Roma, 21 novembre 2017, ore 20.17
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2013 > Circolare del 14 novembre 2013, n. 39

Circolare esplicativa sui criteri da seguire per l'accesso al fondo di riserva per le spese impreviste di cui all'articolo 28 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, concernente la “Legge di contabilità e finanza pubblica”, come modificata dalla legge 7 aprile 2011, n. 39. Istruzioni operative.

Il fondo di riserva per le spese impreviste ha la funzione di assicurare, nei limiti delle disponibilità del fondo stesso, le risorse finanziarie necessarie per fronteggiare eventi eccezionali e non prevedibili al momento della programmazione finanziaria di bilancio con riferimento alle tipologie di spesa indicate nell’elenco 2 allegato allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze e che non impegnino i bilanci futuri con carattere di continuità. Il fondo, quindi, deve considerarsi come uno strumento del tutto eccezionale rispetto agli ordinari istituti della flessibilità di bilancio previsti dalla normativa contabile vigente, attraverso i quali le Amministrazioni possono modificare le proprie dotazioni iniziali di bilancio. Di recente, su taluni provvedimenti di prelievo dal citato fondo di riserva, il competente Ufficio di controllo della Corte dei conti, in sede di riscontro di legittimità dell’atto, ha formulato talune osservazioni sulla legittimità degli stessi. Allo scopo di superare, per l’avvenire, i menzionati motivi ostativi ed al fine di consentire il perfezionamento, in tempi ragionevoli, dei provvedimenti di utilizzo del suddetto fondo di riserva lasciando impregiudicato il buon andamento dell’azione amministrativa, con la presente circolare vengono fornite le istruzioni e i necessari chiarimenti in ordine all’attività propedeutica relativa alla predisposizione ed adozione dei decreti ministeriali di prelievo dal fondo di riserva per le spese impreviste.