Roma, 21 novembre 2017, ore 18.28
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2003 > Circolare del 12 marzo 2003 n. 13

Ristrutturazione del Conto generale del patrimonio dello Stato in attuazione del D.L.vo 279/1997. Decreto interministeriale 18 aprile 2002 pubblicato nella G.U. n.24 del 30 gennaio 2003

La circolare n. 13/2003 definisce criteri di classificazione e modelli contabili che permetteranno una rappresentazione sotto l’aspetto economico (valore, variazioni annuali e redditività) del Conto generale del patrimonio dello Stato. Tale classificazione va a modificare l’attuale struttura dei “conti generali”, che finora ha risposto ad esigenze giuridico-amministrative. Il Conto generale del patrimonio (che costituisce la seconda parte del rendiconto generale dello Stato) è il documento contabile che fornisce annualmente la situazione patrimoniale dello Stato quale risulta in chiusura di esercizio per effetto delle variazioni e delle trasformazioni prodotte nei suoi componenti attivi e passivi dalla gestione di bilancio o da qualsiasi altra causa.

In particolare, si introduce:

  • l’individuazione dei beni suscettibili di utilizzazione economica;
  • una classificazione e quantificazione sotto il profilo economico dei risultati della gestione patrimoniale e dei flussi finanziari ad essa correlati, raccordata alle poste attive e passive riportate dal Sec ’95, secondo quanto disposto dalla normativa del Sistema europeo dei conti nazionali e regionali UE;
  • una maggiore significatività dei valori rappresentati dalle consistenze patrimoniali;
  • un legame puntuale tra variazione patrimoniale e gestione del bilancio.

Con la presente circolare, si completa un processo di ristrutturazione del Conto generale del patrimonio dello Stato iniziato nel 1997 (Legge n. 94 e decreto legislativo n. 279) e perfezionato dal decreto interministeriale 18/04/02 pubblicato in GU n. 24 del 30/01/03, e si raggiunge una tappa importante nel processo di adeguamento della contabilità pubblica agli standard di gestione europei. Una prima espressione di tale nuova rendicontazione si avrà già con il Conto generale del patrimonio per l’esercizio 2002, mentre per l’utilizzo completo dei nuovi modelli contabili che riportano la classificazione dei beni per categorie e quella ulteriore del Sec ’95, si opererà a decorrere dal luglio 2003. Il nuovo documento contabile consisterà di due parti: la prima, rendiconterà i conti accesi ai componenti attivi e passivi significativi del patrimonio in quattro macroaggregati (attività finanziarie, attività non finanziarie prodotte, attività non finanziarie non prodotte, passività finanziarie), contenenti a loro volta ulteriori livelli di dettaglio; la seconda, illustrerà i legami tra dati patrimoniali e quelli del Conto del bilancio alla luce della nuova impostazione del bilancio per unità previsionali di base, in particolare per le spese secondo le “funzioni obiettivo”(le missioni istituzionali perseguite da ciascuna Amministrazione). Al conto generale del patrimonio verranno inoltre allegati il conto consuntivo, economico e patrimoniale della Patrimonio SpA e il conto consolidato della gestione di bilancio statale e della gestione della stessa Patrimonio Spa.

Allegati

Buono di carico e scarico dei beni mobili dello Stato (già Mod. 130 P.G.S. - formato XLS - dimesione 23KB) Scheda dei mobili di proprietà dello Stato esistenti nei locali dell’Ufficio (già Mod. 227 P.G.S. - formato XLS- dimesione 20KB)