi programmi e in particolare dal Piano di Azione e Coesione, dal FSC ovvero completati con le risorse finanziarie di cui alla Legge di Stabilità 28 dicembre 2015, n. 208 art. 1, comma 804.

In generale, l’articolazione del piano finanziario di un progetto su diversi Programmi (Fondi strutturali, FSC, PAC), non incide sulla natura e sull’oggetto del progetto stesso, individuato di norma da un Codice Unico di Progetto (CUP) e da un quadro economico unitario. Pertanto, anche nel caso di progetti finanziati a valere su Programmi diversi è importante che i sistemi di monitoraggio (mittenti e ricevente) consentano di mantenere una rappresentazione unitaria del progetto.

A tale riguardo, il Sistema di Monitoraggio Unitario 2007-2013 (sistema ricevente) consente di monitorare in modo unitario i progetti contemporaneamente sostenuti da due Programmi appartenenti a diversi ambiti di programmazione, nella fattispecie, uno della programmazione comunitaria (cioè un Programma finanziato con i Fondi Strutturali) e uno della programmazione nazionale (cioè un Programma finanziato con Fondo Sviluppo e Coesione o con risorse del Piano d’Azione per la Coesione).

Progetti da completare con risorse della Legge di Stabilità 2016, comma 804

Nel caso di progetti da completare con risorse della predetta Legge di Stabilità 2016 , comma 804, i progetti continueranno ad essere monitorati nel Programma Operativo di appartenenza (e quindi con il Sistema di Monitoraggio e relativo protocollo 2007-2013) integrando unicamente la fonte finanziaria dello stesso.

A tal proposito si è provveduto ad integrare la tabella di contesto T25 “Fonti finanziarie” della sezione A9 – Finanziamento del progetto del Protocollo Unico di Colloquio 2007-2013 con l’apposita voce “Stato Fondo di Rotazione Completamenti” oltre a inserire nella tabella TC 26 la Legge di Stabilità n. 208/2015, comma 804, tra le norme associabili al progetto sempre nella sezione A9 – Finanziamento del progetto.

Regole di monitoraggio da utilizzare sul Sistema di monitoraggio 2007-2013 per progetti attivi in un Programma Operativo e finanziati anche con risorse del Piano d’Azione per la Coesione o del Fondo Sviluppo e Coesione

Quando un progetto è finanziato (anche) con risorse del Piano d’Azione per la Coesione (o FSC) esso deve necessariamente essere associato ad un Programma PAC (o FSC), cioè ad uno dei Programmi nella tabella di contesto T16 “Programma FAS” del Protocollo Unico di Colloquio 2007/2013.

Possono poi presentarsi due distinte situazioni:

  1. Programma Operativo e Programma PAC (o FSC) con stesso sistema mittente;
  2. Programma Operativo e Programma PAC (o FSC) con diverso sistema mittente.

1° caso

Il progetto va monitorato con un solo Codice Locale Progetto (e quindi con un solo CUP) che va contemporaneamente associato al Programma Operativo e al Programma finanziato con il Piano d’Azione per la Coesione (o FSC) che ne garantisce la residua copertura finanziaria. L’associazione ai Programmi viene effettuata inserendo gli opportuni record sia nella tabella A02 che nella tabella A03, indicando in entrambe le tabelle uno stato attivo nel Programma, in dettaglio STATO_FS=1 nella tabella A02 e STATO_FAS=1 nella tabella A03.

Il piano finanziario del progetto (tabella A09), riporta quindi gli importi a valere sulle varie fonti, tra cui UE (FONTE=1), Stato Fondo di Rotazione (FONTE=8) e, nel caso di progetto con cofinanziamento regionale, Regione (FONTE=3) per quanto imputato sul Programma Operativo, l’importo a valere sul PAC come Stato Fondo di Rotazione PAC (FONTE=13) ed eventuali altre fonti finanziarie con i relativi codici.

Analogamente, i pagamenti (tabella A15) riportano, per ciascun record, l’importo totale (IMPORTO_PAG), l’importo ammissibile sul Programma Operativo (IMPORTO_PAG_AMMESSO) e l’importo a valere sul PAC (IMPORTO_PAG_FAS), come indicato anche nel Vademecum generale di monitoraggio sul Piano d’Azione per la Coesione, inviato con nota MEF-RGS Prot. n. 2601 del 13 gennaio 2014. Evidentemente i dati relativi alla Fonte UE e al cofinanziamento alla stessa dovranno corrispondere al pagamento ammesso al 31 dicembre 2015.

Naturalmente, poiché il progetto è inserito anche in un Programma PAC, valgono anche le altre indicazioni riportate nel Vademecum PAC sopra citato. Ai fini della pubblicazione dei dati sul portale OpenCoesione, il progetto viene attribuito contemporaneamente a più Programmi (indicando rispettivamente asse e obiettivo per il Programma Operativo e linea e azione per il Programma PAC), come nel seguente esempio: http://www.opencoesione.gov.it/progetti/1si2844/.
Nei file in formato csv pubblicati nella sezione opendata del portale, le variabili relative al Programma (OC_CODICE_PROGRAMMA e OC_DESCRIZIONE_PROGRAMMA) contengono i dati relativi ad entrambi i Programmi separati dalla stringa “:::”.

2° Caso

Se i dati sul progetto vengono inviati al Sistema di Monitoraggio Unitario 2007-2013 da due sistemi mittenti diversi, anche se si utilizza lo stesso codice identificativo in ciascun sistema mittente, il progetto è identificato nel Sistema di Monitoraggio Unitario 2007-2013 da due diversi Codici Locali Progetto in quanto questi ultimi sono costruiti a partire dai codici locali a cui è aggiunto un prefisso caratteristico del sistema mittente.

Pertanto, in questi casi, il progetto va inviato nella sua interezza da un solo sistema mittente, previo accordo tra i gestori dei diversi sistemi mittenti, di cui va data comunicazione anche a MEF-RGS-IGRUE. Si raccomanda la massima attenzione a questo aspetto onde evitare la duplicazione di record-progetti nel Sistema di Monitoraggio Unitario con errori conseguenti su tutte le variabili aggregate, esito di somme e calcoli da Sistema.