Roma, 19 novembre 2017, ore 09.38
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Analisi e valutazione della spesa

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Pubblicazioni > Un modello per la simulazione di medio-lungo termine del fabbisogno scolastico

Un modello per la simulazione di medio-lungo termine del fabbisogno scolastico - Simulazioni 2010-2027 e impatti differenziali delle riforme in corso

La riforma della legge di contabilità (L.196/2009) attribuisce un ruolo centrale all’attività di analisi della spesa quale strumento di supporto al raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica, per favorire il monitoraggio delle misure fiscali e l’analisi delle determinanti del fabbisogno di spesa.

Con lo scopo di fornire un contributo alle attività in corso nel settore dell’istruzione, è stato sviluppato un preliminare modello di simulazione del fabbisogno scolastico a livello provinciale che fornisce informazioni a supporto delle decisioni di programmazione e gestione del servizio.

Il modello consente, inoltre, di analizzare gli impatti differenziali di potenziali interventi sul personale docente per ambito provinciale, in relazione a ipotesi alternative sull’evoluzione demografica della popolazione scolastica e sui principali parametri caratteristici dell’organizzazione scolastica.

Il modello offre, infine, un contributo per l’elaborazione delle relazioni tecniche dei provvedimenti relativi al comparto della scuola per le quali è prevista una valutazione degli effetti di lungo periodo degli interventi, anche tenuto conto dell’evoluzione delle variabili demografiche sottostanti.

In questo studio, il modello è utilizzato per simulare l’evoluzione provinciale del fabbisogno scolastico dal 2010 al 2027 e per fornire indicazioni sugli impatti delle riforme più recenti in materia di maestro-unico e di riforma delle scuole secondarie superiori nella scuola statale italiana. Il lavoro illustra la metodologia applicata, presenta un’analisi dell’evoluzione dei principali parametri caratteristici e fornisce le stime del fabbisogno teorico di docenti per la scuola statale dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e di secondo grado e per macro-area territoriale.

Le indicazioni generali che provengono da questo esercizio suggeriscono che il fabbisogno scolastico sarà maggiore rispetto a quello attuale nelle regioni settentrionali e centrali e minore a Sud, sia per effetto dell’evoluzione demografica attesa, sia per il margine di possibile aumento della partecipazione alle scuola secondaria. La riduzione della domanda scolastica nelle regioni meridionali non è tuttavia tale da compensare interamente l’incremento nelle altre aree del paese.

L’ampia diversità territoriale - tra singole province, anche contigue e appartenenti alla stessa macro-area - segnala la complessità del processo di pianificazione della rete scolastica e di programmazione del personale da affrontare nei prossimi anni. Le stime dettagliate per ciascuna provincia sono presentate nell’appendice.