Roma, 18 novembre 2017, ore 22.34
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Gemellaggi e cooperazioni internazionali

Comunicazione RGS Gemellaggi e cooperazioni internazionali I progetti di gemellaggiodella RGS Il Progetto di Gemellaggio tra Italia e Turchia

Progetto di Gemellaggio tra Italia e Turchia

Progetto di gemellaggio con il Ministero delle Finanze della Repubblica di Turchia: "Capacity building for the compilation of accounting data in all institutions and agencies within general government sector in the context of e-government" ( TR 2005 IB ST 01)

Questo progetto di gemellaggio tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze italiano (Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato) e il Ministero delle Finanze turco (Direzione Generale della Contabilità Pubblica), finanziato dall'Unione Europea, ha avuto inizio nel mese di dicembre 2006 e si è concluso nel mese di febbraio 2009.

In sintesi il Progetto, attraverso la collaborazione tra la Ragioneria Generale dello Stato italiana e la Direzione Generale della Contabilità Pubblica turca, è consistito nel consolidare nei Conti Pubblici turchi l'adozione della metodologia standardizzata denominata "Sistema di Contabilità Europeo-ESA95", già a suo tempo adottata da tutti i Paesi europei. Alla realizzazione del Progetto, il cui coordinamento è stato affidato al Servizio Studi Dipartimentale della Ragioneria Generale dello Stato, hanno collaborato il Centro Nazionale di Contabilità Pubblica, l'Ispettorato Generale per l'Informatizzazione della Contabilità di Stato e l'Ispettorato Generale per la Finanza delle Pubbliche Amministrazioni.

Il Sistema ESA95, basato sul principio della competenza, deve essere adottato anche dai Paesi di nuova accessione nella Unione Europea e da quelli che, come la Turchia, devono ancora accedervi. Tutto ciò al fine di standardizzare i criteri metodologici delle diverse contabilità nazionali europee e dare la possibilità ai responsabili delle decisioni politiche e alle istituzioni nazionali e internazionali (tra gli altri, il Fondo Monetario Internazionale, l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, l'Unione Europea, la Banca Centrale Europea) di poter confrontare conti, bilanci, performance e altre informazioni contabili, economiche e statistiche dei diversi Paesi.

In ultima analisi, il Progetto ha messo in grado la Turchia, nell'immediato futuro, di compilare e presentare alla Commissione Europea (Eurostat) una serie di importanti tavole economico-finanziarie denominate "EDP Tables", Excessive Deficit Procedure Notification Tables.

A tal fine il Contratto di Progetto ha previsto l'analisi e l'espletamento di numerose attività contenute in quattro diverse Componenti tra loro collegate.

PRIMA COMPONENTE: Revision of secondary legislation

Revisione della legislazione secondaria per l'adozione di metodologie atte a produrre tavole statistiche, suggerendo l'adozione di norme legislative di modifica della Legge di Contabilità Pubblica, Finanza e Controllo della Repubblica di Turchia (la legge n. 5018 del 2003) attraverso l'analisi approfondita della gestione finanziaria pubblica, delle regole di controllo e di trattamento dei dati, al fine di evidenziare i punti di debolezza e quelli di forza dell'intero sistema e di suggerire l'adozione di emendamenti ad hoc nella legislazione.

SECONDA COMPONENTE: Drafting of consolidated statements

Studio e analisi dei modelli contabili consolidati e della classificazione dei conti del Bilancio dello Stato della Repubblica di Turchia, di quelli delle altre Istituzioni ed Agenzie del Governo Centrale e degli altri settori pubblici, quali le Amministrazioni locali e le Istituzioni della sicurezza sociale, al fine di modificarne la presentazione contabile e la classificazione con l'ausilio di codici standard adottati in base alla metodologia ESA95 per preparare tavole economico-finanziarie consolidate simili a quelle elaborate dagli Stati membri dell'Unione Europea.

TERZA COMPONENTE: IT systems

Studio e analisi del Sistema Informatico del Ministero delle Finanze turco, denominato Say2000i, e dei relativi hardware e software utilizzati, per fornire consigli utili al miglioramento della raccolta e della elaborazione dei dati e ad una più efficiente trasformazione dei dati contabili in dati statistici con la metodologia ESA95.

QUARTA COMPONENTE: Training

Aumento della professionalità e delle conoscenze dei funzionari del Ministero delle Finanze della Repubblica di Turchia con l'ausilio di diversi strumenti formativi:

  • addestramento tecnico per un periodo di venti giorni svolto nei Paesi Bassi (presso la Names C. van den Bos Consultancy bv) sulla metodologia contabile del sistema ESA95 a beneficio di circa trenta funzionari statistico-contabili turchi;
  • realizzazione di una serie di seminari (gestiti essenzialmente da esperti statistico-contabili turchi in collaborazione con esperti italiani) a beneficio di oltre cinquemila funzionari delle amministrazioni contabili provinciali turche;
  • realizzazione di una serie di visite di studio presso i ministeri finanziari e gli istituti statistici di numerosi Paesi membri dell'Unione Europea.

Oltre a quanto già segnalato nei paragrafi relativi alle singole componenti di progetto, gli altri principali risultati ottenuti possono essere sintetizzati come segue:

  1. elaborazione di un documento nel quale sono contenuti i punti di forza e quelli di debolezza del sistema legislativo contabile turco e nel quale vengono avanzate le relative proposte di modifica;
  2. realizzazione di un workshop internazionale ad Ankara nel dicembre 2007 con novanta rappresentanti di numerose istituzioni, ministeri finanziari, istituti statistici esteri, Eurostat e FMI nel corso del quale si sono confrontate le varie esperienze pratiche, le metodologie di consolidamento dei conti e i criteri oggettivi da adottare per includere le istituzioni e gli enti pubblici all'interno del settore della pubblica amministrazione;
  3. creazione di un Gruppo di lavoro permanente in Turchia tra Ministero delle Finanze, Tesoro (Gestione del Debito e della Tesoreria presso la Presidenza del Consiglio), Istituto di Statistica, Ministero del Programma (SPO) e Banca Centrale;
  4. approvazione nel luglio 2008 di due emendamenti alla Legge n. 5018 del 2003 di Contabilità Pubblica, Finanza e Controllo della Repubblica di Turchia. Il primo emendamento concerne il potenziamento del Ministero delle Finanze turco quale responsabile unico per la raccolta, l'elaborazione e la distribuzione di dati statistico-contabili in coordinamento con le istituzioni elencate al punto precedente; il secondo emendamento stabilisce tempi e modalità per la raccolta dei dati e relative pene pecuniarie, in caso di intempestività nella trasmissione dei dati, per i funzionari centrali e periferici responsabili;
  5. elaborazione di un documento tecnico nel quale viene descritto il sistema IT turco, i suoi punti di forza e quelli di debolezza, e i possibili suggerimenti per migliorare il sistema informatico e la sicurezza;
  6. elaborazione di un documento statistico informatico sulla trasformazione dei dati contabili in dati statistici, secondo la metodologia ESA95 e simulazione della tavola EDP 0200.