Roma, 18 novembre 2017, ore 13.07
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Comunicazione RGS

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Comunicazione RGS > Workshop e convegni > “PARTENARIATO PUBBLICO-PRIVATO: UNA PROPOSTA PER IL RILANCIO” - CONVEGNO

“PARTENARIATO PUBBLICO-PRIVATO: UNA PROPOSTA PER IL RILANCIO” - CONVEGNO

Roma, 24 novembre 2015 - Ministero dell’Economia e delle Finanze - Sala Conferenze del Polo Multifunzionale RGS - Via Pastrengo, 1

Si è svolto il 24 novembre 2015 un convegno sul tema organizzato dall’Ispettorato Generale per la Contabilità e la Finanza Pubblica per presentare i risultati dei primi due anni di lavori del Gruppo interistituzionale per la stesura di una convenzione standard sul partenariato pubblico-privato e per la definizione del set informativo sul partenariato.

Negli ultimi anni, la necessità di coniugare due esigenze distinte - la realizzazione di infrastrutture e il processo di consolidamento fiscale - ha contribuito a rilanciare il ricorso a forme di partenariato per lo sviluppo infrastrutturale del nostro Paese. Il ricorso alle operazioni di Partenariato Pubblico-Privato (PPP) può rappresentare un’opportunità ma anche un rischio, allorché l’eventuale “riclassificazione” delle stesse nei conti nazionali delle amministrazioni pubbliche (AP) comporti un incremento di spesa, con impatto negativo sui saldi di finanza pubblica.

In virtù di queste esigenze, il Gruppo di lavoro interistituzionale sul PPP ha definito:

  1. uno Schema standard di Convenzione di concessione di progettazione, costruzione e gestione di opere pubbliche (articolo 143, comma 9 del Codice), al fine di fornire uno strumento di riferimento, agli operatori pubblici e privati, in grado di disciplinare i rapporti contrattuali in modo bilanciato e di assicurare una corretta allocazione dei rischi tra le parti. Il lavoro in esame mette a disposizione delle AP un modello contrattuale orientativo che consenta alle stesse di mantenersi nell’ambito di formule applicative corrette ai fini della finanza pubblica e che, al contempo, tenga in considerazione alcune delle condizioni ordinariamente richieste per favorire il finanziamento di opere pubbliche o di pubblica utilità con capitali privati.
    Il documento “Guida alle pubbliche amministrazioni per la redazione di un contratto di concessione di progettazione, costruzione e gestione di opere pubbliche mediante società di progetto” (ai sensi degli articoli 3, comma 15-ter e 143, comma 9 – codice dei contratti) è in consultazione pubblica “guidata” da oggi 30 novembre 2015 al 29 febbraio 2016 sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze www.mef.gov.it/focus/article_0017.html.
  2. un set informativo specifico sulle operazioni di PPP che copre tutte le fasi dell’opera, dallo studio di fattibilità alla fase di gestione dei servizi.

Tali elementi - integrati nella Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche - intervengono a colmare il gap informativo esistente nel nostro Paese sul partenariato, ma allo stesso tempo costituiscono uno strumento di supporto alle AP nel percorso decisionale e in quello di attuazione del contratto.

Il Gruppo di lavoro inter-istituzionale sul PPP è coordinato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato (RGS) ed è composto da rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica – Struttura tecnica di supporto al NARS e Unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP), dell’ISTAT - Dipartimento per i Conti Nazionali e le Statistiche Economiche - Direzione Centrale della Contabilità Nazionale, dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) - IFEL Fondazione. Il Gruppo di Lavoro si è avvalso della collaborazione di SDA Bocconi e di altri esperti.”