Roma, 21 novembre 2017, ore 21.51
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Consuntivo attività
(Relazione allegata al conto annuale 2006)

TERMINI DI INVIO
2 luglio - 15 settembre per Comuni Unioni dei Comuni e Aziende sanitarie ed ospedaliere

14 maggio - 30 giugno per Ministeri, Agenzie e Presidenza del Consiglio

 

Tipologie di enti oggetto di rilevazione informatizzata

Contratto

Tipologia

Istituzioni/Tipologia

Ufficio di controllo di I livello

Inviano tramite il Nuovo Sistema Informativo Sanitario (N.S.I.S.)

01/00

U

Aziende sanitarie ed ospedaliere

Ragioneria Provinciale competente per territorio

01/00

U

ESTAV - Toscana (Enti per i servizi tecnico-amministrativi di area vasta)

Ragioneria Provinciale competente per territorio

Tramite la procedura SICO

04/01

C

Comuni (*)

Ragioneria Provinciale competente per territorio

04/01

UC

Unioni di Comuni (*)

Ragioneria Provinciale competente per territorio

05/01

M

Ministeri

Ministero dell'Economia e delle Finanze

15/00

AG

Agenzia delle dogane

Ministero dell'Economia e delle Finanze

15/00

AG

Agenzia delle entrate

Ministero dell'Economia e delle Finanze

15/00

AG

Agenzia del territorio

Ministero dell'Economia e delle Finanze

21/00

M

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Ministero dell'Economia e delle Finanze

(*) Sono inclusi gli enti situati nel territorio delle Regioni a Statuto Speciale e nelle Province Autonome di Trento e Bolzano che applicano il contratto CCRL.

È prevista anche la proceduta di trasferimento dei dati con protocollo, tramite procedura FTP.

Tutte le altre amministrazioni ed enti, individuate per tipologia, produrranno la relazione illustrativa sui risultati della gestione che dovrà essere trasmessa via e-mail ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

Tipologie di enti che inviano la Relazione illustrativa sui risultati della gestione

Tipologia Ente

Ente

E-mail

A

Aziende autonome

drgs.igop.ufficio11@tesoro.it

AA

Altri enti

drgs.igop.ufficio11@tesoro.it

AB

Autorità di bacino

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

AP

Agenzie per la protezione dell'ambiente

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

AU

Autorità indipendenti

drgs.igop.ufficio13@tesoro.it

CF

Consorzi Fluviali

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

CS

Consorzi, associazioni e comprensori tra comuni, province e comunità montane

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

D

Istituti Autonomi Case Popolari

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

E

Automobile Club

drgs.igop.ufficio11@tesoro.it

ER

Altri enti regionali

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

ES

Enti per il diritto allo studio

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

F

Enti previdenziali e assistenziali

drgs.igop.ufficio11@tesoro.it

IC

Istituti culturali

drgs.igop.ufficio11@tesoro.it

IP

Ex IPAB con funzioni assistenziali

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

IP

Ex IPAB con funzioni sanitarie

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

IR

Istituti di ricerca e sperimentazione

drgs.igop.ufficio13@tesoro.it

J

Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

K

Istituti zooprofilattici sperimentali

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

N

Comunità montane

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

OC

Organi costituzionali

drgs.igop.ufficio4@tesoro.it

OS

Osservatori

drgs.igop.ufficio13@tesoro.it

P

Province

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

PA

Parchi naturali ed enti per la difesa ambientale

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

PN

Enti parchi nazionali

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

PU

Policlinici universitari

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

Q

Università

drgs.igop.ufficio13@tesoro.it

R

Regioni

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

RA

Enti regionali di sviluppo agricolo

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

RE

Residenze sanitarie assistite

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

RS

Regioni a statuto speciale

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

T

Aziende ed enti per il soggiorno e turismo

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

U

ESTAV

drgs.igop.ufficio15@tesoro.it

UA

Università agrarie ed associazioni agrarie

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

V

Camere di commercio

drgs.igop.ufficio14@tesoro.it

 

La rilevazione relativa alla Relazione allegata al Conto Annuale 2006 per tutti i Comuni e le Unioni di Comuni è articolata in tre tabelle:

- Tabella "T18 - Modalità di gestione",

- Tabella "T19 - Attività",

- Tabella "T20 - Prodotti".

Il sistema SICO, in base alla dimensione del comune, provvede a selezionare in automatico la versione semplificata (se il numero degli abitanti è inferiore a 15.000) o dettagliata (se il numero degli abitanti è superiore a 15.000) delle tabelle di rilevazione.

Sono state introdotte delle modifiche che rendono più snella la rilevazione, in particolare le informazioni richieste per singola attività - Tabella 19 - sono aggregate non più con i Gruppi Qualifica ma per Categoria.

Le Unioni di Comuni trasmettono i dati relativi al proprio personale dipendente assunto, trasferito o comandato dai Comuni, compilando le tabelle dettagliate di rilevazione T18 - T19 - T20 predisposte sul SICO.

Informazioni generali e modalità operative di compilazione

La versione cartacea della tabelle, utile per la raccolta di informazioni da inserire successivamente sul sistema gestionale SICO, è disponibile collegandosi alla pagina di SICO http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Servizi-e-/SICO/Relazioni-/index.asp. Il file contenente le tabelle di rilevazione per i Comuni e composto da vari fogli di lavoro a seconda della dimensione del Comune. Le tabelle da comunicare sono: T18, T19, T20 per i Comuni con più di 15.000 abitanti e per tutte le Unioni di Comuni, e T18S e T19S e T20 per i Comuni fino a 15.000 abitanti.

I Comuni che nel corso del 2006 hanno superato la soglia dei 15.000 abitanti sono tenuti a compilare non più la versione semplificata delle tabelle "S", a tal fine dovranno comunicare la cifra esatta della popolazione al 31/12/2006 a quesiti.sico@tesoro.it, in modo che si predispongano le giuste tabelle all'apertura del Sico.

Tra le tabelle T18 e T19 sussiste una relazione in base alla quale possono essere comunicate in T19 (T19S) solo le attività effettuate, sia pur parzialmente, in economia diretta, come da compilazione della T18 (T18S).

IMPORTANTE

 

È necessario acquisire in SICO la Tabella T 18 - Modalità di gestione, prima della Tabella T 19 - Attività, in quanto in quest'ultima sarà possibile inserire soltanto i dati per le attività che si è dichiarato di svolgere almeno in parte in economia diretta nella T 18.

 

L'utente può scegliere tra le aree operative:

- attività funzionamento,

- attività di indirizzo politico - istituzionale,

- attività istituzionale.

In seguito, potrà scegliere tra diverse aree di intervento ed infine tra le varie attività.

Concluso l'inserimento dei dati e salvata l'ultima tabella è indispensabile procedere alla richiesta della Certificazione, come riportata nel paragrafo successivo.

Certificazione dell'invio

Per ottenere la certificazione si deve entrare in SICO con la login del responsabile del procedimento RP_ xxx_yyyy_001 e selezionare il link "Certificazione dell'Invio" nel menù di destra. L'istituzione, indicherà le tabelle comunicate (immagine sotto) e attiverà la stampa della certificazione tramite il tasto "Salva e produci certificazione PDF". Il sistema produrrà un documento in pdf che visualizzerà la certificazione dell'invio. Si consiglia di stampare e salvare sul proprio pc il file pdf.

Stampa intero modello

Effettuata la certificazione, accedendo con la login RP_ xxx_yyyy_001 ed utilizzando la funzione "Richiesta Stampa Intero Modello" presente nel menù di destra della schermata principale di SICO, si richiede la stampa dell'intero modello contenente anche la certificazione precedentemente effettuata. La richiesta viene registrata dal sistema che renderà disponibile la visualizzazione del documento il giorno dopo la richiesta, attraverso la funzione "Visualizza Stampa Intero Modello".

Tabella "T18 - Modalità di gestione"

Modalità operative di compilazione

Dopo aver raccolto le informazioni con il modello cartaceo, si procede all'immissione dei dati in SICO, collegandosi al sito www.rgs.mef.gov.it e cliccando sul link SICO, ovvero collegandosi all'indirizzo http://www.sico.tesoro.it/

Figura 1

Di seguito si riporta la sequenza delle operazioni necessarie per immettere i dati. Nella compilazione della schermata sarà necessario nell'ordine:

  • inserire login e password e cliccare sul pulsante "Conferma";
  • selezionare la funzione "Consuntivo attività";
  • selezionare l'anno di rilevazione (2006);
  • selezionare la tipologia di Istituzione di riferimento (Comuni/Unioni di Comuni);
  • specificare l'Istituzione (denominazione dell'Ente);
  • selezionare il contratto di riferimento;
  • selezionare la tipologia di informazione desiderata (T18_Modalità di Gestione);

Figura 2

  • selezionare l'area operativa tra Funzionamento, Indirizzo politico-istituzionale ed Istituzionale;
  • selezionare l'area d'intervento;

Figura 3

  • selezionare l'attività;
  • inserire i dati.

Bisogna inserire la distribuzione, in percentuale, della gestione dell'attività tra le varie modalità di gestione previste. I Comuni e le Unioni di Comuni, nell'ambito delle rispettive competenze, provvedono alla gestione dei servizi pubblici che abbiano per oggetto produzione di beni ed attività rivolte a realizzare fini sociali e a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali (D. Lgs. 267/2000).

In particolare, si chiede in che misura l'attività sia attuata secondo le modalità di gestione descritte nello schema seguente:

Modalità di gestione delle attività

Modalità di gestione

Descrizione

Interventi in economia diretta

L'organizzazione del lavoro è direttamente a cura dell'amministrazione e sotto la sua completa responsabilità.

Appalti

L'amministrazione affida l'esecuzione di lavori ad uno o più appaltatori, attraverso le procedure di affidamento previste

Concessioni a terzi

Procedura alternativa all'attività contrattuale, mediante la quale l'Ente concedente trasferisce al concessionario lo svolgimento di particolari attività, senza essere vincolato da gara pubblica, sussistendo particolari ragioni tecniche, economiche e di opportunità sociale

Aziende speciali o municipalizzate

L'azienda speciale è un Ente strumentale dell'Ente locale dotato di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale e di proprio statuto; è responsabile della gestione di più servizi di rilevanza economica ed imprenditoriale

Istituzioni

L'Istituzione è organismo strumentale dell'Ente locale per l'esercizio di servizi sociali, senza rilevanza imprenditoriale

Società partecipate

(partecipate fino al 50% ed oltre il 50%)

Società per azioni o a responsabilità limitata a prevalente capitale pubblico locale costituite o partecipate dall'Ente titolare del pubblico servizio

Convenzioni

I Comuni possono stipulare tra loro apposite convenzioni, al fine di svolgere in modo coordinato opere, funzioni e servizi determinati

Consorzi

I Comuni possono costituire un consorzio per la gestione associata di uno o più servizi e l'esercizio associato di funzioni

Accordi di programma

Accordi per la definizione e l'attuazione di opere, interventi e programmi di intervento che richiedono l'azione integrata e coordinata di Comuni, province e regioni, amministrazioni statali ed altri soggetti pubblici

Unioni di Comuni (*)

Affidamento ad Unioni di Comuni di alcune funzioni

Enti autonomi

Si distinguono in:

Enti pubblici territoriali: Regioni, Province, Comuni;

Enti pubblici istituzionali: si occupano di non solo l'interesse pubblico e sono distinti in:
- nazionali (INPS, INAIL, CONI, ecc);
- locali: si occupano di una parte circoscritta di territorio come ad esempio le camere di commercio

Collaborazioni o patrocini

Iniziative di importanza regionale, con finalità culturali, scientifiche, educative, sociali e celebrative

Co.Co.Co. e Consulenze

L'amministrazione può affidare lo svolgimento di attività a personale esterno, in particolar modo a Collaborazioni Coordinate e Continuative o a Consulenze Esterne

Altro

 

(*) Per le Unioni di Comuni, nella Tabella T18, la modalità di gestione "Unioni di Comuni" sarà informaticamente inibita.

