Roma, 19 novembre 2017, ore 11.38
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Il bilancio comunitario

LE RISORSE PROPRIE

· Il Sistema di finanziamento

· Altre entrate

Il Sistema di finanziamento

Il bilancio generale dell’Unione europea è finanziato dalle cosiddette “Risorse Proprie” che rappresentano i mezzi finanziari con i quali ciascuno Stato membro partecipa al funzionamento dell’apparato amministrativo di tutte le Istituzioni e che consentono la realizzazione delle politiche operative comunitarie.

Già il Trattato istitutivo della Comunità prevedeva che il Bilancio fosse finanziato integralmente attraverso contributi diretti degli Stati membri. Successivamente, negli anni '70, furono istituite altre entrate ovvero dazi doganali e prelievi agricoli quali espressione dell'autonomia finanziaria dell'Unione, denominate Risorse Proprie Tradizionali (R.P.T.).A seguito dell'aumento del volume delle spese del Bilancio comunitario, si rese necessario aumentare le entrate facendo ricorso a nuovi contributi basati sull'IVA ed il PNL (ora RNL) dei Paesi membri.

L'attuale sistema di finanziamento del Bilancio è regolato dalla Decisione sul sistema delle Risorse Proprie n. 2007/436 che prevede:

· Risorse Proprie Tradizionali (RPT): dazi doganali (percepiti sulle importazioni delle altre merci provenienti dai Paesi terzi) e contributi provenienti dall’imposizione di diritti alla produzione dello zucchero e dell’isoglucosio, versati alle casse comunitarie previa deduzione del 25% a favore degli Stati membri quale rimborso delle spese di riscossione. Per effetto della nuova Decisione Risorse Proprie in corso di approvazione e per la quale è prevista la successiva ratifica da parte di tutti gli Stati membri, la percentuale delle spese di riscossione sarà fissata al 20% con efficacia retroattiva al 1° gennaio 2014;

· Risorsa IVA, commisurata all’applicazione dell’aliquota uniforme di prelievo pari allo 0,30% sulle basi imponibili nazionali armonizzate, tranne che per Germania, Paesi Bassi, e Svezia cui è stata concessa, limitatamente al periodo 2014-2020, una riduzione di tale aliquota di prelievo fino allo 0,15 %. Tali sconti entreranno in vigore con efficacia retroattiva al 1° gennaio 2014 dopo l’approvazione e la successiva ratifica della nuova Decisione Risorse Proprie.

· Risorsa complementare RNL, commisurata alla quota RNL di ciascuno Stato membro e destinata a finanziare, in forma residuale, la quota delle spese comunitarie non coperte dalle precedenti Risorse. Limitatamente al periodo 2014-2020 sono state concesse delle riduzioni sulla contribuzione dovuta a titolo RNL a Paesi Bassi (695 Meuro annui), Svezia (185 Meuro annui), Danimarca (130 Meuro annui) e Austria (60 Meuro complessivi per il solo triennio 2014-2016).

Il sistema delle Risorse Proprie è parzialmente modificato dal meccanismo della Correzione Britannica, istituito nel 1984. Tale Correzione consente al Regno Unito di ridurre il proprio saldo netto negativo registrato nei flussi finanziari con l’UE per ciascun anno, di circa due terzi, ripartendo il relativo onere sui restanti Paesi secondo la “chiave” RNL.

Alla Germania, ai Paesi Bassi, alla Svezia e all’Austria è stata concessa una riduzione del loro contributo al finanziamento della Correzione Britannica: tali Paesi versano soltanto ¼ della quota teorica dovuta in chiave RNL, aumentando di conseguenza l’onere a carico dei restanti SM.

L’Italia, nel 2014, dovrebbe contribuire a detta Correzione con una quota del 19,97 % (circa 1.058 Meuro) mentre la Francia, che è primo paese contributore, con il 26,93 %.

Le Risorse Proprie sono accreditate ogni mese all'Unione dagli Stati membri su un conto intestato alla Commissione, di norma presso la Tesoreria di ciascun Stato membro.


Le Risorse Proprie sono accreditate all'Unione dagli Stati membri su un conto intestato alla Commissione europea, di norma presso la Tesoreria di ciascun Stato membro.

Le Risorse Proprie Tradizionali vengono accreditate su tale conto, il secondo mese successivo a quello dell'accertamento dei relativi diritti. 

Le risorse IVA e RNL, invece, sono messe a disposizione della Commissione il primo giorno feriale di ogni mese, generalmente nella misura di un dodicesimo dell'importo complessivo previsto a carico di ogni Stato membro nel Bilancio comunitario.

Altre Entrate

Concorrono al finanziamento del Bilancio anche il saldo dell'esercizio precedente, le imposte ed i prelievi effettuati sulle retribuzioni del personale delle Istituzioni comunitarie, gli interessi bancari, i rimborsi di aiuti comunitari non utilizzati, gli interessi di mora ecc.

 

Data Ultimo Aggiornamento: 12/02/2014 11:38 AM
L'indirizzo di questa pagina è: www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/e-GOVERNME1/RGS-EUROPA/Il-bilanci1/LE-RISORSE-PROPRIE.html