Roma, 22 novembre 2017, ore 12.06
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Spesa per le opere pubbliche

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Spesa per le opere pubbliche > Comunicazioni > Raccolta e invio dei dati alla BDAP tramite Osservatori regionali contratti pubblici

Raccolta e invio dei dati alla BDAP tramite Osservatori regionali contratti pubblici

A seguito dell’avvio dell’attività di monitoraggio delle opere pubbliche è emersa l’opportunità, rappresentata da alcuni Enti a livello regionale, provinciale e comunale, di essere coadiuvati, per la fase di raccolta ed invio dei dati alla BDAP, dagli Osservatori regionali contratti pubblici, istituiti da norme regionali e svolgenti anche funzioni di sezione regionale dell’Osservatorio ANAC ai sensi dell’articolo 7 del decreto legislativo n.163/2006.

Alcuni Osservatori hanno conseguentemente predisposto dei sistemi telematici di rilevazione/invio delle informazioni alla BDAP ad uso delle stazione appaltanti del proprio territorio, raccordandosi con Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) anche sulla tempistica degli invii. Si tratta, in particolare, dell’Osservatorio della Regione Toscana (sistema Sitat-229), della Regione Emilia-Romagna (SitarAli229), della Regione Basilicata (Siab-229) e della Regione Umbria (BDOP).

Altri Osservatori regionali potranno aggiungersi a breve.

Al riguardo si comunica che l’invio effettuato tramite gli Osservatori regionali che hanno attivato applicativi software ad hoc riconosciuti dal MEF, assolve all’obbligo di comunicazione alla BDAP.

Tali Osservatori, a loro volta, sono tenuti a trasmettere i dati alla BDAP entro i 15 giorni successivi alle scadenze di cui alla Circolare RGS dell’8 aprile 2014 n.14.