Roma, 20 novembre 2017, ore 05.11
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2011 > Circolare del 10 maggio 2011, n. 17

Circolare esplicativa sulle regole di flessibilità del bilancio dello Stato introdotte dalla legge 31 dicembre 2009, n. 196, concernente la “Legge di contabilità e finanza pubblica”, come modificata dalla legge 7 aprile 2011, n. 39

La presente circolare illustra le modalità e i limiti entro cui può essere esercitata la flessibilità amministrativa per il bilancio dello Stato, ossia la facoltà di modificare l’allocazione iniziale delle risorse senza la necessità di ulteriori interventi legislativi. Il quadro normativo di riferimento è stabilito dalle norme di contabilità e finanza pubblica - recentemente dettate dalla legge 31 dicembre 2009, n. 196, come modificata dalla legge 7 aprile 2011, n. 39 ed, ancor prima, dal decreto legislativo 7 agosto 1997, n. 279 - che ampliano potenzialmente i margini di flessibilità concessi alle amministrazioni, mediante elevazione dell’unità di voto parlamentare al livello dei programmi di spesa ed attribuzione alle amministrazioni della facoltà di riallocare gli stanziamenti di bilancio definiti “rimodulabili”. La circolare, infine, analizza la flessibilità anche in relazione al momento in cui essa è esercitata, distinguendo la flessibilità nella fase di formazione delle previsioni di bilancio e quella nel corso di gestione.