Roma, 19 novembre 2017, ore 09.34
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

FAQ

Ti trovi in: Home Versione Italiana > FAQ > Contabilità economica patrimoniale - FAQ > SCRITTURE DI INTEGRAZIONI E RETTIFICHE (RIMANENZE - RATEI - RISCONTI)



SCRITTURE DI INTEGRAZIONI E RETTIFICHE (RIMANENZE - RATEI - RISCONTI)
Domanda n. 1:

In quali casi va utilizzato il conto Rateo passivo?

Risposta:

I ratei passivi sono operazioni contabili integrative dei costi e vengono effettuate a fine esercizio contabile. I ratei passivi si rilevano in presenza di prestazioni (generalmente prestazioni di servizi) con competenza economica a cavallo di due esercizi contabili e per le quali sono previsti pagamenti posticipati (cioè a conclusione dell’erogazione della prestazione). A chiusura esercizio si determina, quindi, una “stima” del valore di competenza dell’anno, il cosiddetto “rateo”.
Nell'esercizio successivo, nel caso di chiusura del conto per un importo superiore a quello stimato nell'esercizio precedente, deve essere rilevata una sopravvenienza passiva per la differenza

09/12/2014