Roma, 21 novembre 2017, ore 20.22
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2008 > Circolare del 16 aprile 2008 n. 14

Assestamento del bilancio di previsione per l’anno finanziario 2008

Con la circolare n. 14 del 16 aprile 2008, indirizzata a tutte le Amministrazioni centrali dello Stato, si forniscono le istruzioni per la predisposizione del Disegno di Legge di Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2008 che dovrà essere presentato al Parlamento entro il prossimo 30 giugno, secondo quanto stabilito dall'articolo 17, comma 1, della legge n. 468 del 1978 e successive modificazioni. La circolare fa riferimento alla profonda ristrutturazione del bilancio di previsione dello Stato per l'anno 2008 basata su missioni, programmi, macroaggregati (unità di voto parlamentari) e centro di responsabilità quest'ultimo costituendo la struttura che gestisce le risorse per la realizzazione del programma di competenza. Le proposte di assestamento dovranno essere considerate dalle Amministrazioni proponenti in funzione delle suddette aggregazioni, tenuto conto della predetta struttura del bilancio. La concreta attività propositiva deve realizzarsi a cura del titolare del centro di responsabilità amministrativa attraverso la scheda "proposte assestamento 2008" dedicata a ciascun programma, formata da più schede costituenti un unico insieme. Particolare attenzione deve essere posta alle dotazioni di bilancio interessate dagli accantonamenti disposti ai sensi dell'articolo 1, comma 507, della Legge finanziaria 2007. Eventuali difficoltà dovranno essere puntualmente esplicitate e comunque le Amministrazioni dovranno assicurare di aver assunto tutte le più confacenti iniziative per il programma di analisi e valutazione della spesa richieste alle Amministrazioni centrali (spending review), nei termini previsti dal comma 480 dell'articolo 1 della Legge finanziaria medesima