È necessario che la somma delle percentuali attribuite alle varie modalità di gestione di ciascuna attività sia pari a 100, ossia che il totale di ciascuna riga della tabella cartacea sia uguale a 100. Tale controllo è attivo nel sistema informativo SICO.

NOVITA'

 

Quest'anno è stata introdotta una nuova voce tra le modalità di gestione "Co.Co.Co. e Consulenze", tipologia che gli altri anni rientrava nella modalità di gestione "Altro".

 

Il criterio di attribuzione della percentuale deve essere quello della quantità di lavoro svolta nelle diverse modalità di gestione. Ove ciò non sia di possibile quantificazione, il criterio da adottare sarà quello del costo sostenuto.

Esempi

La manutenzione ordinaria di un impianto semaforico di un certo comune è affidata totalmente ad una azienda municipalizzata.

Codice

Attività

Interventi in
economia diretta

Appalti

Concessioni a terzi

Aziende

speciali/
municipalizzate

IPB002

Gestione e manutenzione ordinaria

     

100

L'attività di gestione di sistemi informatici è svolta per il 30% da dipendenti del comune e per il 70% da personale di una società esterna (in forza di un contratto di appalto).

Codice

Attività

Interventi in
economia diretta

Appalti

Concessioni a terzi

Aziende speciali/
municipalizzate

FSI001

Gestione di sistemi informatici

30

70

   

L'attività di amministrazione del personale è svolta totalmente da personale del comune.

Codice

Attività

Interventi in
economia diretta

Appalti

Concessioni a terzi

Aziende speciali/
municipalizzate

FGP001

Amministrazione personale

100

     

Potrebbe verificarsi la situazione in cui una certa attività sia svolta totalmente (100%) in appalto, ma qualche impiegato svolge qualche funzione di supporto (preparazione atti, gestione della documentazione, archiviazione delle pratiche, ecc.); in tal caso si può imputare una minima parte in economia diretta e la restante in appalto.

Codice

Attività

Interventi in
economia diretta

Appalti

Concessioni a terzi

Aziende speciali/
municipalizzate

ISP015

Gestione trasporti scolastici

5

95

   

Rilevazione di attività di Comuni gestite da Unioni di Comuni

Nel caso in cui vi siano servizi (ad esempio, raccolta e smaltimento rifiuti) gestiti totalmente o parzialmente dall'Unione di Comuni, la rilevazione dovrà essere effettuata nel modo seguente per le diverse tipologie di Enti (Comuni/unioni):

Comuni

Codice

Attività

Convenzioni

Consorzi

Accordi di programma

Unioni di Comuni

ISC010

Raccolta e smaltimento rifiuti

 

 

 

100

L'attività di raccolta e smaltimento rifiuti è svolta totalmente dall'Unione di Comuni. Nella Tabella T19 tale attività non sarà valorizzata, in quanto non svolta da personale dipendente dal comune, ma dall'Unione.

Unioni di Comuni

Codice

Attività

Interventi in
economia diretta

Appalti

Concessioni a terzi

Aziende speciali/

municipalizzate

ISC010

Raccolta e smaltimento rifiuti

100

 

 

 

L'unione di Comuni dovrà, invece, compilare la Tabella T18, come sopra illustrato. Di conseguenza, dovrà compilare il corrispondente campo nella Tabella T19.

Tabella "T19 - Attività"

Con questo modello vengono richieste le informazioni sull'impiego del personale in relazione alle attività svolte in gestione diretta indicate nella Tabella "T18 - Modalità di gestione".

Modalità operative di compilazione

Dopo aver raccolto le informazioni con il modello cartaceo, si procede all'immissione dei dati in SICO, secondo quanto già descritto per la Tabella 18.

 

NOVITA'

 

Quest'anno il tempo lavorato espresso in ore sarà rilevato per Categorie di personale e non più per Gruppi Qualifica,.

 

 

Di seguito si riporta la sequenza delle operazioni necessarie per immettere i dati.:

  • inserire login e password e cliccare sul pulsante "Conferma";
  • selezionare la funzione "Consuntivo attività";
  • immettere l'anno di rilevazione (2006);
  • inserire la tipologia di Istituzione di riferimento (Comuni/Unioni di Comuni);
  • specificare l'Istituzione (denominazione dell'Ente);
  • selezionare il contratto di riferimento;
  • selezionare la tipologia di informazione desiderata (T19_Attività);

Figura 4

  • selezionare dal menù a tendina la Categoria cui appartengono le qualifiche
  • inserire i dati.

Il personale è classificato in Categorie, e raggruppa le qualifiche secondo la seguente associazione:

 

 

 

Schema delle Categorie/Qualifiche di personale (CCNL)

Categoria

Qualifica

DIRIGENTI

  • Qualifica dirigenziale tempo indeterminato
  • Qualifica dirigenziale tempo determinato

CATEGORIA D

  • Posizione economica D6 profili accesso D3
  • Posizione economica D5 profili accesso D3
  • Posizione economica D4 profili accesso D3
  • Posizione economica di accesso D3
  • Posizione economica D6 profili accesso D1
  • Posizione economica D5 profili accesso D1
  • Posizione economica D4 profili accesso D1
  • Posizione economica D3
  • Posizione economica D2
  • Posizione economica di accesso D1

CATEGORIA C

  • Posizione economica C5
  • Posizione economica C4
  • Posizione economica C3
  • Posizione economica C2
  • Posizione economica di accesso C1

CATEGORIA B

  • Posizione economica B7 profili accesso B3
  • Posizione economica B6 profili accesso B3
  • Posizione economica B5 profili accesso B3
  • Posizione economica B4 profili accesso B3
  • Posizione economica di accesso B3
  • Posizione economica B7 profili accesso B1
  • Posizione economica B6 profili accesso B1
  • Posizione economica B5 profili accesso B1
  • Posizione economica B4 profili accesso B1
  • Posizione economica B3
  • Posizione economica B2
  • Posizione economica di accesso B1

CATEGORIA A

  • Posizione economica A5
  • Posizione economica A4
  • Posizione economica A3
  • Posizione economica A2
  • Posizione economica di accesso A1

DIRIGENTI E ALTE SPECIALIZZAZIONI FUORI DOTAZIONE ORGANICA

  • Dirigenti fuori dotazione organica
  • Alte specializzazioni fuori dotazione organica

RESTANTE PERSONALE

Collaboratore a tempo determinato (Collaboratori del Sindaco)

PERSONALE CONTRATTISTA

Contrattisti (si intende il personale dipendente da un'amministrazione pubblica al quale si applica un contratto di lavoro del settore privato (es. tipografo, chimico, metalmeccanico, edile, portierato, ecc.)

PERSONALE FLESSIBILE

(Personale di Tabella 2 - Conto Annuale)

 

  • Tempo determinato
  • Formazione lavoro
  • Interinale
  • L.S.U.

Qualifiche da NON RILEVARE nella Relazione al Conto Annuale Comuni ed Unioni Comuni

  • Segretario Comunale A
  • Segretario Comunale B
  • Segretario Comunale C
  • Direttore Generale

 

Debbono essere rilevate anche le attività svolte, presso il proprio ente, dal personale comandato o distaccato da altre istituzioni. Non vanno rilevate le ore di quel personale che svolge attività presso altri enti, anche se vengono pagate le mensilità (T12 - Conto Annuale) o vengono rimborsate le spese di personale (T14 - Conto Annuale)

Nella schermata della Tabella T19 - Attività sono elencate soltanto le attività svolte, anche in minima parte, in gestione diretta come dichiarate nella Tabella T18 - Modalità di gestione.

Tra le varie attività sarà necessario distribuire, in ore, il tempo lavorato dal personale appartenente alla categoria selezionata.

 

Le attività sono classificate nelle aree operative diFunzionamento, di Indirizzo politico - istituzionale ed Istituzionale. Una Unità Organizzativa (U.O.) che svolge attività volte al mantenimento della struttura amministrativa (ad esempio le U.O. dell'ufficio degli Affari Generali e del Personale) dovrà cercare le attività da imputare nell'ambito delle attività di funzionamento; analogamente una U.O. che svolge attività finalizzate, ad esempio, all'erogazione di servizi, tipica attività correlata alla "missione istituzionale" del Comune dovrà ricercare le attività nell'ambito delle attività istituzionali.

Una volta individuata l'area operativa in cui si collocano le attività di propria competenza è opportuno individuare l'area o le aree di intervento di interesse della U.O., che corrispondono generalmente alle funzioni da essa svolte; all'interno delle aree di intervento si potranno quindi scegliere le attività svolte dal personale.

Oltre alle indicazioni sulle modalità di individuazione delle attività (Classificazione attività e prodotti per la relazione al conto annuale) è opportuno tener presenti anche le seguenti indicazioni:

- non debbono essere rilevate le attività svolte dal segretario comunale e dal direttore generale del Comune, perché l'attività da essi svolta comprende tutte quelle dell'Ente;

- le U.O. che svolgono funzioni di segreteria per il Sindaco e gli Assessori, di considerare la totalità del loro tempo lavorato come attività di indirizzo politico - istituzionale, che troveranno in SICO nell'area operativa "indirizzo politico - istituzionale";

- nel tempo dedicato dal personale ad un'attività va compreso anche quello dedicato alla dattiloscrittura, alla fotocopiatura, alla protocollazione, all'archiviazione delle pratiche o documentazione relativa alle attività di propria competenza svolte nell'ambito dell'U.O. stessa. Qualora, invece, l'U.O. appartenga a strutture di supporto di altri uffici, le stesse attività dovranno essere imputate alle corrispondenti dell'area di funzionamento;

- il personale che presta servizio presso le specifiche strutture di supporto centralizzate (centri di calcolo, ufficio spedizioni, magazzini ecc.) deve imputare il tempo lavorato sulle attività:

- gestione archivi;

- gestione protocollo;

- gestione centri stampa;

- servizi ausiliari;

- registrazione dati;

- ecc.

- i dipendenti di organismi esterni (pubblici e privati) che hanno lavorato a titolo diverso da comando o distacco nell'anno 2006 presso il comune non vengono rilevati. L'attività svolta da detto personale verrà evidenziata nella tabella dedicata alle modalità di gestione come esternalizzata.

- non deve essere rilevato in tabella T19 - Attività il tempo lavorato delle collaborazioni coordinate e continuative (Co.Co.Co.) e delle consulenze esterne: da quest'anno è stata dedicata una specifica colonna in tabella T18.

- non devono essere rilevate le ore lavorate di quel personale distaccato o comandato presso altri enti, ma solo le ore effettivamente lavorate da quel personale comandato da altre istituzioni. Si può verificare il caso di unità di personale che svolge le ore di lavoro su più istituzioni: le singole istituzioni dovranno rilevare il tempo effettivo dedicato presso l'ente.

- il personale flessibile rilevato nella tabella T19 si riferisce a quello presente in tabella 2 del conto annuale (unità annue).

Calcolo del tempo lavorato

Per la stima delle ore di tempo lavorato si può utilizzare il seguente calcolo:

Tempo lavorato = (ore lavorative) - (ferie) - (assenze) + (lavoro straordinario)

Al fine di fornire informazioni coerenti quanto indicato nella tabella 11 del Conto Annuale, è indispensabile tener presente i Prospetti di riferimento presenti nell' Allegato 2 - Nota metodologica per il corretto utilizzo dei prospetti di riferimento per il calcolo dei giorni di assenza. In particolare, per il comparto Regioni ed Autonomie locali e Regioni a Statuto Speciale, il calcolo dei giorni di assenza viene standardizzato per tutte le istituzioni tenendo conto della settimana corta, ossia di 5 giorni lavorativi. Ciò comporta che l'Istituzione che utilizza una distribuzione delle ore di lavoro settimanali su 6 giorni dovrà calcolare, con una opportuna trasformazione, l'assenza rapportata all'orario lavorativo giornaliero indicato nel Prospetto di riferimento (Esemplicazioni, lettera B).

