Roma, 25 marzo 2017, ore 10.35
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Spesa Sociale

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Spesa Sociale

La valutazione, la previsione, il monitoraggio ed il controllo della spesa sociale

La Ragioneria Generale dello Stato svolge una intensa attività di valutazione, previsione, monitoraggio e controllo della spesa sociale (pensioni, assistenza, sanità, ammortizzatori sociali, incentivi all'occupazione). Tali compiti prevedono:

  • l'attività prelegislativa, in tutte le fasi del procedimento;
  • l'attività di monitoraggio della spesa sociale, mediante l'applicazione di modelli analitici di rilevazione ed elaborazione a livello mensile e trimestrale;
  • l'attività di previsione degli andamenti della spesa sociale mediante analitici modelli di previsione di breve periodo (ai fini della predisposizione del conto delle PA nell'ambito dei diversi documenti di finanza pubblica) e di lungo periodo. Tali modelli sono utilizzati nelle diverse sedi di confronto a livello internazionale, in particolare: Unione Europea (Economic Policy Committee - Working Group on Ageing, EPC-WGA), OCSE (elaborazione dei rapporti Italia, ecc.) e Fondo Monetario Internazionale (elaborazione delle risposte ai questionari del FMI, in occasione delle missioni annuali previste dall' article IV, ecc.);
  • il coordinamento del Tavolo sulla verifica degli adempimenti regionali ai fini dell'accesso all'incremento del finanziamento della spesa sanitaria previsto dall'Accordo Stato-Regioni dell'8 agosto 2001;
  • la vigilanza sulle delibere degli enti previdenziali privatizzati in materia di contributi e prestazioni;
  • l'attività di interscambio di informazioni statistiche con l'Istat, a seguito della Convenzione tra il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato e l'Istat medesimo.