Roma, 21 novembre 2017, ore 18.33
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Pubblicazioni statistiche

Ti trovi in: Home Versione Italiana > Pubblicazioni > Indagine sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti

Indagine sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti

La Ragioneria Generale dello Stato pubblica l'aggiornamento dell'indagine statistica sull'entità dei mutui concessi alle Regioni, alle Province autonome e agli Enti Locali (Province, Comuni e Comunità Montane) per il finanziamento degli investimenti pubblici e sul livello della relativa esposizione debitoria.

La presente indagine beneficia di un importante miglioramento della tempestività dell’informazione, che viene ora resa disponibile con un anticipo di un anno rispetto alle precedenti edizioni. Grazie alla collaborazione degli istituti finanziatori, oltre ai dati relativi al 2015, sono infatti presentati quelli per l’anno 2016.

Le informazioni sono state acquisite da un campione di istituti finanziatori residenti in Italia, costituito da 52 istituti di credito e dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Il documento presenta l'analisi dei mutui concessi nei suoi vari aspetti: secondo le classi degli enti beneficiari, in base all'oggetto del prestito e sotto il profilo della distribuzione territoriale. Rappresenta inoltre la consistenza del debito alla fine del periodo considerato e le rate di ammortamento dovute.

Nell'indagine sono stati rilevati anche i prestiti obbligazionari sottoscritti dagli Istituti facenti parte del campione.

L'indagine mostra un decremento dello stock delle passività a carico degli enti territoriali relativamente ai mutui: considerando congiuntamente regioni ed enti locali, il debito residuo al 1° gennaio 2016 è pari a 54,2 miliardi di euro a fronte dei 56,7 miliardi registrati al 1° gennaio 2015, con un decremento dello 0,15 per cento del PIL; analogamente il debito residuo al 1° gennaio 2017 decresce rispetto all’anno precedente ed ammonta a 52,9 miliardi di euro con un decremento dello 0,13 per cento del PIL. In calo anche lo stock dei prestiti obbligazionari che al 1° gennaio degli anni 2015, 2016 e 2017 è pari rispettivamente a 9,5 miliardi a 8,1 miliardi e 7,7 miliardi.

Le tabelle presentate nel volume sono fornite anche in formato elaborabile; con riferimento ai soli mutui è inoltre fornita, sempre in formato elaborabile, la ricostruzione in serie storica di tutte le variabili oggetto di rilevazione distinte per regione.

Questa pubblicazione fa parte del Programma Statistico Nazionale. I dati possono essere riutilizzati liberamente secondo i termini della licenza Italian Open Data License (IODL 2.0)