Roma, 22 novembre 2017, ore 13.57
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Spesa per le opere pubbliche

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Spesa per le opere pubbliche > Comunicazioni > Esclusione CUP chiusi tardivamente e aggiornamento della percentuale di adempimento

Esclusione CUP chiusi tardivamente e aggiornamento della percentuale di adempimento

La manutenzione dei Codici Unici di Progetto (CUP) è fondamentale per la corretta programmazione e monitoraggio della spesa per investimenti. L’aggiornamento delle informazioni legate al CUP è necessaria per definire correttamente l’insieme delle opere in corso e delle opere concluse, una vera e propria anagrafe dei progetti di investimento in opere pubbliche.

Al fine di circoscrivere l’insieme delle opere pubbliche oggetto di monitoraggio (<<…opere in corso di progettazione o realizzazione alla data del 21 febbraio 2012>>, comma 3, art.1, DM 26 /02/2013), gli utenti BDAP possono individuare i CUP chiusi tardivamente riferiti a opere concluse prima del 21/02/2012: da oggi è in linea la nuova funzione ‘Esclusione CUP dal Monitoraggio’, utilizzabile a prescindere dal tipo di trasmissione dati (sia applicativo web TP MOP, che caricamento massivo BATCH MOP, che attraverso i sistemi degli Osservatori Regionali NOTA*)

Per maggiori dettagli consultate il manuale utente.

Questa attività permette di delineare tutti i CUP effettivamente oggetto di monitoraggio ai fini del d.lgs. 229/2011 e di calcolare correttamente la percentuale di adempimento al monitoraggio (presente nel report “Quadro Analitico degli Invii Sintesi” su BDAP in Controllo e Consolidamento dei Conti Pubblici > 2.1.1 Analisi Consolidamento Operazioni delle Amministrazioni Pubbliche).

NOTA* Gli Enti che si avvalgono dei sistemi degli Osservatori Regionali per la trasmissione dei dati alla BDAP potranno operare anche attraverso eventuali disposizioni alternative che gli stessi Osservatori renderanno note.