Roma, 23 novembre 2017, ore 19.26
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2003 > Circolare del 4 febbraio 2003 n. 8

Bilancio dello Stato anno 2003. Nuovi strumenti di razionalizzazione e di flessibilità per la gestione delle spese

La legge 3 aprile 1997, n. 94 nel dar luogo a un radicale cambiamento della struttura del bilancio dello Stato, ha introdotto, tra l'altro, innovazioni volte a perseguire l'incremento dell'efficienza e dell'economicità dell'azione della pubblica Amministrazione e a razionalizzarne le funzioni.

La circolare n. 8/2003, nel fornire chiarimenti e indicazioni sui nuovi strumenti di razionalizzazione e di flessibilità per la gestione delle spese, richiama le innovazioni apportate alla gestione del bilancio dello Stato dalla manovra di finanza pubblica, recentemente approvata dal Parlamento, seguendo le iniziative di riforma avviata dalla legge 94 del 1997.

L'aspetto innovativo riguarda principalmente l'integrazione dell'attuale normativa con le disposizioni che consentono a ciascuna Amministrazione di far fronte autonomamente, con variazioni compensative nell'ambito del proprio bilancio, ad eventuali particolari esigenze che potrebbero intervenire nel corso della gestione.

In particolare occorre fare riferimento:
- alla L.F./2003 (art. 23. c. 1), che istituisce nell'ambito di ciascuno stato di previsione della spesa, un fondo da ripartire per eventuali maggiori esigenze di spese per consumi intermedi.
Le variazioni vengono adottate con decreti del Ministro competente;
- alla legge di bilancio 2003 (art. 18 c. 22), che prevede la possibilità di effettuare, nell'ambito di ogni stato di previsione, variazioni compensative anche tra capitoli di diverse unità previsionali di base. Le variazioni vengono adottate con decreti del Ministro dell'economia e delle finanze.