I giorni lavorabili per l'anno 2006, al netto delle festività, inclusa quella del Santo Patrono, sono 249. Per una stima delle ore lavorate si procede calcolando i giorni effettivi di presenza, al netto delle assenze e delle ferie (249gg - gg di assenza e di ferie), si moltiplica per le ore che formano una giornata (7,20 per il personale non dirigente, 9 per i dirigenti) e si sommano le ore di straordinario effettuato, a prescindere se pagato. Qualora fosse disponibile l'ammontare esatto di ore di tempo lavorato, è possibile utilizzare quel dato. Occorre aggregare le ore lavorate provenienti da diverse unità organizzative e comunicare un unico dato finale.

Nelle assenze sono comprese tutte le tipologie di mancata presenza: ferie, malattie, permessi retribuiti, permessi sindacali, aspettative ecc. Si rammenta che vanno considerate soltanto le assenze relative a giorni lavorativi, per cui nel caso di un'assenza per malattia o per altra causa (ad esempio astensione obbligatoria o facoltativa per maternità) da un mercoledì al martedì, deve essere conteggiata come 5 giorni di assenza (anche se il certificato medico indicherà, in questo caso, 7 giorni di malattia). Non deve essere considerato come assenza il servizio svolto fuori sede (es. missione).

Nel caso particolare di personale che effettua turni, l'orario settimanale previsto dal contratto (per es. 36h) va spalmato sui 5 giorni della settimana lavorativa (dato espresso in decimi: 7,2) e non va considerata assenza il riposo compensativo a seguito del turno.

Il lavoro straordinario comprende l'attività lavorativa svolta oltre l'orario contrattuale, anche nel caso in cui non sia stata retribuita. Nel solo caso in cui siano stati previsti riposi compensativi, non andrà considerato né lo straordinario né il relativo riposo compensativo.

 

Tabella "T20 - Prodotti"

Nella T20 vengono rilevati i prodotti/unità di misura per ciascuna attività.

Per prodotto si intende il generico risultato dell'attività amministrativa, pertanto, può essere sia un bene quantificabile, sia un servizio offerto dall'Istituzione.

Debbono essere comunicati tutti i prodotti forniti dall'Ente locale, anche se essi sono originati da un'attività non svolte in economia diretta, come quelli collegati ad una attività esternalizzata, ovvero svolta da personale estraneo al comune (ad es. in convenzione, in appalto, ecc. come da T18).

Le informazioni sui prodotti raccolte dalla Tabella T20 si uniformano a quanto rilevato nelle tabelle 18 e 19, in quanto pongono in correlazione l'attività svolta dagli Enti con le risorse disponibili ed i risultati ottenuti. Tali risultati possono essere classificati in tre gruppi principali:

strutture di proprietà dell'Ente (es. numero delle biblioteche, numero dei cinema);

utenti che hanno usufruito dei servizi dell'Ente (es. numero di alunni delle scuole materne);

servizio erogato (es. numero di certificati emessi, numero di interventi di manutenzione effettuati sulla rete di illuminazione pubblica).

Tra le modifiche rilevanti della tabella in questione si segnala l'introduzione di una colonna a fianco del prodotto che riporta il relativo codice. In questo modo l'utente sarà notevolmente facilitato nel riportare su SICO le informazioni richieste nella versione cartacea della Tabella T20 - Prodotti.

Modalità operative di compilazione

Dopo aver raccolto le informazioni con il modello cartaceo, si procede all'immissione dei dati in SICO, secondo quanto già descritto per la Tabella 18.

Di seguito si riporta la sequenza delle operazioni necessarie per immettere i dati:

  • inserire login e password e cliccare sul pulsante "Conferma";
  • selezionare la funzione "Consuntivo attività";
  • immettere l'anno di rilevazione (2006);
  • inserire la tipologia di Istituzione di riferimento (Comuni/Unioni di Comuni);
  • specificare l'Istituzione (denominazione dell'Ente);
  • selezionare la tipologia di informazione desiderata (T20_Prodotti);

Figura 5

selezionare l'area operativa;

Figura 6

selezionare l'area d'intervento;

 

Figura 7

selezionare l'attività che origina i prodotti;

Figura 8

inserire i dati.

Attività di funzionamento

Rientrano nella tipologia Funzionamento tutte le attività che sono necessarie per il corretto ed efficiente mantenimento dell'apparato organizzativo di ogni singola Istituzione e che la mettono in grado di svolgere i propri compiti istituzionali.

Attività

Descrizione

AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO

Comprende tutte le funzioni di assistenza e supporto all'Amministrazione nel trattamento di questioni giuridiche e di contenzioso.

ATTIVITÀ LEGALE

Attività consultive e di supporto all'amministrazione in questioni di carattere tecnico-giuridico.

CONTENZIOSO

Attività volta ad assicurare la tutela dei diritti dell'amministrazione presso l'autorità giurisdizionale.

RICORSI AMMINISTRATIVI

Gestione dei ricorsi amministrativi.

CONTROLLO TECNICO/LEGALE

Comprende tutte le funzioni connesse alla verifica tecnica ed amministrativa del rispetto di norme e leggi nell'attività amministrativa svolta

CONTROLLO

Funzioni connesse alla verifica tecnica ed amministrativa del rispetto di norme e leggi nell'attività amministrativa svolta.

GESTIONE AMMINISTRATIVO/FINANZIARIA

Comprende tutte le funzioni connesse alla amministrazione e gestione del bilancio, alla amministrazione e gestione delle entrate e delle spese correnti, nonché all'acquisizione, al mantenimento e all'alienazione di beni patrimoniali.

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI

Gestione dell'albo dei fornitori, dei rapporti con i fornitori stessi e del processo di acquisizione dei beni, attrezzature e prestazioni necessarie al funzionamento del Comune quali: determinazione di fabbisogni e piani di approvvigionamento, stipula e approvazione contratti d'acquisto, gestione convenzioni, appalti e gare.

GESTIONE FINANZIARIA

Formazione e gestione del bilancio e del conto del patrimonio, nonché rilevazione e registrazione dei dati di natura economico-finanziaria.

GESTIONE PATRIMONIALE

Inventariazione e gestione delle modifiche di stato giuridico dei beni patrimoniali e demaniali.

GESTIONE DEL PERSONALE

Comprende tutte le funzioni connesse all'acquisizione e al mantenimento del personale, nonché alla sua cessazione dal servizio.

AMMINISTRAZIONE PERSONALE

Gestione del rapporto di lavoro in termini di carriera, presenze ed assenze, provvedimenti disciplinari, dimissioni, pensionamenti, nonché gestione dei rapporti di natura previdenziale, assistenziale, assicurativa, sindacale ed economica (retribuzioni, straordinari, trattamenti di quiescenza, ecc.).

CONCORSI E ASSUNZIONI

Reclutamento del personale, tramite concorso o con altre modalità e relativo inquadramento.

FORMAZIONE

Interventi connessi a formazione, aggiornamento e addestramento del personale.

MOBILITÀ

Gestione degli spostamenti del personale dipendente nell'ambito della stessa amministrazione (mobilità interna).

RELAZIONI SINDACALI

Attività finalizzate alla contrattazione, alla concertazione ed all'informazione con le organizzazioni sindacali.

SERVIZI AL PERSONALE

Organizzazione, coordinamento ed attuazione di interventi per il benessere del personale, nonché di servizi assistenziali, sanitari e sociali a favore dei dipendenti e dei loro familiari, anche in relazione ad esigenze di servizio.

ORGANIZZAZIONE

Comprende tutte le funzioni finalizzate a ottimizzare, migliorare e innovare le procedure e l'utilizzazione delle risorse della P.A. e di ogni sua singola Istituzione.

CONTROLLO DI GESTIONE

Verifica dello stato di attuazione degli obiettivi programmati e, attraverso l'analisi delle risorse acquisite e della comparazione tra i costi e le quantità e qualità dei servizi offerti, della funzionalità dell'organizzazione dell'Ente; sono ricomprese anche le funzioni svolte dal servizio di controllo interno.

INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA, PIANIFICAZIONE E GESTIONE PROCESSI ORGANIZZATIVI

Pianificazione e programmazione operativa degli obiettivi, analisi strutturali, progettazione finalizzata al miglioramento ed alla razionalizzazione di strutture organizzative (ivi compresa la gestione/assegnazione degli spazi ai servizi ed agli uffici per lo svolgimento delle attività inerenti il D. Lgs. 626/94), procedure, impiego di risorse dell'amministrazione, metodi di lavoro e procedimenti.

SERVIZI AUSILIARI E DI SUPPORTO

Comprende tutte le funzioni necessarie al funzionamento degli uffici e delle sedi dell'Amministrazione.

GESTIONE ARCHIVI

Ordinazione e conservazione di materiale e documentazione prodotta o utilizzata dall'amministrazione.

GESTIONE CENTRI STAMPA

Funzionamento di centri stampa, riproduzione e assimilabili.

GESTIONE MAGAZZINO

Ricezione, conservazione e distribuzione di merci.

GESTIONE PROTOCOLLO

Gestione di corrispondenza, documentazione e plichi in arrivo ed in partenza dall'amministrazione e da sue unità organizzative.

MANUTENZIONE ORDINARIA DI BENI MOBILI ED IMMOBILI

Manutenzione diretta di beni mobili ed immobili dell'amministrazione, impianti e automezzi necessari al suo funzionamento.

SERVIZI AUSILIARI

Attività finalizzate al controllo in ingresso e in uscita di persone; servizio di pulizia, attività di anticamera e centralino; conduzione autoveicoli.

SERVIZI DI SEGRETERIA

Svolgimento di compiti a supporto delle attività d'ufficio.

SERVIZI DI SICUREZZA INTERNA

Vigilanza su beni ed immobili dell'amministrazione.

SISTEMI INFORMATICI

Comprende tutte le funzioni connesse all'impianto, potenziamento, aggiornamento e manutenzione di sistemi informativi automatizzati.

GESTIONE DI SISTEMI INFORMATICI

Gestione e controllo dei sistemi informatici dell'amministrazione, nonché conduzione di reti e trasmissioni, gestione banche dati, verifica sistemi di sicurezza e livelli di efficienza ed assistenza agli utenti.

REGISTRAZIONE DATI

Attività sistematica di immissione nei sistemi informatici di dati disponibili su supporto cartaceo.

SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATICI

Miglioramento e potenziamento dei sistemi informatici dell'amministrazione.

Attività di indirizzo politico - istituzionale

Rientrano nella tipologia Indirizzo politico - istituzionale tutte le attività attraverso le quali gli organi (politici) definiscono gli indirizzi e le politiche di ogni singola Istituzione.

Attività

Descrizione

INDIRIZZO POLITICO

 

GESTIONE ATTI DEGLI ORGANI DELL'ENTE

Raccolta, catalogazione e pubblicazione di atti e delibere prodotte dagli organi comunali (ivi comprese le figure dirigenziali).

Attività istituzionali

Rientrano nella tipologia Istituzionali tutte le attività attraverso le quali ciascuna Istituzione attua i propri compiti, previsti e attribuiti dalla legge, e consegue i propri obiettivi.

Attività

Descrizione

ATTIVITÀ SPECIALISTICHE DI VIGILANZA E CONTROLLO SU TERZI

Comprende tutte le attività finalizzate al controllo di conformità di prodotti, attrezzature ed immobili a specifiche caratteristiche tecniche.

ANALISI E MISURAZIONI

Rilevazione delle caratteristiche quantitative e qualitative di materie prime e prodotti

CONTROLLI TECNICI

Accertamento delle caratteristiche tecniche di attrezzature, macchinari, beni immobili e veicoli.

VERIFICHE ISPETTIVE

Controlli eseguiti da tecnici specializzati sugli abusivismi commerciali e di polizia sanitaria per la tutela degli alimenti e degli ambienti di lavoro; sui veicoli inquinanti, sull'inquinamento delle acque, sull'inquinamento acustico, sulle discariche abusive; sui terreni, i pascoli, i boschi, sugli armenti e sulla selvaggina, nonché sull'abusivismo edilizio.

EROGAZIONE DI SERVIZI ALLA COLLETTIVITÀ

Comprende tutte le funzioni finalizzate all'erogazione di prestazioni che rispondono ai seguenti requisiti:

sono prestazioni finalizzate al soddisfacimento di un bisogno collettivo e a tale scopo determinano direttamente una modificazione dello stato reale della collettività;

il soddisfacimento del bisogno viene conseguito in modo simultaneo e contestuale rispetto all'erogazione delle prestazioni.

