Roma, 19 novembre 2017, ore 13.21
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2011 > Circolare del 3 maggio 2011, n. 14

Assestamento del bilancio di previsione per l'anno finanziario 2011 e revisione del budget economico per l'anno 2011

La circolare n. 14 del 3 maggio 2011, indirizzata a tutte le Amministrazioni centrali dello Stato, fornisce le istruzioni per la predisposizione del Disegno di Legge di Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2011 che dovrà essere presentato al Parlamento entro il prossimo 30 giugno, secondo quanto stabilito dall'articolo 33, comma 1, della legge n. 196 del 2009 concernente la ''Legge di contabilità e finanza pubblica” e successive modificazioni e integrazioni. Le proposte di assestamento per l'anno 2011 dovranno essere considerate dalle Amministrazioni proponenti in funzione delle medesime aggregazioni utilizzate per il bilancio di previsione dello Stato per l'anno 2011. Come noto, il documento - approvato dal Parlamento con la legge 13 dicembre 2010, n. 221 - risulta impostato sulla struttura basata su Missioni e Programmi ai sensi dell'articolo 21 della citata legge n. 196. Per la spesa, le unità di voto parlamentare sono ora costituite dai 'Programmi' quali aggregati diretti al perseguimento degli obiettivi definiti nell'ambito delle Missioni. L'attività propositiva deve realizzarsi a cura del titolare del centro di responsabilità amministrativa attraverso la scheda “proposte assestamento 2011” dedicata a ciascun programma, formata, come per il passato, da più schede costituenti un unico insieme. Le proposte saranno inviate, come di consueto, al Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ' Ispettorato Generale del Bilancio ' per il tramite degli Uffici Centrali del Bilancio.