Roma, 18 novembre 2017, ore 12.47
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2011 > Circolare del 19 settembre 2011, n. 26

Linee di indirizzo ai sensi dell’articolo 4 del D.M. del 13 luglio 2011 del Ministro dell’economia e delle finanze, attuativo dell’articolo 22 del decreto legge del 6 luglio 2011, n. 98.

L’articolo 47 della legge 31 dicembre 2009, n. 196 ha modificato la disciplina del conto disponibilità che il Ministero dell’economia e delle finanze intrattiene con la Banca d’Italia, sul quale vengono regolati tutti gli incassi e i pagamenti effettuati nell’ambito della tesoreria dello Stato e la cui giacenza non può presentare saldi negativi. La modifica dell’articolo 47 ha previsto che con convenzione tra il Ministero e la Banca d'Italia, che è stata attuata con il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 29 luglio 2011, venissero stabilite le condizioni di tenuta del conto ed il saldo massimo su cui la Banca d’Italia corrisponde un tasso di interesse di mercato. La liquidità in eccesso rispetto a tale saldo, non sarà più remunerata dalla Banca d’Italia, come è avvenuto finora, e dovrà essere pertanto investita sul mercato.
La riforma ha come immediata conseguenza la necessità di effettuare previsioni dei flussi di cassa giornalieri sempre più accurate che richiedono una programmazione finanziaria di breve/medio periodo; ciò al fine di assicurare da un lato la massimizzazione della redditività degli impieghi, dall’altro la liquidità sufficiente per il servizio della tesoreria statale.
L’articolo 46 della Legge, come modificato dall’articolo 22 del decreto legge del 6 luglio 2011, n. 98, e il decreto di attuazione del Ministero del 13 luglio 2011 (di seguito D.M.), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 2 agosto 2011, hanno previsto obblighi di comunicazione a carico delle amministrazioni che movimentano flussi finanziari nell’ambito della tesoreria statale ritenuti di importo significativo. Per rendere cogenti le disposizioni sono state previste sanzioni a carico dei soggetti tenuti alla comunicazione in caso di mancata ottemperanza dell’obbligo.
La circolare n. 26/2011 adottata ai sensi dell’articolo 4 del D.M. fornisce alle amministrazioni centrali dello Stato e alle Amministrazioni pubbliche titolari di conti della Tesoreria statale le modalità operative per la trasmissione delle previsioni dei flussi di cassa così come previsto dall’articolo 46 della legge 196/2009 modificato dall’articolo 22 del decreto legge 98/2011.