Roma, 19 novembre 2017, ore 15.21
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Piano dei conti integrato

Ti trovi in: Home Versione Italiana > E-Government > Piano dei conti integrato > Matrice di transizione

MATRICE DI TRANSIZIONE

Il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 91 prevede che le amministrazioni pubbliche affianchino la contabilità economico-patrimoniale alla contabilità finanziaria e realizzino un sistema integrato di contabilità che consenta la registrazione di ciascun evento gestionale contabilmente rilevante in modo da assicurare l'integrazione e la coerenza delle rilevazioni di natura finanziaria con quelle di natura economica e patrimoniale.
Al fine di garantire l’integrazione contabile tra i moduli del piano (finanziario, economico, patrimoniale), si fornisce la matrice di transizione all’interno della quale ciascuna voce del piano relativo alla contabilità finanziaria viene correlata alle corrispondenti voci del piano relativo alla contabilità economico-patrimoniale.
La costituzione di un sistema integrato deve rispettare le peculiarità proprie di ogni sistema di rilevazione che intende usare (finanziario e/o economico patrimoniale). A tal fine il piano dei conti economico-patrimoniale comprende i conti necessari per le operazioni di integrazione, rettifica e ammortamento, che per loro natura non hanno riflessi finanziari.
All’interno della matrice di transizione tra il modulo finanziario ed economico patrimoniale, si fornisce anche la matrice di correlazione tra le voci del piano economico e quelle del modulo patrimoniale.