Roma, 21 novembre 2017, ore 11.16
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Il Rapporto sulla spesa delle Amministrazioni centrali dello Stato - 2012

La Ragioneria Generale dello Stato pubblica il secondo Rapporto sulla spesa delle Amministrazioni centrali dello Stato, che fa seguito alla prima edizione del 2009.
Il Rapporto 2012 costituisce il primo documento redatto ai sensi dell’articolo 41 della legge di riforma della contabilità e della finanza pubblica, la 196 del 2009. Esso si inserisce, come componente di natura strutturale e sistematica, nel processo di analisi e valutazione della spesa avviato con la legge finanziaria per il 2007 e rafforzato con varie disposizioni negli anni successivi, sino ai recenti interventi del decreto legge 95/2012.

Il lavoro affronta varie tematiche che sono state trattate anche attraverso la collaborazione delle Amministrazioni competenti, avvenuta in particolare all’interno dei Nuclei di analisi e valutazione della spesa istituiti ai sensi dell’articolo 39 della suddetta legge 196/2009.

Il Rapporto è suddiviso in quattro parti. La prima, nell’ambito di una analisi della spesa pubblica nel complesso – per classificazione funzionale, categoria economica e sottosettore -, approfondisce l’indagine sulla composizione e sull’evoluzione della spesa statale.

La seconda sezione è dedicata ad alcuni dei principali settori di spesa, identificando aspetti critici propri di ognuno di essi. Si esaminano, in particolare, le componenti della spesa direttamente connesse alla produzione statale di servizi pubblici come quella per il personale e i consumi intermedi, prendendo in considerazione anche i debiti fuori bilancio. Viene, inoltre, condotta una rassegna della spesa relativa al sostegno dell’economia e, in particolare, al settore delle imprese (trasferimenti e incentivi alle imprese).

La terza parte si concentra su alcuni approfondimenti specifici nell’ambito delle strutture periferiche delle Amministrazioni centrali dello Stato: viene effettuata una prima valutazione complessiva delle stesse con riferimento anche ai costi di funzionamento desunti dalla contabilità economica e, per alcuni dei casi in cui la disponibilità dei dati lo ha consentito, sono state proposte possibili analisi di efficienza relativa e determinazioni di fabbisogni standard collegati alla fornitura di servizi di tali amministrazioni.

La quarta e ultima parte del Rapporto è costituita da un capitolo di introduzione metodologica, seguita da un intero volume di Appendice in cui sono contenuti indicatori di risultato e di contesto, articolati secondo le Missioni e i Programmi del bilancio dello Stato.