ATTIVITÀ DI POLIZIA GIUDIZIARIA

Comprende le attività svolte dalla polizia municipale per:

controllare e reprimere la microcriminalità;

gestire le querele;

effettuare indagini a carattere giudiziario.

ATTIVITÀ DI POLIZIA MUNICIPALE

Disciplina del traffico stradale, nonché stesura di verbali e alla gestione amministrativa delle contravvenzioni e dei verbali. Vigilanza sull'attuazione e l'osservanza di norme ai fini della tutela di interessi individuali e collettivi (controllo sugli abusivismi commerciali e di polizia sanitaria per la tutela degli alimenti e degli ambienti di lavoro; controlli sui veicoli inquinanti, sull'inquinamento delle acque, sull'inquinamento acustico, sulle discariche abusive; controlli sui terreni, i pascoli, i boschi, sugli armenti e sulla selvaggina, nonché controllo sull'abusivismo edilizio). Attività di polizia mortuaria.

ESERCIZIO LINEE DI TRASPORTO

Comprende:

le attività legate all'esercizio delle linee di trasporto in termini di definizione degli orari in cui viene effettuato il servizio ed il numero dei mezzi impiegati, nonché la gestione e la custodia dei porti turistici e l'alloggio delle imbarcazioni;

le attività legate alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle linee di trasporto quali ad esempio gli interventi sugli impianti della rete tranviaria delle funicolari, delle funivie e delle sciovie;

le attività legate alla manutenzione ordinaria e straordinaria dei mezzi di trasporto (bus, tranvie, filovie, funicolari, ferrovie, metropolitane, funivie, sciovie, trasporti via acqua, ecc.) utilizzati per effettuare il servizio di trasporto sul territorio comunale.

GESTIONE CIMITERI

Mantenimento dei cimiteri in termini di custodia e manutenzione delle aree cimiteriali, ricevimento, custodia e cremazione delle salme, conduzione, manutenzione e pulizia degli impianti e delle strutture, concessione di loculi, nicchie ed aree per la costruzione di tombe di famiglia, tumulazioni, inumazioni ed esumazioni delle salme.

GESTIONE FARMACIE

Funzionamento delle farmacie comunali in termini di gestione amministrativo-contabile, approvvigionamento e vendita di farmaci e del materiale igienico-sanitario e consulenza farmaceutica.

INFORTUNISTICA STRADALE

Attività svolte dalla polizia municipale per la stesura dei rapporti informativi e per la gestione tecnico-amministrativa relativamente agli incidenti stradali con o senza feriti, e per la rilevazione dei danni riportati ai veicoli e alle persone mediante perizie/ testimonianze giudiziali.

ORDINE PUBBLICO

Salvaguardia della sicurezza pubblica interna anche mediante l'attuazione di interventi repressivi.

ORGANIZZAZIONE FIERE E MERCATI

Attività svolte per la gestione amministrativo-contabile, la promozione e la pubblicazione, il coordinamento degli operatori, l'approntamento delle sedi e delle attrezzature, i servizi di custodia, reception, vigilanza, conduzione impiantistica, pulizia e manutenzione delle strutture, controllo commerciale in occasione di fiere, mercati, fiere per manufatti artigianali ed industriali, mercati all'ingrosso di ortofrutta, pesce, bestiame, mercato dell'antiquariato (mercati periodici e/o occasionali).

PROMOZIONE E GESTIONE TUTELA AMBIENTALE

Attività svolte per garantire la tutela dell'ambiente, quali:

la promozione ambientale;

gli interventi di bonifica e controllo sulle industrie insalubri;

le autorizzazioni allo scarico fognario;

l'installazione e la gestione delle centraline per il rilevamento del tasso d'inquinamento atmosferico sul territorio comunale;

la prevenzione dell'inquinamento acustico;

la gestione dei depuratori idrici;

la gestione delle concessioni e dello sfruttamento delle sorgenti di acque;

la gestione delle cave e delle torbiere e il loro controllo;

la concessione dello sfruttamento delle cave e delle torbiere e il loro controllo.

RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI

Comprende le attività svolte per la raccolta dei rifiuti, per la pulizia delle strade, per la gestione delle discariche dei rifiuti urbani ordinari, dei rifiuti tossici e dei materiali inerti e per la gestione degli impianti per il trattamento dei rifiuti ordinari e tossici.

SERVIZI DI SOCCORSO COLLETTIVO

Interventi di soccorso in caso di calamità naturali, emergenze ambientali e disastri.

SERVIZI E TRASPORTI FUNEBRI

Attività svolte per la gestione dei trasporti funebri dentro e fuori il territorio comunale, per l'entrata delle salme provenienti da altri Comuni e per la gestione dei rapporti gestionali ed amministrativi con le pompe funebri.

EROGAZIONE DEI SERVIZI ALLA PERSONA

Comprende tutte le attività connesse alla fornitura di servizi reali ad un soggetto singolo

ASSISTENZA SOCIALE

Attività svolte per fornire agli anziani in condizioni di disagio sociale, ai disabili, agli adulti in difficoltà (tossicodipendenti, detenuti ed ex detenuti, ecc.) l'orientamento socio-assistenziale, l'assistenza domiciliare, le borse lavoro, per gestire il ricovero negli istituti, per gestire i contributi economici ed attivare la rete sociale di supporto ed assistenza; comprende, inoltre, le attività svolte per fornire ai minori ed alle famiglie l'orientamento ed i servizi educativi e socio-assistenziali, l'assistenza domiciliare, per tutelare il patrimonio del minore, per gestire gli affidi e le adozioni, il ricovero negli istituti, i contributi economici e per attivare la rete sociale di supporto ed assistenza, nonché le attività socio-assistenziali rivolte alle popolazioni non residenti (immigrati e nomadi) per fornire orientamento socio-assistenziale, inserimenti lavorativi e scolastici, contributi economici, attivazione della rete sociale di supporto ed assistenza.

COORDINAMENTO VOLONTARIATO SOCIALE

Attività svolte per l'organizzazione, la formazione e il coordinamento dei gruppi di volontari e per mantenere i rapporti con gli Enti e con le associazioni di volontariato sociale.

GESTIONE ALLOGGI

Attività svolte per fornire consulenza in materia di orientamento abitativo e ricerca della casa, per gestire l'assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e gli alloggi comunali, per gestire le morosità degli affitti, gli sfratti e le emergenze abitative.

GESTIONE ASILI NIDO

Attività svolte per la programmazione, la gestione e l'erogazione dei servizi educativi e del sostegno familiare, per la gestione amministrativa del servizio, per il supporto alla prevenzione sanitaria e la gestione dei servizi di bidelleria e pulizia. Comprende inoltre le attività svolte dal personale insegnante.

GESTIONE ATTIVITÀ INTEGRATIVE

Attività svolte relative all'integrazione dell'orario scolastico (pre-scuola e dopo-scuola), alle iniziative educativo-culturali, alla gestione dei laboratori didattici e delle ludoteche ed alle attività sportive per i ragazzi.

GESTIONE BIBLIOTECHE

Attività svolte per l'acquisizione, la catalogazione, la conservazione, l'esposizione ed il prestito dei beni librai, delle riviste, giornali, dischi, cassette, videocassette, nonché i servizi per la custodia e la pulizia delle aree e delle strutture dedicate.

GESTIONE CORSI LIBERI E DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Attività svolte per la programmazione e la gestione delle strutture e del personale, per l'erogazione dei corsi, per l'orientamento scolastico e professionale e per i servizi di bidelleria e pulizia (compresi i Centri di Formazione Professionale).

GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI

Attività svolte per la gestione degli impianti sportivi (stadi, palasport, palaghiaccio, palestre, velodromi, autodromi, piscine, campi da calcio, rugby, atletica leggera, tennis, golf) in termini di conduzione e concessione degli impianti, servizi di custodia e di pulizia.

GESTIONE INIZIATIVE CULTURALI

Attività svolte per fornire il servizio di informazione culturale (compreso l'eventuale "informagiovani"), per gestire le manifestazioni culturali in termini di promozione, patrocinio, organizzazione, coordinamento dell'associativismo culturale e concessione delle sale per iniziative culturali e per gestire i rapporti con gli organi scolastici per l'organizzazione di rappresentazioni e visite culturali per le scolaresche.

GESTIONE INIZIATIVE RICREATIVE

Attività svolte per l'organizzazione delle manifestazioni ricreative (iniziative per il tempo libero, gite scolastiche, soggiorni climatici, attività di centri estivi e colonie, attività di centri di aggregazione, ecc.), per la promozione ed il patrocinio di manifestazioni organizzate da altri ed il coordinamento dell'associazionismo a scopo ricreativo.

GESTIONE INIZIATIVE SPORTIVE

Attività svolte per la promozione e l'organizzazione di manifestazioni sportive agonistiche e non, l'organizzazione dei centri di formazione sportiva, il patrocinio ed il coordinamento delle iniziative dell'associativismo sportivo.

GESTIONE ISTITUTI E BENI CULTURALI

Attività svolte per l'acquisizione, la catalogazione, la conservazione e l'esposizione dei beni museali, l'organizzazione e la promozione delle mostre temporanee e permanenti, nonché i servizi di custodia e pulizia delle aree e delle strutture dedicate, nonché le attività svolte per il mantenimento dei beni culturali che insistono sul territorio del comune quali l'organizzazione e la conduzione degli scavi archeologici, la gestione economico-finanziaria, i servizi di custodia e pulizia, gli studi, le ricerche e le catalogazioni nonché la promozione dei complessi monumentali. Gestione di cinema e teatri comunali; gestione giardini zoologici e orti botanici comunali.

GESTIONE MENSE SCOLASTICHE

Attività svolte per garantire l'erogazione dei pasti e delle derrate alimentari presso le mense scolastiche servite.

GESTIONE SCUOLE DI ALTRO ORDINE E GRADO COMUNALI

Attività svolte per la programmazione e la gestione delle scuole comunali di altro ordine e grado, per i servizi di segreteria e direzione, per lo svolgimento delle attività scolastiche, per il sostegno familiare, per il supporto alla prevenzione sanitaria e la gestione dei servizi di bidelleria e pulizia. Comprende inoltre le attività svolte dal personale insegnante.

GESTIONE SCUOLE MATERNE

Attività svolte per la programmazione, la gestione e l'erogazione dei servizi educativi e del sostegno familiare, per la gestione amministrativa del servizio, per il supporto alla prevenzione sanitaria e la gestione dei servizi di bidelleria e pulizia. Comprende inoltre le attività svolte dal personale insegnante.

GESTIONE STABILIMENTI BALNEARI

Attività svolte per la gestione delle concessioni degli stabilimenti balneari, per la gestione amministrativa degli stabilimenti balneari non dati in concessione e per fornire i servizi di noleggio dei natanti e delle attrezzature, i servizi per i salvataggi dei bagnanti, i servizi di ristorazione, pulizia e custodia.

GESTIONE STRUTTURE RICREATIVE

Attività svolte per la gestione delle strutture per il tempo libero in termini di gestione delle concessioni e della contabilità, servizi per l'accesso ai locali, servizio per la ristorazione e servizi per la pulizia e la custodia.

GESTIONE STRUTTURE SOCIO ASSISTENZIALI

Attività svolte per la gestione delle strutture socio-assistenziali (comunità, centri di accoglienza per immigrati, centri sociali territoriali e socio-educativi, centri di recupero per tossicodipendenti, case di riposo per anziani, mense popolari, strutture per il ricovero notturno, ecc.): gestione amministrativo-contabile, servizio di sostegno socio-educativo e psicologico, attività culturali e ricreative, refezione, lavanderia, riordino, custodia e pulizia.

GESTIONE TRASPORTI SCOLASTICI

Attività svolte per garantire il trasporto degli utenti delle strutture scolastiche con educatore accompagnatore.

SERVIZI AUSILIARI SCUOLE NON COMUNALI

Attività di segreteria, pulizia e bidelleria svolte da personale comunale in scuole non comunali.

