Roma, 22 novembre 2017, ore 17.25
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2005 > Circolare del 17 maggio 2005 n. 19

Legge 30 dicembre 2004, n.311 (legge finanziaria 2005) - Limiti di spesa per autovetture di cui alle disposizioni stabilite dall'art.1, commi 12, 13 e 14

L'art.1, comma 12 della Legge finanziaria 2005 ha previsto un limite all'incremento della spesa per autovetture nel triennio 2005-2007 e l'obbligo di comunicazione per l'anno 2005 della consistenza delle autovetture a disposizione degli enti di cui al D.Lgs.n.165/2001 (fanno eccezione gli enti territoriali e loro aziende, comprese quelle del settore sanitario) entro il termine del 31 marzo 2005.

Con la circolare n.11 del 21 marzo 2005, la Ragioneria Generale dello Stato - destinatario delle suddette comunicazioni - ha chiesto alle Amministrazioni competenti di provvedere sia alla raccolta delle relazioni che alla trasmissione delle stesse agli Uffici Centrali del Bilancio esistenti presso ogni dicastero vigilante entro la scadenza stabilita.

Ai fini della relazione che il MEF dovrà redigere per il Parlamento in merito ai risultati conseguiti per effetto dell'applicazione delle disposizioni del comma 12, nella circolare è stata aggiunta una seconda scheda in cui va rilevata la spesa prevista per il 2005 e quella sostenuta nel 2004, al fine della quantificazione dei risultati in termini di risparmio.

Per consentire alla Ragioneria Generale dello Stato di acquisire in tempi utili tutte le informazioni necessarie, i revisori dei conti nominati in rappresentanza del Ministero dell'Economia e delle Finanze nei collegi di revisione o sindacali presso gli enti ed organismi pubblici non territoriali, dovranno attivarsi affinché entro il 31 maggio 2005 gli elementi richiesti pervengano agli Uffici dell'Ispettorato Generale di Finanza competenti per materia.