Roma, 19 novembre 2017, ore 11.28
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Circolari

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Circolari > 2014 > Circolare del 12 maggio 2014, n. 16

Assestamento del bilancio di previsione e Budget rivisto per l’anno finanziario 2014 - Previsioni di bilancio per l’anno 2015 e per il triennio 2015 – 2017 e Budget per il triennio 2015 - 2017

La presente circolare, con le Note Tecniche e gli allegati, fornisce, ai sensi dell’articolo 23, comma 1, della legge n. 196/2009, indirizzi e chiarimenti per la predisposizione del disegno di legge di bilancio a legislazione vigente per l’anno 2015 e per il triennio 2015-2017.
Nel nuovo quadro della governance economica europea, che prevede che ciascuno Stato membro, entro il 15 ottobre, pubblichi e invii un Documento Programmatico di Bilancio, appare opportuno valutare l’anticipazione della data di presentazione del disegno di legge di stabilità e del disegno di legge di bilancio, nelle more di una modifica normativa da apportare alla suddetta legge 196/2009.
Pertanto, il processo di formazione del DLB, secondo le modalità disciplinate dal documento in esame, prevede che siano anticipate tutte le fasi che caratterizzano l’attuale ciclo, che quindi si concentreranno principalmente nel periodo maggio-luglio 2014.
In tale ottica, la presente Circolare - che fa seguito alla Circolare RGS n. 11 dell’11 marzo 2014, in materia di riorganizzazione delle Amministrazioni centrali dello Stato - ha come oggetto gli adempimenti ed i conseguenti flussi informatici, fin dal 16 maggio prossimo, relativi alla predisposizione dell’assestamento 2014, delle previsioni di bilancio, delle connesse note integrative e dei budget per gli anni 2015-2017 nonché della revisione del budget 2014, per i quali si fa anche rinvio alle Note tecniche n. 1, 2, 3 e 4.
Con il medesimo documento si forniscono, inoltre, alcune prime indicazioni che le amministrazioni dovranno seguire per la predisposizione delle proposte per la definizione del disegno di legge di stabilità 2015.