Sperimentazione

l Decreto Legislativo 31 maggio 2011, n. 91, recante Disposizioni per l’attuazione della Legge n. 196/2009, in materia di adeguamento ed armonizzazione dei sistemi contabili, ha previsto, al fine di valutare gli effetti derivanti da un avvicinamento tra contabilità finanziaria e contabilità economico-patrimoniale, l’avvio di un’attività di sperimentazione della durata di due esercizi finanziari, avente ad oggetto la tenuta della contabilità finanziaria sulla base di una nuova configurazione del principio della competenza finanziaria, secondo la quale le obbligazioni attive e passive giuridicamente perfezionate, che danno luogo a entrate e spese per l’ente di riferimento, sono registrate nelle scritture contabili con l’imputazione all’esercizio nel quale esse vengono a scadenza, ferma restando, nel caso di attività di investimento che comporta impegni di spesa che vengono a scadenza in più esercizi finanziari, la necessità di predisporre la copertura finanziaria per l’effettuazione della complessiva spesa dell’investimento.

In attuazione di tale norma è stato adottato il Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 1° ottobre 2013 che ha previsto l’individuazione delle amministrazioni da coinvolgere nella sperimentazione. L’individuazione è stata effettuata con determina del Ragioniere generale dello Stato che ha, inoltre, definito le modalità applicative della sperimentazione.

Il periodo di sperimentazione, avviato a partire dal 1° gennaio 2015, si è concluso alla data del 31 dicembre 2016. Gli elementi utili alla valutazione degli esiti finali sono stati raccolti nel corso dell’esercizio 2017 anche in seguito alla trasmissione dei rendiconti 2016 degli enti individuati. Tali esiti saranno pubblicati in seguito all’approvazione della relazione finale da parte del Ministro per la presentazione alle Camere in ottemperanza a quanto previsto dalla relativa norma.