Roma, 20 settembre 2017, ore 12.55
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Piano dei conti integrato

Ti trovi in: Home Versione Italiana > E-Government > Piano dei conti integrato

IL PIANO DEI CONTI INTEGRATO DELLE AMMINISTRAZIONI IN CONTABILITÀ FINANZIARIA ESCLUSI GLI ENTI TERRITORIALI

Il piano dei conti integrato, introdotto nell'ordinamento contabile nazionale dall’art.2 della legge 196/2009, è oggetto di specifico regolamento: il Dpr 132/2013. Esso delinea il sistema di classificazione a cui devono riferirsi tutte le amministrazioni in contabilità finanziaria e a cui fanno specifico rimando le normative sottostanti la riforma degli enti territoriali (artt.4 e 6 delD.Lgs.118/2011) e non territoriali (art.4 D.Lgs.91/2011).

Ai sensi del DM 27 marzo 2013 e del DM 9 giugno 2016 il piano dei conti rappresenta lo schema classificatorio di riferimento per i conti consuntivi di cassa delle amministrazioni pubbliche in contabilità civilistica.

E' obbligatorio per gli enti appartenenti alla lista S13 nonchè per quelli da essa esclusi ma ricompresi nel DLgs 165/2001.

E' uno strumento fondamentale per il consolidamento dei conti pubblici, ai fini del monitoraggio e controllo degli aggregati rilevanti nel contesto europeo

D.M. 06 marzo 2017
Aggiornamento dell’allegato 1 del decreto del Presidente della Repubblica 4 ottobre 2013, n. 132 («Piano dei Conti integrato»), ai sensi dell’articolo 5 del medesimo d.P.R. e del comma 4, articolo 4, del decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 91.Leggi
(formato PDF - dimensione 1.63 MB)