SERVIZI DI INFORMAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA

Attività svolte per la gestione dello sportello informativo turistico, per garantire l'informazione turistica ai visitatori del comune e per effettuare l'invio della documentazione turistica a chi ne abbia fatto richiesta. Inoltre vanno ricomprese le attività svolte per produrre i pacchetti delle offerte turistiche, per effettuare le indagini di marketing, coordinare le offerte degli operatori turistici, gestire i contributi economici, elaborare e gestire le spese e la distribuzione della pubblicazione.

SERVIZI DI SOCCORSO INDIVIDUALE

Interventi di soccorso agli individui per emergenze (sanitaria individuale, soccorso in mare, incidenti)

SOSTEGNO SCOLASTICO AI PORTATORI DI HANDICAP

Comprende le attività svolte per garantire il coordinamento pedagogico ed il sostegno educativo presso tutte le scuole in cui sono presenti alunni portatori di handicap.

INDIRIZZO E VIGILANZA SU SOGGETTI PUBBLICI

Comprende tutte le attività di indirizzo nei confronti di altre amministrazioni o Enti nell'esercizio di funzioni pubbliche.

RAPPORTI CON AZIENDE E PARTECIPAZIONI

Controllo degli atti e della gestione economica ed operativa delle Aziende, delle partecipazioni, delle convenzioni e degli accordi di programma stipulati dal Comune.

PRODUZIONE DI ATTI AMMINISTRATIVI VERSO TERZI

Comprende quelle attività provvedimentali che incidono direttamente sulla sfera giuridica di soggetti esterni alla Pubblica Amministrazione.

ACCERTAMENTI E RISCOSSIONI FISCALI E CONTRIBUTIVE

Accertamento o riscossione di imposte, tasse e contributi obbligatori.

ANAGRAFE E LEVA MILITARE

Gestione dell'archivio anagrafico e della documentazione amministrativa di ogni cittadino e per il rilascio di certificazioni anagrafiche, carte d'identità, autenticazioni e atti notori. Comprende inoltre le attività svolte per la compilazione e l'aggiornamento delle liste di leva dei cittadini che hanno compiuto il 18° anno di età e per seguire la loro posizione fino alla concessione del congedo.

ATTIVITÀ ECONOMICHE

Concessione e controllo delle autorizzazioni allo svolgimento di attività produttive (laboratori artigianali e tipografie), commerciali a sede fissa o su area pubblica, di servizi (tassisti, esercizi alberghieri, parrucchieri, portieri, spettacoli pubblici, interpretariato, guide turistiche, autorimesse, circoli privati, carburanti) e controlli effettuati su pesi e misure in genere, nonché rilascio di licenze di caccia.

CONCESSIONE DI BENI

Attività finalizzate a consentire a privati l'uso di un bene pubblico, con modalità tali da salvaguardare le ragioni di interesse pubblico.

CONTRATTI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE O L'EROGAZIONE DI SERVIZI

Espletamento di gare per opere pubbliche. Predisposizione e gestione amministrativa di contratti per la realizzazione di opere e per l'acquisizione di servizi destinati agli utenti finali.

EDILIZIA PRIVATA

Attività legate al rilascio delle autorizzazioni e delle concessioni edilizie ai privati, le attività legate all'esame dei requisiti necessari per il rilascio dei condoni edilizi, nonché le attività legate al controllo preventivo sull'edilizia privata, ai fini dell'esame dei requisiti necessari per il rilascio delle concessioni, al controllo in corso d'opera ed al controllo successivo (compresi i collaudi per il rilascio delle licenze per l'utilizzo degli ascensori), anche ai fini del rilascio delle autorizzazioni dell'agibilità e dell'abitabilità.

ELETTORALE

Organizzazione di elezioni e di referendum in termini di aggiornamento dell'elenco di tutti i cittadini con diritto di voto, di assegnazione dei cittadini ai seggi in cui eserciteranno il diritto di voto, l'invio dei certificati elettorali ai cittadini che hanno la residenza nel comune siano essi domiciliati in Italia o all'estero e l'allestimento e lo smantellamento delle sedi elettorali. Compilazione e aggiornamento degli albi dei cittadini per l'assegnazione degli incarichi di giudici popolari, di presidente e di scrutatore presso i seggi elettorali.

EROGAZIONE DI PROVVIDENZE ECONOMICHE, SOVVENZIONI E SUSSIDI

Erogazione di benefici economici a privati o pubblici es. concessione di contributi ad attività produttive, per manifestazioni artistiche, concessioni di crediti agevolati alle imprese.

ESPROPRIAZIONI, REQUISIZIONI, SEQUESTRI E CONFISCHE

Attività che determina, per un privato, l'estinzione di un diritto di proprietà di un bene o una limitazione nel suo uso in ragione di un interesse pubblico.

GESTIONE SERVIZIO DI NOTIFICA

Consegna delle notifiche da parte del Comune ai soggetti destinatari.

IRROGAZIONI SANZIONI AMMINISTRATIVE

Predisposizione, adozione ed esecuzione di sanzioni amministrative.

OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO

Attività svolte per il rilascio delle autorizzazioni all'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per la gestione della relativa tassa.

REGOLAZIONE DELL'ATTIVITÀ DI PRIVATI

Produzione di prescrizioni amministrative di carattere generale (direttive e circolari) dirette ad una pluralità indifferenziata di soggetti privati per regolarne l'attività.

STATO CIVILE

Attività svolte per registrare il verificarsi di un evento relativo allo stato civile di un cittadino e per rilasciare estratti e certificazioni.

PRODUZIONE DI NORME E PIANIFICAZIONE

Comprende tutte le funzioni connesse alla produzione di disegni di legge e direttive, nonché tutte le funzioni di pianificazione e programmazione dell'attività Istituzionale della P.A.

ATTIVITÀ ECONOMICHE

Attività volte alla pianificazione ed alla progettazione dei piani commerciali.

SUPPORTO ALLA PRODUZIONE DI LEGGI E REGOLAMENTI

Attività svolte per supportare la produzione di norme inerenti l'attività istituzionale dell'Amministrazione.

TRASPORTI

Studio e la predisposizione delle reti di trasporto pubblico sul territorio in termini di analisi del fabbisogno, studi di fattibilità, definizione dei piani d'intervento.

URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

Elaborazione e gestione del Piano Regolatore Generale, della cartografia comunale, della toponomastica. Predisposizione e gestione dei piani regolatori particolareggiati, dei piani di iniziativa pubblica e privata, dei piani poliennali di attuazione urbanistica, dei P.P.A. del P.R.G. e del P.E.P.P. Pianificazione di settore con riferimento alla viabilità.

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DI BENI

Attività connesse alla produzione diretta ed alla manutenzione di beni.

GESTIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA

Attività svolte per l'esecuzione, la direzione dei lavori, la gestione dei cantieri e delle scorte di materiale per la manutenzione ordinaria delle opere pubbliche in genere (edifici, strutture, infrastrutture) quali, ad esempio: scuole, impianti sportivi, strade, fognature, acquedotto, reti e impianti di trasporto, reti di distribuzione del gas e dell'illuminazione pubblica, grandi impianti (dighe, chiuse, centrali elettriche), impianti idraulici, termici ed elettrici delle strutture, verde pubblico.

PROGETTAZIONE

Attività svolte per la progettazione delle opere pubbliche in genere (edifici, strutture, infrastrutture) quali, ad esempio: scuole, impianti sportivi, strade, fognature, acquedotto, reti e impianti di trasporto, reti di distribuzione del gas e dell'illuminazione pubblica, grandi impianti (dighe, chiuse, centrali elettriche), impianti idraulici, termici ed elettrici delle strutture, verde pubblico.

REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Attività svolte per l'esecuzione, la direzione dei lavori, la gestione dei cantieri e delle scorte di materiale per la costruzione, l'ampliamento, la manutenzione straordinaria delle opere pubbliche in genere (edifici, strutture, infrastrutture) quali, ad esempio: scuole, impianti sportivi, strade, fognature, acquedotto, reti e impianti di trasporto, reti di distribuzione del gas e dell'illuminazione pubblica, grandi impianti (dighe, chiuse, centrali elettriche), impianti idraulici, termici ed elettrici delle strutture, verde pubblico.

RECUPERO E RESTAURO DI BENI CULTURALI

Attività tecniche direttamente connesse al recupero e restauro di beni librari, architettonici, artistici, al restauro di monumenti, alla legatoria e restauro di libri, al recupero reperti archeologici,

RAPPORTI CON L'ESTERNO

Funzioni connesse alle relazioni che mettono in contatto ciascuna Istituzione della P.A. con altre Istituzioni della P.A. e/o con altri interlocutori al di fuori della P.A.

CERIMONIALE

Organizzazione di incontri ufficiali a livello locale, nazionale ed internazionale.

GESTIONE COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA

Predisposizione e diffusione, all'interno e all'esterno del Comune, di notiziari, rassegne, comunicati stampa, bollettini, ecc. e le attività per analizzare e gestire i rapporti con i mass media.

SERVIZI DI INFORMAZIONE AL PUBBLICO

Attività finalizzate all'offerta di informazioni al cittadino.

RICERCA E STUDIO

Comprende tutte le funzioni connesse allo svolgimento di attività di ricerca e di sviluppo sperimentale finalizzate o alla sola acquisizione di nuove conoscenze, o anche alla utilizzazione e applicazione delle conoscenze acquisite e alla introduzione e sperimentazione di innovazioni.

RICERCHE

Attività connesse alla ricerca di metodi e contenuti che comportino l'acquisizione di nuove conoscenze in campo scientifico e tecnologico.

STATISTICHE

Rilevazione ed elaborazione di dati concernenti fenomeni sociali, economici e amministrativi al fine di produrre informazione statistica.

STUDI E ANALISI

Raccolta di documentazione, attività di studio, analisi e predisposizione di elaborati in campo giuridico, sociale, economico, storico e politico.

Per le Aziende del Servizio Sanitario Nazionale, la rilevazione della relazione al conto annuale è stata inserita, di concerto con il Ministero della Salute e la Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome, nel processo di definizione di un sistema informativo comune per tutti i livelli decisionali (Stato, Regioni, Aziende Sanitarie) riferito ai flussi di rilevanza sanitaria. Questo obiettivo favorisce la concentrazione nell'ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario NSIS di tutte le rilevazioni che coinvolgono le Aziende del Servizio Sanitario Nazionale.

Si ricorda che la Relazione al conto annuale deve essere compilata da:

- ogni singola Azienda Sanitaria Locale (ex U.S.L.);

- ogni singola Azienda Ospedaliera ovvero gli ospedali a gestione diretta costituiti in azienda ai sensi dell'art. 4, comma 1, del D. Lgs. n. 502 del 30 dicembre 1992 (le informazioni relative agli altri ospedali, che hanno conservato la natura di presidi delle Unità Sanitarie Locali, vanno rilevate nell'ambito del modello della Azienda Sanitaria di cui fanno parte).

- gli ESTAV - Toscana (Enti per i servizi tecnico-amministrativi di area vasta).

Nessuna struttura sanitaria privata deve compilare il Conto Annuale e la Relazione allegata al Conto Annuale.

Le altre tipologie di enti del Servizio Sanitario Nazionale debbono redigere una relazione illustrativa sulla gestione del personale, da inviare all'indirizzo di posta elettronica: drgs.igop.ufficio15@tesoro.it.

La relazione sarà rilevata tramite il nuovo sistema informativo sanitario NSIS, in uso presso le aziende sanitarie. Tale procedura, per le aziende sanitarie delle regioni Piemonte, Lombardia e Veneto sarà coordinata direttamente dalle regioni stesse, con le quali le aziende prenderanno accordi. Le informazioni richieste con la presente modulistica sono concordate nell'ambito della conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le regioni; le regioni (assessorati alla sanità), pertanto, rappresentano un riferimento per eventuali suggerimenti o chiarimenti.

Si ricorda che già dalla scorsa rilevazione sono stati apportati alcuni cambiamenti per quanto riguarda le attività oggetto della Relazione allegata al conto annuale, strettamente connesse con le tre macro-aree di definizione dei livelli di assistenza e, nell'ambito delle stesse, con i singoli livelli di assistenza del modello LA "rilevazione dei costi per Livelli di Assistenza" del Ministero della Salute concordate nell'ambito della Conferenza Stato-Regioni.

