Controlli di ragioneria

Il controllo di regolarità amministrativa e contabile è volto a garantire la legittimità contabile e amministrativa, al fine di assicurare la trasparenza, la regolarità e la correttezza dell'azione amministrativa, e si svolge in via preventiva o successiva rispetto al momento in cui l'atto di spesa produce i suoi effetti, secondo i principi e i criteri stabiliti decreto legislativo 30 giugno 2011, n.123.

Le attività di controllo sugli atti delle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato sono svolte, rispettivamente, dagli Uffici centrali del bilancio e dalle Ragionerie territoriali dello Stato, che nel complesso costituiscono il “sistema delle ragionerie”.

Gli Uffici centrali del bilancio sono dislocati nella sede centrale di ciascun ministero, mentre le Ragionerie territoriali dello Stato sono ubicate in sedi provinciali.

Il coordinamento e la vigilanza sul "Sistema delle Ragionerie" è affidato all'Ispettorato Generale di Finanza. Tale attività è volta a conseguire l'ottimizzazione dei servizi e l'efficacia dell'azione di monitoraggio e controllo, indispensabile per le finalità istituzionali del sistema delle Ragionerie, in particolare dal punto di vista della razionalizzazione e del contenimento della spesa pubblica.