Inizio contenuto main della Ragioneria Generale dello Stato

Nota illustrativa sulle leggi pluriennali di spesa in conto capitale a carattere non permanente - Anno 2020

Intro


CHE COSA SONO LE LEGGI PLURIENNALI DI SPESA

Sono autorizzazioni di spesa pluriennali del Bilancio dello Stato relative a spese di investimento, finalizzate ad incrementare lo stock di capitale fisico o tecnologico a disposizione dei Ministeri la cui utilità non si esaurisce nel corso di un solo esercizio finanziario. In particolare sono denominate “leggi pluriennali di spesa” le autorizzazioni pluriennali per le quali è definito l’onere complessivo, quale che sia la ripartizione di detto onere nei vari anni. Sono invece, considerati “contributi pluriennali” quelle autorizzazioni pluriennali per le quali la legge autorizzativa stabilisce un importo annuale, sempre identico, ed un periodo di durata pluriennale (di norma non inferiore a dieci anni), che può essere ricondotto ad un piano di ammortamento, attesa la possibilità di attualizzazione di detti contributi, previa apposita autorizzazione.


La legge 31 dicembre 2009 n. 196, di riforma della contabilità e della finanza pubblica, dispone, all’articolo 10-bis, l’aggiornamento del Documento di economia e finanza con apposita Nota (la NADEF), da presentare alle Camere entro il 27 settembre di ogni anno. Ai sensi del terzo comma dell’articolo 10-bis la NADEF è inoltre corredata dalla “Nota illustrativa sulle leggi pluriennali di spesa in conto capitale a carattere non permanente”, con indicazione, in apposita sezione, di quelle che rivestono carattere di contributi pluriennali.

La “Nota illustrativa” si compone di una prima parte (capitoli 1 e 2) in cui, con l’ausilio di dati di sintesi e tavole statistiche, si offre una visione d’insieme sul fenomeno oggetto di analisi, nonché una breve descrizione del processo di raccolta delle informazioni che hanno permesso la produzione del documento.

Nel capitolo 3, conformemente al dettato normativo, vengono riportati, in apposite sezioni dedicate ai singoli Ministeri, i quadri contabili di ciascuna autorizzazione di spesa pluriennale, organizzati per Missione e Programma, indicando distintamente le autorizzazioni che rivestono carattere di contributi pluriennali. Il capitolo 3 è preceduto da un paragrafo che fornisce elementi di guida alla lettura delle informazioni analitiche riportate nei singoli quadri contabili.

 

Per ciascuna delle autorizzazioni pluriennali di spesa, siano esse Leggi pluriennali o Contributi, i quadri contabili riportano le seguenti informazioni:

  • scadenza dell’autorizzazione;
  • onere complessivo;
  • eventuali autorizzazioni rifinanzianti o definanzianti;
  • somme complessivamente stanziate;
  • somme complessivamente impegnate;
  • somme complessivamente erogate;
  • residui passivi;
  • la programmazione finanziaria di ciascuna legge, tenendo conto degli impegni pluriennali ad esigibilità (IPE) assunti ai sensi dell’articolo 34, comma 2 della legge n.196/2009 e del piano finanziario dei pagamenti di cui all’articolo 34, comma 7 della medesima legge.

Tali quadri contabili sono, inoltre, corredati da informazioni che, descrivono sinteticamente l'attività svolta dalle amministrazioni con le relative risorse nonché da grafici di sintesi delle principali misure contabili, così come emergono dalla rendicontazione dei passati esercizi finanziari.

La presente nota illustrativa, è aggiornata agli effetti dei principali Decreti Legge emanati dal Governo in relazione allo stato di emergenza nazionale per l’epidemia di COVID-19, che hanno previsto, tra le misure di intervento, anche spese pluriennali in conto capitale. Si fa riferimento in particolare al Decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18 “Cura Italia” e al Decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 “Rilancio”, nonché alle relative leggi di conversione.