NOTA

Il periodo di rilevazione della Relazione al conto annuale è 2 luglio - 15 settembre 2007

Informazioni generali e modalità operative di compilazione

Il personale da considerare è quello rilevato nel conto annuale delle ASL e Aziende Ospedaliere, ossia il personale a tempo indeterminato e quello con rapporto di lavoro "flessibile" (personale a tempo determinato, formazione lavoro, con contratto fornitura lavoro temporaneo (lavoro interinale) e L.S.U.), (vedi "Schema dei ruoli del personale da considerare nella tabelle delle attività" di seguito allegato).

Non sono oggetto di rilevazione le attività svolte dal personale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, borse di studio e consulenza.

Non deve essere considerata l'attività svolta dai Direttori Generali in quanto questa verrà calcolata come coordinamento delle attività svolte dalla ASL o Azienda Ospedaliera sulla base dei valori comunicati.

Il personale con contratto di altri comparti (es. personale con contratto EE.LL. delle aziende sociosanitarie) va rilevato facendo una equiparazione tra le qualifiche.

Non è, invece, da rilevare il personale esterno in convenzione (es: medici di Guardia medica, medici di base, ecc.), il personale SUMAI e della Medicina dei Servizi.

E' da rilevare solo l'attività svolta dai comandati in entrata in quanto spetta agli enti di destinazione rilevare le attività svolte dai comandati in uscita.

Si precisa, inoltre, che l'attività svolta in tutto o in parte da personale esterno (es: appalti a cooperative di servizi) deve essere considerata come "attività terziarizzata".

 

Non va considerata l'attività libero-professionale intramuraria (intramoenia).

 

Le informazioni richieste saranno inserite tramite il Nuovo Sistema Informativo Sanitario NSIS e trasmesse in un secondo momento, dal sistema stesso, nella banca dati di SICO (il trasferimento avverrà SOLO dopo il consolidamento) L'Istituzione accederà a NSIS con la propria utenza e password e potrà selezionare dal menù "Aree Applicative" presente sulla sinistra il link relativo alla rilevazione in questione: Relazione al Conto Annuale.

 

Figura 1


Si accede così alla successiva schermata

Figura 2

dalla quale è possibile selezionare la tabella per l'inserimento dei dati relativi ad attività o risultati, per singolo Livello di Assistenza

Figura 3

Con la funzione "Gestione in linea"sarà possibile inserire le informazioni richieste.

Figura 4

Una volta concluso l'inserimento dei dati, affinché NSIS possa trasferire le informazioni richieste al sistema della Ragioneria Generale dello Stato - SICO , l'utente dovrà procedere all'operazione di consolidamento della rilevazione. Tale funzione si trova nel menù principale della Relazione al Conto Annuale (Figura 5, voce Prenotazione Consolidamento) e permette in automatico il calcolo di eventuali incongruenze, visualizzabili sempre il giorno dopo aver effettuato la richiesta di consolidamento. Qualora si dovessero apportare modifiche ai dati inseriti in tempi successivi all'operazione di consolidamento non sarà più necessario eseguire la funzione di consolidamento, ma richiedere, dopo l'aggiornamento dei dati, il calcolo delle anomalie/incongruenze tramite la funzione Interrogazioni incongruenze presente nella funzione "Consolidamento" (Figura 5).

.

Figura 5

In qualsiasi momento è possibile consultare l'aiuto on line selezionando il pulsante " ? " posto in alto a destra nella schermata NSIS.

Prima di inserire i dati in NSIS, si consiglia di raccogliere le informazioni utilizzando il cartaceo scaricabile dal link della Circolare dalla pagina di SICO http://www.rgs.mef.gov.it/Servizi-e-/SICO/index.asp

La rilevazione è articolata in due sezioni:

Sezione 1: Tabelle "Rilevazione attività";

Sezione 2: Tabelle "Rilevazione dei risultati conseguiti e strutture disponibili".

 

Tabelle "Rilevazione attività"

Tali tabelle raccolgono le informazioni sull'impiego del personale distinto per ruolo in relazione alle attività svolte. Sono predisposte per ciascuno dei livelli di assistenza sanitaria definiti nell'ambito del "Piano sanitario nazionale per il triennio 1998-2000" approvato con D.P.R. 23 luglio 1998 (cfr. supplemento ordinario n. 201 alla "Gazzetta Ufficiale" n. 288 del 10.12.1998):

- Assistenza Sanitaria Collettiva in ambiente di vita e di lavoro,

- Assistenza Distrettuale,

- Assistenza Ospedaliera,

- Attività di supporto all'organizzazione assistenziale.

 

Per ogni attività in cui è stato articolato ciascun livello di assistenza, va riportata, nella colonna "Attività terziarizzata", l'informazione relativa alla completa o parziale esternalizzazione dell'attività. Si deve cioè indicare se l'attività viene svolta, interamente o in parte, da personale o da strutture esterne all'ente; nelle successive colonne, suddivise in modo da distinguere il personale secondo i "ruoli" previsti per i dipendenti degli enti del S.S.N. (ruolo sanitario, in ciascuna delle sue specializzazioni, ruolo tecnico, ruolo professionale e ruolo amministrativo), dovrà essere indicata la percentuale di tempo dedicato dal personale allo svolgimento dell'attività nel corso del 2006. Si ricorda che è possibile inserire numeri con due cifre decimali.

Al momento dell'inserimento dei dati in NSIS, la somma delle percentuali indicate per ciascuna categoria di personale (ad esempio, per il personale del ruolo sanitario: Medici, Veterinari, Altro personale laureato, ecc.) in tutti i livelli di assistenza (Assistenza Sanitaria Collettiva in ambiente di vita e di lavoro + Assistenza Distrettuale + Assistenza Ospedaliera + Attività di supporto all'organizzazione assistenziale) dovrà essere pari a 100,00 altrimenti verrà data segnalazione della squadratura. In pratica, si consiglia di raccogliere i dati del singolo distretto in ore lavorate, sommarli e, quindi, trasformarli in percentuale, come da seguente esempio.

 

Si riporta un estratto delle tabelle di rilevazione, compilato per la categoria "Medici".

 

Attività

Ore lavorate

Percentuale tempo lavorato

Livello di assistenza "Assistenza Sanitaria Collettiva in ambiente di vita e di lavoro"

Igiene e sanità pubblica

6.240

5,19 [ (6.240/120.280)*100]

Prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro

8.320

6,92 [ (8.320/120.280)*100]

Livello di assistenza "Assistenza distrettuale" (modello compilato dal distretto)

Assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare:

- Assistenza agli anziani

12.480

10,37 [ (12.480/120.280)*100]

Assistenza territoriale ambulatoriale e domiciliare:

- Assistenza riabilitativa ai disabili

10.400

8,65 [ (10.400/120.280)*100]

Assistenza specialistica:

- Attività clinica

16.640

29,40 [(16.640+18.720/120.280)*100]

Livello di assistenza "Assistenza distrettuale" (modello compilato dall'ospedale a gestione diretta)

Assistenza specialistica:

- Attività clinica

18.720

15,56 [(18.720/120.280)*100]

Assistenza specialistica:

- Attività di laboratorio

6.280

5,22 [(6.280/120.280)*100]

Livello di assistenza "Assistenza ospedaliera"

Ass. ospedaliera per acuti:

- in Day Hospital e Day Surgery

16.200

13,47 [ (16.200/120.280)*100]

Ass. ospedaliera per acuti:

- in degenza ordinaria

20.880

17,36 [ (20.880/120.280)*100]

"Attività di supporto all'organizzazione assistenziale"

Formazione del personale

4.120

3,42 [ (4.120/120.280)*100]

TOTALE

120.280

100,00 [ (120.280/120.280)*100]

Le ore dedicate dal personale alle attività di "coordinamento" vanno imputate all'attività di cui è stato effettuato il coordinamento.

Per quanto riguarda il personale dedicato ai "progetti-obiettivo", esso va rilevato nell'ambito dell'attività in cui si inserisce il progetto stesso.

Tabelle "Rilevazione dei risultati conseguiti e strutture disponibili"

A seguito dell'integrazione delle rilevazioni curate dal ministero della Salute con quelle del ministero dell'Economia e delle Finanze, nelle tabelle allegate alla presente circolare sono destinate a raccogliere le informazioni complementari che consentono di analizzare la gestione del personale in relazione ai risultati raggiunti ed alle strutture disponibili, richiesti in via aggiuntiva rispetto a quelli raccolti già dal Ministero della Salute.


Schema dei ruoli del personale da considerare nelle tabelle delle attività

Premessa

Le indicazioni contenute nella presente sezione illustrano nel dettaglio le modifiche intervenute nell'applicativo SICO per la rilevazione 2006, e rappresentano un utile strumento di guida per l'utente nelle singole fasi dell'indagine.

Nella rilevazione del 2005 ciascuna amministrazione ha definito le proprie attività raccordando le missioni istituzionali definite come quarto livello della classificazione COFOG ai processi interni come delineati dagli uffici di controllo interno di gestione. E' stata così assicurata la possibilità ad ogni Amministrazione di riconoscere le funzioni che svolge in relazione ai propri obiettivi, salvaguardando le specificità di ciascuno. Ciò ha permesso una migliore specificazione per singola unità organizzativa delle risorse in carico, del relativo tempo effettivamente lavorato e del tempo retribuito.

Il lavoro svolto per la rilevazione 2005, anche in collaborazione con i Servizi di controllo interno, ha permesso di ottenere una migliore rappresentazione degli assetti organizzativi interni, non solo relativi alla struttura degli uffici, ma anche e soprattutto in relazione alle attività che vengono effettivamente svolte dagli stessi.

I dati raccolti sulle attività fornite dalle amministrazioni permettono una lettura critica della stessa classificazione fornita, ponendo in luce l'esistenza, in taluni casi, di frammentazione delle attività censite o, al contrario, di una loro eccessiva sintesi. Da qui la necessità delle singole amministrazioni, utilizzando i dati messi loro a disposizione per il tramite dei referenti amministrativi interni, e seguendo le indicazioni contenute nella presente circolare, di provvedere alla revisione delle classificazioni ritenute inidonee o all'allineamento delle medesime con quelle adottate per altre rilevazioni in ambito istituzionale.

La rilevazione per il 2006 verrà effettuata sulla struttura organizzativa articolata ancora in 14 ministeri in coerenza con quanto previsto per la rilevazione "Conto annuale". Preliminarmente all'apertura della rilevazione, è necessario che i referenti amministrativi apportino le eventuali modifiche delle strutture utilizzate per l'anno 2005, verificando inoltre la validità delle associazioni fra le unità organizzative ed i servizi S2.

I ministeri risultanti dalla riorganizzazione, provvederanno ad individuare uno o più referenti per la relazione allegata che lavoreranno affiancando i referenti attuali nelle loro attività

Per la rilevazione 2006 è stata introdotta la seguente novità:

le causali di assenza sono state meglio specificate in accordo con il conto annuale separando le assenze retribuite dalle assenze non retribuite.

Si raccomanda ai referenti amministrativi un'attenta valutazione della possibilità di avvalersi dell'invio, anche parziale, di dati da sistema informativo. Molte amministrazioni infatti sono dotate di sistemi informatizzati di gestione del personale e/o di monitoraggio delle attività da questo svolte. Il colloquio fra sistemi informativi permette di evitare il coinvolgimento diretto, totale o parziale, dei singoli uffici, garantendo al contempo una esaustiva, omogenea e più accurata risposta alla rilevazione.

Le attività preliminari riguardanti l'inserimento delle strutture organizzative e la loro associazione con le attività presenti sul sistema non hanno subito modifiche, per cui i referenti amministrativi possono far riferimento a quanto indicato nella circolare dello scorso anno (circolare n. 29 del 22/6/2006). Tali indicazioni sono rese disponibili all'indirizzo www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Servizi-e-/SICO/Relazioni-/index.asp selezionando il link "Istruzioni per il referente amministrativo".

