Roma, 19 novembre 2017, ore 09.36
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2008 > Circolare del 28 febbraio 2008 n. 8

Circolare concernente il “patto di stabilità interno” per gli anni 2008-2010 per le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti.

La circolare n. 8/2008, emanata dalla Ragioneria Generale dello Stato in data 28 febbraio 2008 concerne il "patto di stabilità interno" per gli anni 2008-2010 per le Province e i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti come previsto dall'art. 1, co. 379, 380 e 386, e dall'art. 3, co. 137, della legge finanziaria 24 dicembre 2007, n. 244.

Il documento, come per il passato, contiene criteri interpretativi per l'applicazione del patto di stabilità interno da parte degli enti locali secondo le disposizioni della legge finanziaria 2008 che introduce rilevanti novità rispetto alle regole degli anni precedenti. In particolare, la norma prevede:

- l'azzeramento, per gli anni 2008/2010, del concorso alla manovra per gli enti con saldo di cassa positivo con conseguente fissazione dell'obiettivo programmatico in misura pari al saldo finanziario medio 2003/2005;

- l'adozione del criterio della competenza "mista", che consente l'applicazione del criterio di contabilizzazione del saldo obiettivo in base al quale le entrate e le spese di parte corrente sono considerate in termini di competenza e quelle di parte capitale sono contabilizzate per cassa. Tale meccanismo ha il duplice scopo di agevolare la gestione dell'utilizzo dell'avanzo di amministrazione a copertura delle spese di investimento e di rendere l'obiettivo del patto di stabilità interno più coerente con quello del Patto europeo di stabilità e crescita, avvicinando il saldo di riferimento a quello calcolato dall'Istat, a consuntivo, ai fini dell'applicazione della procedura sui deficit eccessivi di cui al Trattato di Maastricht;

- un'ulteriore riduzione dell'obiettivo programmatico attraverso la deduzione dell'eccedenza dei proventi da alienazioni rispetto alla soglia prefissata.

Rimane, inoltre, confermato il coinvolgimento di tutte le Province e dei Comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti soggetti al monitoraggio del patto di stabilità interno per l'anno 2008 attraverso in sistema web. In particolare, la trasmissione di tutte le informazioni contabili dovrà essere effettuata al Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, utilizzando l'apposito sito: http://www.pattostabilita.rgs.tesoro.it - collegamento a sito esterno ove peraltro è prevista, per i nuovi enti soggetti al patto di stabilità, una funzione di richiesta via e-mail di una utenza, necessaria per l'accesso al suddetto sistema web.

Maggiori dettagli inerenti all'attività di monitoraggio del patto di stabilità interno saranno forniti tramite il previsto decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze, sentita la Conferenza Stato - città ed autonomie locali che sarà successivamente emanato.