Roma, 22 novembre 2017, ore 12.20
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2002 > Circolare del 16 ottobre 2002 n. 32

Chiusura delle contabilità dell'esercizio finanziario 2002, in attuazione delle vigenti disposizioni in materia contabile

Avvicinare l'ordinamento amministrativo contabile pubblico ai modelli gestionali e alle regole operative proprie delle imprese private: questo il processo nell'ambito del quale si sviluppa il lavoro di indirizzo e guida avviato dalla Ragioneria Generale dello Stato, dal quale scaturiscono le seguenti "Linee guida sulla rappresentazione contabile di alcune poste di bilancio" per gli enti pubblici no-profit.

Tali linee guida - indirizzate ai revisori dei conti nelle Autorità Portuali, Parchi Nazionali, Istituti previdenziali pubblici - sono state elaborate sulla base di principi elaborati e pubblicati da una Commissione di studio, istituita dal Ministro dell'Economia su proposta della Ragioneria Generale, sui "principi generali di redazione del bilancio di previsione e del rendiconto della gestione degli Enti pubblici" e sui "principi generali di revisione contabile".

Il progressivo orientamento dei sistemi contabili pubblici verso logiche e meccanismi di funzionamento economico-aziendali è stato di fatto avviato con l'introduzione della contabilità economico-patrimoniale in aggiunta a quella finanziaria, più tradizionale, con l'adozione della contabilità analitica e con la sperimentazione di più sofisticate tecniche di controllo (quali il controllo di gestione e strategico).

La necessità di diffondere un preciso documento di indirizzo è nata a seguito dell'analisi dei documenti contabili degli enti pubblici istituzionali no-profit relativi all'esercizio finanziario 2001, effettuata dall'Ispettorato Generale di Finanza nell'ambito dello svolgimento della propria attività istituzionale: è stato osservato infatti che le rilevazioni economico-patrimoniali non sempre sono state effettuate sulla base di corrette norme contabili.