A conclusione delle operazioni di acquisizione, per agevolare la fase di validazione dai dati da parte dei referenti amministrativi, l'Ufficio V IGOP del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato provvede ad inviare ai referenti stessi un contenente i dati di dettaglio di ciascuna unità organizzativa. A conclusione delle operazioni di validazione si procederà ad effettuare un nuovo invio del data-base per consentire alle amministrazioni stesse di utilizzare i dati raccolti.

Di seguito si riportano i passaggi che gli utenti abilitati delle singole unità organizzative dovranno seguire per l'inserimento dei dati.

Preparazione alla rilevazione

L'utente chiamato a svolgere questa rilevazione deve munirsi delle seguenti informazioni sul personale in servizio nell'UO per la quale è autorizzato ad immettere i dati, prima di cominciare ad operare:

  • indicazione dei contratti applicati al personale in carico all'Unità Organizzativa;
  • indicazione delle unità annue (cfr .successivo paragrafo 2.1) del personale con rapporto di lavoro atipico (a tempo determinato, con contratto di formazione lavoro, addetto a lavori socialmente utili, con contratto di fornitura di lavoro temporaneo, con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, consulenti esperti). indicazione delle presenze e delle varie tipologie di assenza distinte fra retribuite e non retribuite per qualifiche omogenee di personale in servizio diviso in part-time, full- time;
  • assegnazione (in termini percentuali) ai servizi S2 che l'ufficio è chiamato a svolgere del tempo lavorato complessivo annuale (cfr. successivo paragrafo 3) dal personale aggregato per qualifica.

Le informazioni relative alle assenze ed alle unità annue di personale a tempo determinato dovranno essere coerenti, nel loro complesso, con quelle comunicate in sede di rilevazione dei dati di conto annuale. Il referente amministrativo dovrà pertanto verificare tale coerenza.

L'utente dovrà rivolgersi per problematiche relative alla rilevazione prioritariamente al referente amministrativo, i cui riferimenti potranno essere richiesto per posta elettronica a quesiti.sico@tesoro.it , e successivamente, in caso di mancata soluzione, agli indirizzi indicati nella sezione ASSISTENZA in calce alla presente circolare.

Modalita' di accesso

Dopo essersi collegati al sito http://www.sico.tesoro.it, apparirà la schermata seguente nella quale inserire la login e la password. Le login degli uffici esistenti non sono state modificate per cui ogni ufficio potrà collegarsi utilizzando la login già assegnata, mentre le password sono state tutte reinizializzate a "sico01". Gli uffici sprovvisti di login per l'accesso a SICO dovranno farne richiesta al referente. La prima volta che ci si collega a SICO, immettendo la login assegnata e la password iniziale, il sistema presenta la seguente schermata (fig.1.1):

Figura 1 - Modifica password ed e-mail

La password iniziale andrà modificata in modo personale. La nuova password scelta dall'utente andrà digitata sia nel campo "Nuova Password" che nel campo "Conferma Password".

Il campo per l'immissione della e-mail è obbligatorio e non è possibile proseguire con l'immissione dei dati qualora non venga valorizzato con un indirizzo e-mail valido del dirigente preposto all'ufficio o della persona addetta all'inserimento dei dati a sistema.

Tutti gli uffici sono tenuti a controllare l'esattezza dell'indirizzo e-mail prima di iniziare l'inserimento dei dati.

Premendo il tasto "Conferma" il sistema verifica l'esattezza della login e della password e, nel caso non vi siano stati errori di digitazione (attenzione sempre all'uso delle lettere maiuscole e minuscole), consentirà l'accesso a SICO.

Figura 2 - Accesso alle aree di rilevazione

Per accedere all'area relativa alla Relazione al conto annuale occorrerà selezionare "consuntivo attività".

Le tabelle di rilevazione: tabella t21

Questa tabella ha lo scopo di rilevare il tempo lavorato, per qualifica, del personale in forza al singolo ufficio. Per accedere alla tabella occorre selezionare le seguenti tipologie di informazione, premendo di volta in volta il tasto conferma:

  • l'anno della rilevazione (necessariamente "2006");
  • la tipologia di istituzione ("Ministeri","Agenzie", "Presidenza del Consiglio");
  • l'istituzione cui appartiene l'unità organizzativa;
  • l'unità organizzativa;
  • il contratto (si ricorda che nel caso nell'unità organizzativa fosse in servizio personale appartenente a più contratti, occorre inviare le tabelle relativamente a ciascun contratto).

Qualora si volesse tornare ad una schermata precedente bisogna utilizzare esclusivamente il tasto "Indietro" presente sotto il logo di SICO, al fine di evitare di perdere i dati immessi in quanto non ancora memorizzati.

Personale da rilevare

Il personale oggetto di rilevazione della tabella T21 è quello in carico all'unità organizzativa durante l'anno 2006. Nel personale va incluso quello comandato e fuori ruolo proveniente da altre amministrazioni mentre va escluso quello in analoga posizione presso altra amministrazione.

Figura 3 - Scelta della tabella

Casella di testo: Espandere la selezione premendo in questo punto
Le prime notizie da comunicare riguardano il personale con rapporto di lavoro flessibile ed il regime di orario settimanale osservato dall'ufficio.

Circa il primo punto, si tratta di inserire il dato concernente il personale in servizio presso l'unità organizzativa appartenente ad una delle seguenti categorie:

  • personale a tempo determinato;
  • personale con contratto di formazione e lavoro;
  • personale addetto a lavori socialmente utili;
  • personale con contratto di fornitura di lavoro temporaneo (interinale);
  • personale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa;

Le informazioni relative a queste tipologie di personale vanno fornite riconducendo ad unità annue le unità di personale utilizzate nell'arco dell'anno 2006 per periodi inferiori all'anno.

L'esemplificazione del calcolo, che va riportato nella tabella con 2 cifre decimali, è riportata nel glossario alla voce "Unità annua (uomo anno)".

Il personale a tempo determinato eventualmente assunto in regime di part time va considerato al 50% del periodo di tempo in cui ha prestato servizio.

Nella scelta del regime di settimana lavorativa utilizzato dal personale si deve specificare se le 36 ore settimanali sono distribuite su 5 (settimana corta) o 6 (settimana lunga) giorni settimanali. Nel caso in cui nell'unità organizzativa sia presente personale per entrambi i regimi di orario settimanale, occorrerà operare secondo il criterio della prevalenza.

Figura 4 - Dati relativi a personale con rapporto di lavoro flessibile e selezione regime orario settimanale

Dopo aver selezionato il tipo di regime orario settimanale va premuto il tasto "Conferma" prima di passare all'inserimento dei dati successivi.

Poiché l'immissione dei dati avviene per qualifica tutto il personale dell'ufficio appartenente ad una stessa qualifica andrà inserito con un'unica operazione.

Ipotizzeremo di effettuare la rilevazione di un ufficio nel quale hanno prestato servizio 12 unità con contratto ministeri, così distribuite:

  • 1 unità di qualifica dirigenziale;
  • 4 unità di livello C1;
  • 7 unità di livello B2,

Occorrerà, quindi, fare 3 immissioni di dati, una per ogni qualifica. E ogni volta andranno inseriti i dati complessivi di tutti gli appartenenti alla qualifica in esame.

La prima operazione richiesta dal sistema è l'individuazione della qualifica per la quale si vogliono inserire i dati. Nella nostra ipotesi inizieremo dal dirigente selezionando la qualifica "Dirigente II fascia" e premendo il tasto "Conferma", si presenta la schermata seguente (fig.2.3).

Figura 5 - Tabella T21

La tabella è distinta in due parti:

- la prima (tempo lavorato dal personale dell'amministrazione) riguarda il servizio prestato durante l'anno dal personale;

- la seconda (personale in servizio presso l'unità organizzativa al 31/12) richiede, invece, di inserire le unità di personale che il 31.12.2006 erano in carico all'ufficio, indipendentemente dal fatto che abbiano prestato o meno servizio per tutto l'anno.

Nel primo campo occorre inserire i "giorni di servizio del personale full-time". Per giorni di servizio si intende il periodo (comprensivo dei giorni non lavorativi) in cui il personale era legato all'ufficio da un rapporto di servizio.

Facciamo qualche esempio per illustrare meglio il concetto:

  • una unità di personale in servizio al 1 gennaio ed ancora in servizio al 31 dicembre: indicare 365 giorni;
  • due unità di personale in servizio al 1 gennaio ed ancora in servizio al 31 dicembre: indicare 730 giorni (365 + 365)
  • due unità di personale di cui una in servizio tutto l'anno e l'altra cessata dal servizio il 15 gennaio: indicare 365 +15 = 380 giorni
  • due unità di personale di cui una in servizio fino al 31 gennaio e l'altra che inizia il proprio servizio il 16 novembre: indicare la somma di 31 giorni per la prima unità e 46 giorni (dal 16 novembre al 31 dicembre) per la seconda unità. Totale 77 giorni

Nella nostra ipotesi, il dirigente dell'ufficio è stato in servizio per tutto l'anno. Bisognerà, quindi, riportare 365 giorni per il periodo di servizio durante il 2006 presso l'unità organizzativa, e indicare 1 nel campo "Personale full time".

Nel caso in cui il dirigente abbia nel corso dell'anno (o per tutto l'anno) la reggenza di un'altra unità organizzativa, tale periodo va inserito in giorni nel campo "giorni reggenza" dell'ufficio dove la reggenza è prestata, facendo attenzione a non indicare nulla nel campo "Personale full time", essendo tale dirigente già stato conteggiato una volta nell'ufficio presso cui è titolare.

Dopo il primo campo vi sono quelli destinati a raccogliere informazioni sul part time. Riguardo tale fenomeno, oltre il periodo di servizio, occorre specificare la percentuale relativa alla tipologia di part time scelta.

Alcune precisazioni:

  • la percentuale è riferita alla quota di tempo lavorato, per cui indicando part time al 90% si intende che con il contratto di part time il tempo lavorato (e la retribuzione fissa) è pari al 90% di quello contrattualmente previsto per chi non opera in regime di part time;
  • il valore da indicare deve essere su base cento per cui volendo inserire il 90% occorrerà indicare 90 (e non 0,9);
  • nell'indicazione della percentuale ci si potrà servire di due cifre decimali (es. 90,52)
  • il periodo di servizio dovrà riferirsi soltanto a quello effettuato in regime di part time, per cui se un soggetto ha firmato il contratto di part time con decorrenza 1 luglio (ed è stato in servizio tutto l'anno) dovrà indicare 181 giorni nella casella relativa al full time ed i rimanenti 184 giorni nella parte relativa al part time;
  • il periodo comprende tutto l'arco di tempo al quale si riferisce il contratto, per cui, ad esempio, nel caso di part time verticale di un mese bisogna comprendere non solo il mese di assenza dal servizio ma tutto il periodo coperto dal contratto firmato. In pratica se tutto l'anno la persona ha lavorato con un contratto di part time secondo cui durante il mese di luglio era esente dal servizio, occorre comunque inserire 365 giorni come periodo di part time.

Dopo aver inserito le informazioni riguardanti il periodo di servizio, occorrerà fornire al sistema i dati per poter calcolare i giorni effettivamente lavorati; bisognerà quindi comunicare i giorni di assenza (distinti tra ferie, assenze retribuite e assenze non retribuite) ed il lavoro straordinario.

Il software provvede automaticamente a togliere dal periodo di servizio le festività (compresa la festività del Santo Patrono) ed i fine settimana sulla base dell'informazione già fornita circa il regime di settimana (articolata su cinque o sei giornate lavorative).

Poiché i fine settimana e le altre festività sono state già tolte dal sistema, i giorni di assenza dovranno essere comunicati al netto dei giorni comunque non lavorativi.

Riguardo il lavoro straordinario, per omogeneità di informazione, dovrà anch'esso essere comunicato in giorni. A tale scopo, poiché presumibilmente il dato sullo straordinario viene fornito all'ufficio in ore, occorrerà dividere per 6 (nel caso di settimana lunga) o per 7,2 (nel caso di settimana corta) il monte ore per qualifica prima di inserirlo nella tabella T21.

