Modalità di trasmissione dei dati

Intro


La trasmissione delle informazioni richieste ai sensi dell’articolo 2 del DM 26/02/2013, relative sia alle opere pubbliche in corso di progettazione/realizzazione alla data del 21 febbraio 2012 nonché alle opere pubbliche avviate successivamente a tale data, può avvenire nei seguenti modi: Web MOP, BATCH MOP, via Osservatorio Regionale

WEB MOP – WEB APPLICATION

Questa modalità, di interesse per Amministrazioni e soggetti aggiudicatori di piccole dimensioni - inizialmente non in grado di gestire le informazioni riguardanti le opere pubbliche nell'ambito dei propri sistemi (articolo 4, comma 2 del DM 26 febbraio 2013) - prevede l’accesso tramite browser dell’utente a un’applicazione web che consente un inserimento manuale e puntuale dei dati afferenti il singolo CUP di competenza.

L'applicazione consente:

  • l'inserimento di un progetto per la realizzazione di un'opera pubblica, di propria competenza, identificato dal Codice Unico di Progetto (CUP);
  • l'inserimento, a cadenza trimestrale, dello stato di attuazione dell'opera pubblica di propria competenza;
  • la rettifica delle informazioni, nel caso in cui sia necessaria una modifica dei dati inseriti attraverso le precedenti funzioni.

Per ogni tipologia di funzione è possibile stampare o salvare una ricevuta, "Ricevuta d'Inserimento", dell'attività eseguita sull'applicazione: essa contiene il dettaglio delle informazioni inserite o rettificate. In seguito alla verifica delle informazioni inserite o rettificate, tramite apposita funzione dell'applicazione, è possibile trasmettere queste ultime alla BDAP.

Per accedere al Web MOP dal sito www.bdap.tesoro.it occorre cliccare su Applicazioni e successivamente su MOP – Monitoraggio Opere Pubbliche

BATCH MOP - CARICAMENTO MASSIVO DELLE INFORMAZIONI

In questa modalità è prevista la predisposizione, da parte del sistema informativo delle Amministrazioni e dei soggetti aggiudicatori che ne sono dotati, di un opportuno file di testo conforme alle specifiche tecniche.

I canali trasmissivi previsti sono i seguenti:

  1. FTPS
    La tipologia FTPS, nel rispetto delle regole tecniche e di autorizzazione al servizio pubblicate, permette di inviare i file di testo in una cartella definita.
  2. Web Application

Questo canale prevede l’utilizzo di un’applicazione web esposta su Internet (Axway) che sarà accessibile, tramite browser, digitando una url predefinita dal sito www.bdap.tesoro.it nella sezione Applicazioni.

L’Amministrazione/Soggetto Aggiudicatore si autentica, utilizzando le credenziali che gli sono state precedentemente fornite, e dispone della funzionalità di upload del file.

Per la trasmissione batch l’utente può consultare la Tabella dei codici di errore delle trasmissioni dati in modalità batch per individuare eventuali problemi occorsi che hanno impedito l’invio dei dati.

VIA OSSERVATORIO REGIONALE

Con tale modalità le Amministrazioni e i soggetti aggiudicatori inviano i dati agli Osservatori regionali che hanno predisposto dei software riconosciuti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) a uso delle stazione appaltanti del proprio territorio.

Tale invio assolve all’obbligo di comunicazione alla BDAP; gli Osservatori regionali, a loro volta, sono tenuti a trasmettere i dati alla BDAP entro i 15 giorni successivi alle scadenze, raccordandosi in ogni caso con il MEF anche sulla tempistica degli invii.

Attualmente gli Osservatori regionali che permettono tale modalità sono:

  • Osservatorio della Regione Basilicata (Siab-229)
  • Osservatorio della Regione Emilia-Romagna (SitarAli229)
  • Osservatorio della Regione Toscana (sistema Sitat-229)
  • Osservatorio della Regione Umbria (BDOP).