Roma, 18 novembre 2017, ore 16.59
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Note brevi

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Pubblicazioni > La legge di contabilità e finanza pubblica > Il completamento della revisione della struttura del bilancio dello Stato ed il passaggio al bilancio di cassa

La legge di contabilità e finanza pubblica

Il completamento della revisione della struttura del bilancio dello Stato ed il passaggio al bilancio di cassa

La disciplina e la struttura del bilancio dello Stato è destinata a subire evoluzioni per effetto dell'attuazione di due ulteriori deleghe: la prima (articolo 40) riguardante il completamento della riforma della struttura del bilancio; la seconda (articolo 42) riguardante il passaggio da una contabilizzazione delle entrate e delle spese in termini di competenza giuridica e di cassa, ad una di sola cassa.

La delega per il completamento della riforma del bilancio dello Stato, da esercitarsi entro due anni dalla data di entrata in vigore della legge riguarda in particolare:

· la revisione del numero e della struttura delle missioni e dei programmi, in modo da garantire una migliore correlazione tra le unità di voto e le funzioni svolte dalle amministrazioni. In tal senso, l'esercizio della delega dovrà essere diretto a garantire l'univoca corrispondenza tra programma e Ministero e l'affidamento di ciascun programma ad un unico centro di responsabilità amministrativa. I programmi dovranno essere individuati in modo tale da garantirne l'omogeneità con riferimento ai risultati da perseguire in termini di prodotti e servizi finali;

· la revisione delle unità elementari di entrata e di spesa. Con riferimento alle entrate, la revisione dovrà assicurare che la denominazione consenta una più chiara e corretta individuazione della fonte di gettito. Per quanto riguarda le spese, è prevista l'introduzione delle azioni quali unità elementari ai fini della gestione e della rendicontazione, in luogo degli attuali capitoli affiancate da un piano dei conti integrato;

· la programmazione triennale delle risorse e degli obiettivi (con identificazione di indicatori semplici e misurabili), individuazione di criteri e modalità per la fissazione di tetti di spesa e adozione di accordi triennali tra Ministro dell'economia e delle finanze e gli altri Ministri per concordare risorse, obiettivi e tempi per il loro conseguimento;