Roma, 21 novembre 2017, ore 23.54
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2008 > Circolare del 5 febbraio 2008 n. 7

Programmazione delle spese di funzionamento degli uffici. Rilevazione dei debiti pregressi

Le misure di contenimento e di razionalizzazione della spesa pubblica inserite nelle leggi finanziarie 2007 e 2008, tra le quali sono da annoverare quelle relative alle attività di analisi e revisione dei programmi di spesa (c.d. "spending review"), confermano lo sforzo per il controllo dei conti pubblici e per migliorare la qualità della spesa. In tale contesto è importante la valutazione di tutte quelle poste di bilancio che possono determinare incertezza, sia in sede di costruzione del conto economico tendenziale, che sulla quantificazione del relativo saldo. In particolare vanno evidenziate tutte quelle spese non facilmente ed immediatamente comprimibili che garantiscono il funzionamento delle Amministrazioni (fitti passivi, canoni, utenze, ecc). Per le suddette spese è possibile la formazione di "debiti pregressi" connessi al mancato pagamento di quote relative all'esercizio precedente e, di conseguenza, si ritiene opportuno stabilire con la circolare in questione, alcuni criteri fondamentali da seguire per una corretta ed ordinata gestione delle spese, soprattutto al fine di limitare il fenomeno della traslazione di oneri ad esercizi futuri, mediante una più puntuale programmazione. Nella circolare sono individuati principi e regole cui le Amministrazioni dello Stato, gli Uffici centrali del bilancio (U.C.B.) e le Ragionerie Provinciali dello Stato (R.P.S.) dovranno attenersi.