Il penultimo campo utile ai fini del calcolo del tempo lavorato è quello relativo ai giorni dedicati ad "attività esterna".

Si precisa che tra le attività esterne vanno considerate esclusivamente le attività di tipo lavorativo espressamente autorizzate dall'Amministrazione e non direttamente collegate all'attività propria dell'ufficio (ad esempio, l'attività dei revisori contabili della Ragioneria Generale dello Stato e del MIUR oppure i collaudi dei tecnici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).

Non costituiscono, invece, attività esterna, bensì assenze, le seguenti fattispecie:

- permessi studio;

- permessi per donazione sangue;

- attività ai seggi elettorali;

- permessi e aspettativa per attività sindacale;

- altre equivalenti (es. permesso retribuito per matrimonio, permesso per donatori di sangue, permesso sindacale non retribuito, etc.).

Anche in questo caso, qualora l'assenza sia stata calcolata in ore, occorrerà riportare il dato in giorni dividendolo per 6 o per 7,2 secondo il regime settimanale seguito dall'ufficio.

Nel campo "giorni sciopero" vanno riportati in giorni le ore di sciopero dei dipendenti della qualifica indicata.

A titolo esemplificativo, supponiamo di dover inserire questi dati per una unità organizzativa in regime di settimana corta:

  • Dirigente: tutto l'anno in servizio, ha usufruito di 31 giorni di ferie ed è stato ammalato dal 2 al 18 febbraio compresi. Ha inoltre effettuato attività di revisore per 2 giorni.
  • Qualifica C1: all'inizio dell'anno erano presenti 3 unità di cui 2 a tempo pieno (che sono rimaste in servizio per tutto l'anno) ed 1 con contratto di part time all'84,33% (che è cessata dal servizio il 15 ottobre). Durante l'anno (il 1° settembre) è stata immessa in servizio un'ulteriore unità di personale a tempo pieno. A fine anno erano quindi presenti 3 unità di personale a tempo pieno. Complessivamente hanno usufruito di 105 giorni di ferie e sono state assenti per ulteriori 35 giorni, 25 per permessi ed assenze retribuite e i restanti 10 per assenze non retribuite. Lo straordinario complessivo ammonta a 520 ore.
  • Qualifica B2: 7 unità di personale in servizio per tutto l'anno. 5 unità a tempo pieno di cui 1 assente tutto l'anno per malattia e le altre 2 con part time rispettivamente al 50, 65 e 72,50%. Escludendo l'assenza di tutto l'anno, sono state fatte assenze complessivamente per 42 giorni lavorativi, 34 per assenze retribuite e 8 per assenze non retribuite, e si è usufruito di 213 giorni di ferie. Lo straordinario complessivo ammonta a 742 ore.

Per la qualifica dirigenziale si porranno 365 giorni di servizio durante l'anno nel campo relativo al tempo pieno. Riguardo le ferie non c'è alcun problema e si indicheranno i 31 giorni nell'apposito campo. Riguardo l'assenza per malattia, invece, non andranno indicati tutti e 17 i giorni, se ricompresi in un periodo di malattia continuativa, ma solo quelli che hanno comportato un' effettiva assenza. In pratica, poiché l'unità organizzativa opera in regime di settimana corta, i giorni lavorativi rientranti nel periodo di malattia sono 12 e soltanto quelli andranno indicati come assenza. I due giorni in cui ha svolto attività di revisore vanno indicati nel campo "attività esterna". Nella seconda parte della tabella T21 ("Personale in servizio presso l'unità organizzativa al 31.12") andrà indicata una unità. Dopo aver premuto il tasto "Aggiorna" si possono immettere i dati relativi alla qualifica C1.

Nel campo relativo ai giorni di servizio per il personale full time dovremo mettere i giorni delle due unità presenti tutto l'anno (365 x 2 = 730) più i giorni dell'unità assunta il 1° settembre (122 giorni dal 1° settembre al 31 dicembre) per un totale di 852. Riempiremo inoltre i primi due campi relativi al part time indicando 288 giorni (il periodo dal 1° gennaio al 15 ottobre) e specificando 84,33 come percentuale. Occorrerà poi inserire i 105 giorni di ferie, i 25 giorni di assenze retribuite e 10 di assenze non retribuite.

Riguardo il lavoro straordinario, poiché si tratta di una unità organizzativa che opera in regime di settimana corta, occorrerà dividere per 7,2 le 520 ore effettuate ottenendo 72,22 giorni (il dato va approssimato a 72). A fine anno saranno presenti 3 unità di personale tutte a tempo pieno. Dopo aver premuto il tasto "Aggiorna" si possono immettere i dati relativi alla qualifica B2.

Per il campo relativo al periodo di servizio per il personale a tempo pieno non ci sono problemi: 5 unità in servizio tutto l'anno per un totale di 1.825 giorni (365 x 5). Anche riguardo il personale part time i calcoli sono semplici essendo stato in servizio tutto l'anno: le due unità andranno registrate con 365 giorni di servizio ciascuna ma con due percentuali di part time differenti. Si dovranno quindi riempire due righe relative al part time.

Il calcolo delle ferie e delle assenze è complessivo rispetto a tutto il personale della qualifica. Per le ferie possiamo tranquillamente immettere i 213 giorni.

Per le assenze, invece, ai 42 giorni già calcolati, inseriti 34 nelle assenze retribuite e 8 in quelle non retribuite, occorre aggiungere i giorni dell'unità assente retribuita per tutto l'anno. Poiché abbiamo detto che le assenze debbono includere soltanto quelle relative ai giorni lavorativi, occorre fare il calcolo con il calendario alla mano. In caso di settimana corta i giorni lavorativi sono 249 (in quello di settimana lunga sarebbero stati 301). In totale, quindi, i giorni di assenza retribuita per la qualifica B2 saranno 283.

Per lo straordinario il calcolo è esattamente come per la precedente qualifica: poiché si tratta di una unità organizzativa che opera in regime di settimana corta, occorrerà dividere per 7,2 le 742 ore effettuate ottenendo 103,06 giorni (il dato va approssimato a 103).

Al 31 dicembre 2006 saranno state in servizio 5 unità in full time e 2 unità in part time.

Una volta premuto il tasto "Aggiorna", per poter visualizzare la tabella appena compilata ed operare le opportune verifiche, occorre premere il tasto "Riepilogo rilevazione". La schermata che apparirà sarà la seguente:


Figura 6 - Riepilogo rilevazione T21

Accanto a ciascuna qualifica sono presenti due comandi: "Modifica" e "Cancella". Il primo serve per rettificare il dato in caso di errore, il secondo può tornare utile nel caso ci si renda conto di aver immesso dati in una qualifica anziché in un'altra e sia necessario cancellare i dati dell'intera qualifica.

In fondo alla schermata vi sono posizionati 3 pulsanti:

  • "Cancella rilevazione" serve a reimpostare a zero tutti i dati della tabella;
  • "Annulla aggiornamenti" serve a non salvare il lavoro fatto reimpostando i dati alla sessione di lavoro precedente;
  • "Salva" serve alla registrazione dei dati immessi. Fino a quando non viene premuto questo tasto, un'eventuale uscita dall'applicazione causerebbe la perdita dei dati.

Alla pressione del tasto "Salva" verrà visualizzata la schermata seguente:

Figura 7 - Salvataggio dei dati immessi nella tabella T21

Il tasto "Salva il riepilogo in formato Pdf" attiva una funzione che elabora la tabella T21 e la presenta a video in un formato facilmente stampabile:

 
 

Figura 8 - Riepilogo tabella in formato PDF

Nella figura sono evidenziati sia il tasto che consente la stampa della tabella, sia quello che consente di tornare alla rilevazione. In basso nella pagina pdf sono inserite la data e l'ora della stampa.

Nella parte bassa della schermata della fig. 2.5 si chiede se la tabella è da considerarsi conclusa. Premendo il tasto "NO" i dati saranno comunque salvati e riproposti alla successiva riconnessione a SICO; premendo il tasto "SI" la tabella verrà acquisita e il referente dell'amministrazione potrà iniziare la procedura di validazione dei dati immessi.

Fino a quando non sarà effettuato il salvataggio definitivo con il tasto "SI", l'unità organizzativa sarà considerata inadempiente rispetto alla tabella.

Le tabelle di rilevazione - tabella T22

L'utente abilitato ad immettere i dati nella tabella T22 non avrà modo di scegliere le attività istituzionali in maniera autonoma, ma avrà una griglia di attività caricate prima dell'inizio della rilevazione su cui allocare la distribuzione percentuale del tempo lavorato dal personale delle qualifiche indicate nella T21.

Una volta selezionata la tabella T22 e premuto il tasto "Conferma" (fig. 2.1) l'utente dovrà entrare in una successiva schermata, ciccare sul pulsante "Inserimento dati per qualifica" e procedere alla selezione delle qualifiche in maniera analoga a quanto fatto per la tabella T21.

Per poter inserire i dati relativi alla ripartizione del tempo tra le varie attività del personale utilizzato occorrerà preliminarmente selezionare la qualifica, così come già operato per la tabella T21.


Figura 9 - Inserimento dei dati per qualifica

Supponendo di dover inserire i dati relativi alla qualifica C1 dell'esempio precedente, sappiamo che durante l'anno hanno transitato nell'ufficio 4 unità (3 presenti all'inizio dell'anno, di cui 1 uscita durante l'anno, ed 1 assunta durante l'anno) che hanno lavorato su due servizi S2 che, a titolo esemplificativo, chiameremo Servizio A e Servizio B.

Di queste 4 unità:

  • la prima ha lavorato soltanto sul Servizio A (per un totale di 249 giorni)
  • la seconda ha lavorato per la metà del tempo sul Servizio A e per l'altra metà su quello B, ossia 102 giorni ciascuno (ipotizziamo che questa unità sia stata più assente della prima per cui il totale dei giorni lavorati è inferiore)
  • la terza ha lavorato solo sul Servizio B per un totale di 140 giorni
  • la quarta ha lavorato per 30 giorni sul Servizio B e per 132 giorni sul Servizio A.

Risulta quindi che la qualifica C1 ha lavorato per 483 giorni sul Servizio A (249 + 102 + 132) e per 272 giorni sul Servizio B. Quindi, su un totale di 755 giorni (483 + 272) il 63,9% è stato impiegato per il Servizio A ed il rimanente 36,1% sul Servizio B.

I dati andranno inseriti e poi salvati con l'apposito tasto "salva".

Non è possibile inserire ulteriori qualifiche rispetto a quelle già previste nella tabella T21.

Per poter immettere i dati di un'altra qualifica occorre riselezionare la qualifica che interessa dalla tendina "scegliere qualifica", e procedere alla stesso modo per l'immissione.

Certificazione di avvenuto invio dei dati

Una volta conclusa la rilevazione è necessario richiedere l'emissione della certificazione di avvenuto invio dei dati.


Figura 10 - Attivazione funzione di certificazione, scelta

Nella schermata successiva all'attivazione della funzione, verrà di nuovo richiesto di inserire le informazioni per l'individuazione dell'unità organizzativa:

  • l'anno di rilevazione;
  • la tipologia di istituzione
  • l'istituzione
  • l'unità organizzativa
  • il contratto

Figura 11 - Attivazione funzione di certificazione, utilizzo


Figura 12 - Registrazione della richiesta di certificazione

Il sistema a questo punto prospetterà l'elenco delle due tabelle relative alla relazione allegata al conto annuale con accanto l'indicazione (SI/NO) se sono state acquisite dal sistema.

Sarà quindi possibile per il singolo ufficio accorgersi immediatamente di eventuali anomalie legate alla mancata registrazione dei dati e quindi rimediare, evitando solleciti da parte del referente amministrativo.

Assistenza

L'utente dovrà rivolgersi per le problematiche relative alla rilevazione prioritariamente al referente amministrativo della propria amministrazione. In caso di mancata soluzione delle problematiche, potrà rivolgersi agli indirizzi del Ministero dell'economia e delle finanze sotto indicati.

Il nominativo del referente dei singoli Ministeri potrà essere richiesto per posta elettronica a quesiti.sico@tesoro.it.