Roma, 23 novembre 2017, ore 19.28
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Struttura e funzioni

GLI ISPETTORATI GENERALI

La struttura organizzativa centrale di RGS è composta da nove Ispettorati generali e dal Servizio studi dipartimentale, che hanno funzioni operative sul controllo dei conti pubblici.

L'Ispettorato generale di finanza (IGF) svolge e coordina l'attività ispettiva e di vigilanza istituzionale sulle Pubbliche Amministrazioni in materia finanziaria e contabile. Esamina i bilanci degli Enti ed organismi pubblici, ne valuta i risultati di gestione e propone per la designazione alle funzioni sindacali e di revisione presso gli organismi sottoposti alla vigilanza. Esplica inoltre attività normativa, interpretativa, di indirizzo e coordinamento in materia di ordinamenti amministrativo-contabili delle Pubbliche Amministrazioni. Funzionalmente dipendenti dall'IGF, sono i Servizi Ispettivi di Finanza Pubblica (S.I.Fi.P.) e il Settore Enti in liquidazione.

L'Ispettorato generale del bilancio (IGB) è deputato alla predisposizione dei principali documenti di contabilità pubblica (Bilancio di previsione annuale e pluriennale dello Stato e relativi provvedimenti di variazione e assestamento, rendiconto Generale, schemi di Legge Finanziaria, provvedimenti ad essa collegati e altri provvedimenti legislativi di finanza pubblica). Effettua il riscontro delle coperture finanziarie dei provvedimenti legislativi e coordina le attività di verifica tecnica della quantificazione degli oneri. Svolge inoltre attività di analisi e monitoraggio dei flussi di bilancio fini della predisposizione di dati necessari per i documenti di finanza pubblica, nonché verifica e valutazione dei costi, ai fini della programmazione finanziaria.

L'Ispettorato generale per gli ordinamenti del personale e l'analisi costi del lavoro pubblico (IGOP) è preordinato al controllo del costo del personale delle Amministrazioni Pubbliche mediante l'analisi, la verifica e il monitoraggio. Tratta le questioni e gli affari in materia di ordinamenti, strutture ed organici delle Amministrazioni Pubbliche, di trattamenti economici fondamentali ed accessori dei dipendenti pubblici, fornendo al riguardo consulenza giuridico-amministrativa e di indirizzo.

L'Ispettorato generale per gli affari economici (IGAE) è preposto all'esame e trattazione degli affari in materia di interventi pubblici nei diversi settori dell'economia. Effettua l'analisi e la valutazione dei relativi impatti finanziari, ai fini della efficace programmazione delle politiche degli investimenti pubblici e di bilancio. Svolge altresì attività normativa di consulenza e di coordinamento nelle predette materie.

L'Ispettorato generale per la finanza delle pubbliche amministrazioni (IGEPA) ha tra le sue competenze l'analisi della previsione finanziaria, delle relazioni trimestrali di cassa e la elaborazione del conto riassuntivo del Tesoro. A queste si aggiungono la gestione dei conti di tesoreria e i rapporti con la Banca d'Italia, la rilevazione e il monitoraggio dei flussi di tesoreria e dei flussi di bilancio degli Enti del settore statale, del settore pubblico e delle Pubbliche Amministrazioni, nonché l'elaborazione dei relativi conti consolidati. Cura inoltre la gestione dei rapporti finanziari con gli organismi e gli enti decentrati di spesa e verifica il riscontro delle coperture finanziarie delle Leggi regionali.

L'Ispettorato generale per i rapporti finanziari con l'Unione Europea (IGRUE) partecipa al processo di formazione, esecuzione e certificazione del bilancio dell'Unione europea. Svolge il monitoraggio complessivo dei corrispondenti flussi finanziari, nonché controlli comunitari affidati dall'Unione europea. Partecipa, per la parte di competenza della RGS, alla definizione delle politiche comunitarie e gestisce il relativo Fondo di rotazione, nonché i conti correnti di tesoreria concernenti i flussi finanziari Italia-UE

L'Ispettorato generale per la spesa sociale (IGESPES) effettua il monitoraggio e l'analisi degli andamenti generali e delle dinamiche della spesa sociale, ai fini della valutazione del relativo impatto sulle politiche finanziarie e di bilancio. Svolge inoltre attività normativa, di consulenza e di coordinamento nella predetta materia. Redige il rapporto annuale sulle previsioni di medio e lungo termine della spesa pensionistica e sanitaria.

L'Ispettorato generale per l'informatizzazione della contabilità di stato (IGICS) è competente per l'analisi delle problematiche funzionali e applicative dell'informatizzazione dei dati di contabilità di Stato e dei profili generali di informatizzazione, integrazione e consolidamento informatico. Rientrano inoltre nelle sue attribuzioni, lo studio, l'analisi e la definizione delle esigenze funzionali e delle specifiche prestazioni che devono essere assicurate, nell'ambito del sistema informativo integrato, nonché il supporto per l'elaborazione delle relative procedure per le verifiche sii funzionalità dei servizi e dei processi informatici.

L'Ispettorato generale per la contabilità e la finanza pubblica (IGECOFIP) è anch'esso un Ufficio di livello Dirigenziale Generale, svolge l'analisi dei profili teorici ed applicativi della contabilità nazionale. Coordina l'attività che presiede alla elaborazione e raccordo dei conti finanziari ed economici. Predispone documenti di previsione e consuntivi, valutandone la coerenza con gli obiettivi di finanza pubblica. Coordina l’area modellistica del Dipartimento e sviluppa nuovi modelli econometrici in materia di contabilità e finanza pubblica. Cura la previsione ed il monitoraggio dei flussi giornalieri di cassa che hanno impatto sul conto disponibilità.

Il Servizio studi dipartimentale è posto alle dirette dipendenze del Ragioniere generale dello Stato che ne stabilisce, con appositi provvedimenti, le modalità operative anche in relazione alle esigenze di coordinamento e di raccordo con gli altri Uffici di livello dirigenziale generale del Dipartimento. Il servizio è articolato in 4 uffici dirigenziali non generali i quali, ferme restando le competenze degli altri Uffici di livello dirigenziale generale, così come definite nel decreto del Presidente della Repubblica 28 aprile 1998, n. 154, svolgono funzioni in materia di armonizzazione dei bilanci, monitoraggio, valutazione e analisi della spesa pubblica, coordinamento dei rapporti finanziari tra lo Stato ed il sistema delle autonomie territoriali, modellistica e banche dati. Detti uffici svolgono, nelle materie di rispettiva competenza, ai sensi dell'articolo 1, comma 476, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, le attività necessarie ai fini del raccordo operativo con la Commissione di cui al comma 474. Il Servizio può, altresì, avvalersi, per specifici progetti, di sette dirigenti non generali con incarico di consulenza, studio e ricerca.