Roma, 23 aprile 2017, ore 19.53
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Vigilanza e Controllo di Finanza Pubblica

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Attività istituzionali > Vigilanza e Controllo di Finanza Pubblica

La vigilanza sugli enti e gli organismi pubblici

La Ragioneria Generale dello Stato, tra l'altro, svolge:

  • funzioni di controllo, monitoraggio e vigilanza sulla finanza pubblica demandate, sulla base della legislazione vigente, al Ministero dell'Economia e delle Finanze - MEF;
  • attività normativa, interpretativa, di indirizzo e coordinamento in materia di ordinamenti amministrativo-contabili dello Stato e degli Enti ed Organismi pubblici.


Il riscontro finanziario e contabile sulle Amministrazioni dello Stato e sugli Enti ed Organismi pubblici è esercitato attraverso:

  • l'espletamento delle funzioni di vigilanza sugli enti ed organismi pubblici e di coordinamento delle funzioni di revisione contabile svolte dai parte dei rappresentanti del MEF in seno ai Collegi sindacali e di Revisione;
  • i controlli ispettivi svolti dai Servizi Ispettivi di Finanza Pubblica - SIFiP;
  • il coordinamento dei controlli "di ragioneria" svolti dal "Sistema delle Ragionerie" (Uffici Centrali del Bilancio e Ragionerie Provinciali dello Stato, rispettivamente UCB ed RPS).

L'attività di vigilanza sugli enti ed organismi pubblici e di coordinamento dell'attività di revisione contabile è svolta dall'Ispettorato Generale di Finanza prevalentemente attraverso l'esame dei bilanci e dei verbali trasmessi dai rappresentanti del MEF in seno ai collegi di revisione o sindacali degli enti ed organismi pubblici.

Nel contesto della funzione del controllo sulla gestione degli enti è in fase di predisposizione una procedura di acquisizione telematica dei bilanci degli enti pubblici, introdotta a decorrere dall'anno 2007 dall'art. 32 del D.L. 30 dicembre 2005, n.273, recante "Definizione e proroga dei termini, nonché conseguenti disposizioni urgenti", convertito dalla Legge 23 febbraio 2006, n. 51, basata sulla creazione di un software applicativo per consentire la raccolta informatizzata dei dati contabili degli enti vigilati.