Roma, 21 febbraio 2017, ore 19.49
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Rendiconto

I risultati della gestione del bilancio dello Stato nell’esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre sono esposti nel Rendiconto Generale dello Stato. Tale documento consente di verificare le modalità e la misura in cui ciascuna Amministrazione ha dato attuazione alle previsioni del bilancio.
Si tratta di un conto consuntivo disciplinato dalla legge di contabilità e finanza pubblica del 31 dicembre 2009, n.196, che prevede sia formato da due distinte parti: il conto del bilancio ed il conto generale del patrimonio.

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha l’obbligo di legge di presentare alle Camere il Rendiconto Generale dello Stato entro il 30 giugno di ogni anno, par far sì che il Parlamento possa esaminarlo e approvarlo in forma di legge nelle settimane successive, ai sensi dell’articolo 81 della Costituzione. Prima di essere presentato al Parlamento, la regolarità del documento deve essere valutata dalla Corte dei Conti, cui il Rendiconto deve essere trasmesso dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, per cura del Ragioniere Generale dello Stato, entro la fine del mese di maggio per il giudizio di parificazione, che si basa sul raffronto delle risultanze del Rendiconto con le scritture tenute dalla Corte in sede di controllo sugli atti di gestione.

A partire dall’esercizio finanziario 2013, in ossequio a quanto previsto dal Codice dell’Amministrazione Digitale (decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 e successive modificazioni), il Rendiconto generale dello Stato viene prodotto esclusivamente in formato digitale, mediante l’utilizzo di un apposito applicativo informatico (RenDe) sviluppato dalla Ragioneria Generale dello Stato, di intesa con la Corte dei Conti. Il primo Rendiconto dematerializzato, relativo all’esercizio finanziario 2012, ha affiancato in via sperimentale il tradizionale formato cartaceo.

ARTICOLAZIONE DEL RENDICONTO

Ai sensi dell’art. 36 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, il Rendiconto generale dello Stato si compone di due parti distinte:

  • Il conto del bilancio, che illustra i risultati della gestione finanziaria rispetto alle previsioni, dando evidenza della gestione di competenza e di cassa, nonché della nuova formazione e dello smaltimento dei residui. Le tabelle riassuntive consentono di evidenziare i principali esiti della gestione stessa (a partire dai saldi rilevanti) e di raffrontarli con i corrispondenti valori del bilancio di previsione. Il conto del bilancio è strutturato in maniera analoga al bilancio di previsione, essendo diviso in stati di previsione (uno per le entrate, uno per ciascun ministero per le spese) e ripetendo la ripartizione funzionale delle voci di spesa in missioni e programmi. All’interno di ciascun programma si hanno le ulteriori ripartizioni per macroaggregati, capitoli e piani gestionali
  • Il conto generale del patrimonio, in cui sono descritte le variazioni intervenute nel patrimonio dello Stato e la situazione patrimoniale finale, raccordandole alla gestione del bilancio. Il conto del patrimonio è corredato del conto del dare e avere relativo al servizio di tesoreria

Al Conto del bilancio, per ciascuno stato di previsione, è allegata una nota integrativa che espone i risultati raggiunti, il grado di realizzazione degli obiettivi di ogni programma e le risorse utilizzate, motivando gli eventuali scostamenti rispetto alle previsioni.
In maniera speculare rispetto alle previsioni, vengono allegate al Conto del bilancio le risultanze economiche di ogni amministrazione, riconciliate con i dati della gestione finanziaria.

DOCUMENTI

Conto del Bilancio

Illustra i risultati della gestione finanziaria rispetto alle previsioni, dando evidenza della gestione di competenza e di cassa, nonché della nuova formazione e dello smaltimento dei residui. È composto di uno stato di previsione per le entrate e uno stato di previsione per ogni Ministero per le spese. Al pari del bilancio, è strutturato per Missioni e Programmi

Conto del Patrimonio

Descrive le variazioni intervenute nel patrimonio dello Stato e la situazione patrimoniale finale, raccordandole alla gestione del bilancio. È corredato del conto del dare e avere relativo al servizio di tesoreria

Note integrative a consuntivo

Sono redatte per ciascuno stato di previsione, in analogia a quanto avviene nel bilancio. Nel caso degli stati di previsione della spesa sono articolate per missioni e programmi; illustrano i risultati raggiunti e le relative risorse impiegate in relazione a quelle programmate e le motivazioni di eventuali scostamenti tra i risultati conseguiti e gli obiettivi fissati in fase di predisposizione del bilancio

Missioni e programmi delle Amministrazioni centrali dello Stato

Le Missioni rappresentano "le funzioni principali e gli obiettivi strategici perseguiti con la spesa pubblica" e costituiscono una rappresentazione utile a rendere più trasparenti le grandi poste di allocazione della spesa". Sono suddivise in Programmi, aggregati omogenei di attività svolte all'interno di ogni singolo Ministero, per perseguire obiettivi ben definiti nell'ambito delle finalità istituzionali, riconosciute al Dicastero competente"

Rendiconto economico

Allegato al Rendiconto generale, illustra le risultanze economiche per ciascun Ministero. In analogia con il budget definito in fase di previsione, i costi sostenuti sono quantificati in base al principio di competenza economica, secondo tre diverse prospettive di rappresentazione: per Centro di costo, per Natura di costo e per Missioni/Programmi. Include il prospetto di riconciliazione che collega le risultanze economiche con quelle della gestione finanziaria delle spese contenute nel conto del bilancio

Ecorendiconto

Costituisce una sezione della più ampia Relazione illustrativa del disegno di legge relativo al rendiconto generale dello Stato. Illustra le risultanze delle spese ambientali delle amministrazioni centrali dello Stato, ovvero delle spese aventi per finalità la protezione dell’ambiente e l’uso e gestione delle risorse naturali

Rendiconto in breve

È un documento annuale a carattere divulgativo che riporta in sintesi le principali informazioni e risultati del bilancio dello Stato a consuntivo