Roma, 19 febbraio 2017, ore 13.02
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

IBIS - Inventario Beni Immobili dello Stato

Ti trovi in: Home Versione Italiana > E-Government > IBIS

INVENTARIO BENI IMMOBILI DELLO STATO
IBIS (Inventario Beni Immobili dello Stato)
IBIS è il sistema informativo che, in risposta ad una esigenza di semplificazione e informatizzazione, mette a disposizione degli Uffici di riscontro le funzionalità necessarie per l'adempimento dei compiti istituzionali di vigilanza in materia di contabilità dei beni immobili dello Stato appartenenti al patrimonio disponibile ed indisponibile ed i beni appartenenti al demanio storico-artistico direttamente gestiti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e per esso dall’Agenzia del Demanio.

Le scritture finora tenute su supporto cartaceo sono state chiuse alla data del 31 dicembre 2011 e i dati ivi contenuti sono stati riversati nelle nuove scritture contabili informatiche che, a partire dall’esercizio finanziario 2012, sono gestite dal Sistema IBIS.

E’ da evidenziare, quale caratteristica innovativa del sistema IBIS, il colloquio continuo con il sistema dell’Agenzia del Demanio.
Entrando nello specifico il Sistema provvede all’acquisizione dei flussi trasmessi in via telematica dall’Agenzia del Demanio alle scadenze previste e contenenti, per ogni esercizio finanziario, le variazioni intervenute nella consistenza dei beni immobili. 
La documentazione a supporto delle variazioni comunicate viene messa a disposizione degli Uffici riscontranti (per la consultazione o il download in locale del documento richiesto)  mediante l'accesso, in tempo reale, alla banca dati dell'Agenzia del Demanio tramite appositi link.  In esito alla validazione delle variazioni trasmesse dall’Agenzia del demanio il Sistema provvede ad aggiornare i modelli di carico (per le nuove acquisizioni di beni), di scarico (per le cessazioni di beni) e di variazione (per le modifiche ai beni esistenti) e il registro di inventario.
A seguito dell’attività svolta dagli Uffici di riscontro il Sistema trasmette in tempo reale, attraverso Web Service, all’Agenzia del Demanio gli esiti delle lavorazioni effettuate. 

Si evidenzia che il Sistema IBIS è integrato con il Sistema Patrimonio SIPATR per le informazioni di natura contabile. Gli Uffici di riscontro, dopo aver effettuato la validazione di un dato contabile, potranno accedere direttamente al Sistema SIPATR per l’inserimento dei dati con rilevanza patrimoniale.

Tutto ciò risponde alle novità ordinamentali introdotte con il Decreto 16 marzo 2011 del Ministro dell’Economia e delle Finanze, recante “Principi e direttive per la revisione e l’informatizzazione delle scritture contabili dei beni immobili di proprietà dello Stato”.
In attuazione delle previsioni di cui al citato Decreto è stato emanato il Provvedimento del Ragioniere Generale dello Stato di concerto con il Direttore dell'Agenzia del Demanio n.124834 del 29 dicembre 2011 con il quale è stato individuato il nuovo sistema delle scritture contabili dei beni immobili di proprietà dello Stato.
Contestualmente è stato adottato il Provvedimento del Ragioniere Generale dello Stato n.130433 del 30 dicembre 2011 con il quale sono state dettate le disposizioni per disciplinare la migrazione dei dati dalle vecchie alle nuove scritture e per regolamentare la relativa fase di transizione.
In seguito è stata emanata la circolare RGS n. 20 del 28 maggio 2012 volta, tra l'altro, a fornire indirizzi per l'espletamento dei riscontri di competenza delle Ragionerie territoriali dello Stato.