Roma, 31 luglio 2014, ore 03.17
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Google+
  • Condividi su Twitter

Patto di stabilità interno

Ti trovi in: Home Versione Italiana > E-Government > Patto di stabilità interno > Patto di stabilità interno 2014

IN EVIDENZA

Decreto del Ministero dell'economia e delle finanze n. 59729 del 15 luglio 2014 concernente il monitoraggio semestrale del patto di stabilità interno per l'anno 2014 per le province e i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti e i prospetti di rilevazione (RGS 16 luglio 2014) (G.U. n. 171 del 25 luglio 2014).

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 171 del 25 luglio 2014 il testo del decreto del Ministero dell'economia e delle finanze n. 59729 del 15 luglio 2014, concernente il monitoraggio semestrale del patto di stabilità interno per l’anno 2014 per le province e i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti e i prospetti di rilevazione (articolo 31, comma 19, della legge 12 novembre 2011, n. 183).
I dati del monitoraggio semestrale sono trasmessi, con riferimento a ciascun semestre,  esclusivamente utilizzando l’apposita funzione web disponibile, a decorrere dal 18 luglio 2014, all’indirizzo http://pattostabilitainterno.tesoro.it/Patto/.

***

Circolare concernente il monitoraggio delle esigenze di spazi finanziari, nell’ambito del patto di stabilità interno 2014, degli enti locali e delle regioni per estinguere i debiti di parte capitale certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2013.

È stata firmata la Circolare n. 22 del 7 luglio 2014 concernente il monitoraggio delle esigenze di spazi finanziari, nell’ambito del patto di stabilità interno, degli enti locali e delle regioni per estinguere i debiti di parte capitale certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2013. Il monitoraggio è finalizzato a quantificare le predette esigenze per la definizione delle future disposizioni normative volte ad allentare i vincoli del patto di stabilità interno 2014. Gli enti che non adempiono al presente monitoraggio, entro il termine perentorio del 21 luglio 2014, potrebbero restare esclusi dai riparti di ulteriori spazi finanziari messi a disposizione nel corso del 2014 da futuri interventi normativi.
Con il medesimo monitoraggio sono acquisiti, a soli fini conoscitivi, l’ammontare dei debiti maturati al 31 dicembre 2013 che non rientrano tra quelli certi, liquidi ed esigibili, per i quali è stata emessa regolare fattura di pagamento ma non sussistono ancora i presupposti alla liquidazione degli stessi, nonché l’ammontare dei debiti, maturati al 31 dicembre 2013 che le regioni e le province hanno nei confronti delle altre pubbliche amministrazioni.
Per eventuali chiarimenti è possibile utilizzare la funzione “Richiesta assistenza” presente nella home page della piattaforma elettronica per la certificazione dei crediti.

Cosa è il Patto di Stabilità Interno

Il Patto di Stabilità Interno (PSI) nasce dall'esigenza di convergenza delle economie degli Stati membri della UE verso specifici parametri...

Leggi vai al testo completo: Patto di Stabilità Interno