Roma, 17 novembre 2017, ore 22.22
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2004 > Circolare del 30 dicembre 2004 n. 42

Istruzioni per il rinnovo degli inventari dei beni mobili dello Stato.

La circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 42 del 30 dicembre 2004, ai sensi dell'articolo 17, comma 5, del Regolamento emanato con il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254 impartisce istruzioni a tutte le amministrazioni per il rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato, disponendo, al fine di consentire un completo e regolare svolgimento delle relative operazioni di ricognizione e registrazione, che queste si effettuino con riferimento alla situazione esistente al 31 dicembre 2005.

L'inventario e la ricognizione effettiva dei beni dovrà essere effettuata periodicamente - almeno ogni cinque anni - dai consegnatari e dai cassieri delle amministrazioni dello Stato.  Nell'inventario dovranno essere iscritti solo i beni mobili "che non hanno carattere di beni di consumo" ed "aventi un valore superiore a cinquecento euro, IVA compresa", ricorrendo così al concetto di "universalità di mobili", al fine di evitare che beni quali un salotto, uno studio, una postazione informatica di lavoro, ecc. siano oggetto di un'inventariazione parziale.

Altre novità intervenute nell'ambito della gestione dei beni mobili, riguardano:

  • l'obbligo di apposizione per ogni bene del codice "SEC '95";
  • l'utilizzo del  nuovo sistema di gestione e controllo dei beni mobili - GECO;
  • l'applicazione, ai fini dell'attribuzione del valore, del criterio dell'ammortamento.

I beni da inventariare sono suddivisi per categorie, il cui elenco è riportato nel paragrafo I della circolare. Si forniscono poi disposizioni in merito alle operazioni di ricognizione dei beni, sulla valutazione dei beni non più utilizzabili, istruzioni su eventuali sistemazioni contabili (paragrafo II). Sono inoltre indicati (paragrafo III) i criteri da seguire per l'aggiornamento dei valori dei beni effettivamente in uso: la consistenza mobiliare è stata distinta tra beni acquisiti prima dell'anno 2000 - ai quali si applicherà, in via principale, il "criterio dei coefficienti" secondo tabelle allegate, i cui parametri tengono conto di quanto disposto dal citato decreto interministeriale del 18 aprile 2002 circa l'attribuzione del valore di mercato - e beni acquisiti a partire dall'anno 2000 - i cui valori saranno aggiornati in base al criterio dell'ammortamento, secondo quanto stabilito nell'ambito dei princìpi contabili del sistema unico di contabilità economica analitica per centri di costo delle pubbliche Amministrazioni fissati con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 22 aprile 2004.

La circolare contiene infine disposizioni in merito agli adempimenti per i riscontri sui dati delle risultanze, alla relativa contabilizzazione da parte dei competenti uffici riscontranti (paragrafo IV) e alcune istruzioni particolari relativamente all'obbligo, da parte dei consegnatari, di apporre su ciascun bene mobile il relativo numero d'inventario e di aggiornare la scheda (paragrafo V).

Uffici centrali del Bilancio e Ragionerie Provinciali dello Stato forniranno ogni utile forma di consulenza e opportuni chiarimenti ai quesiti che potranno pervenire dai consegnatari delle singole Amministrazioni.