Roma, 22 novembre 2017, ore 10.18
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Le attività

L'IGRUE svolge - nell'ambito della Ragioneria Generale dello Stato - una composita attività di gestione e raccordo dei molteplici aspetti di carattere finanziario connessi con l'appartenenza dell'Italia all'Unione europea, aspetti divenuti sempre più rilevanti in funzione della continua evoluzione dei rapporti tra il bilancio comunitario e quello nazionale.

L'Ispettorato interviene in tutti i momenti - decisionali, esecutivi e di controllo - attraverso cui si definiscono ed attuano le molteplici politiche e strategie di sviluppo dell'UE, contemperandone gli aspetti finanziari e di bilancio in stretto raccordo con gli obiettivi e le scelte di finanza pubblica nazionale.

Dalla partecipazione dell'Italia all'Unione Europea, derivano, infatti riflessi di carattere economico e finanziario, la cui evoluzione viene costantemente monitorata dall'IGRUE, che si occupa di tutti gli aspetti di carattere finanziario aventi una valenza a livello europeo.

L'IGRUE gestisce il Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie di cui all'art. 5 della Legge 16 aprile 1987, n. 183, operando l'acquisizione delle risorse che l'Unione europea destina all'Italia e il conseguente trasferimento delle stesse in favore di Amministrazioni pubbliche ed organismi privati aventi diritto.

L'IGRUE partecipa al processo di formazione, esecuzione e certificazione del bilancio dell'Unione europea ed ai relativi adempimenti, compresa la quantificazione dei conseguenti oneri a carico della finanza nazionale e partecipa alla definizione delle politiche comunitarie.

Sulla base degli orientamenti strategici, individuati a livello comunitario, ogni Stato membro deve preparare un quadro strategico nazionale (QSN) circa la propria strategia di sviluppo, anche a livello operativo. Relativamente a questo documento, l'IGRUE ha contribuito alla stesura per quanto riguarda il capitolo della attuazione del QSN.

L'IGRUE interviene nell'esercizio dei controlli comunitari affidati dall'Unione europea, collabora con la Corte dei conti europea per la certificazione del bilancio comunitario ed effettua il monitoraggio complessivo dei corrispondenti flussi finanziari, nel rispetto di quanto stabilito dall'art. 14, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica 20 febbraio 1998, n. 38. L'IGRUE ha assunto sempre più il ruolo di indirizzo e coordinamento in materia di controllo a garanzia della corretta e sana gestione delle politiche strutturali e il rispetto della normativa comunitaria e nazionale.

L'Ispettorato, in stretto collegamento con gli altri Servizi della Ragioneria Generale dello Stato e con le Amministrazioni centrali interessate, segue, sotto il profilo degli effetti finanziari, tutto il procedimento di adeguamento dell'ordinamento interno agli atti normativi dell'Unione europea. Esso segue sia le fasi preliminari di predisposizione del disegno di "legge comunitaria", sia il relativo iter parlamentare, nonché le conseguenti, molteplici attività connesse con la formazione degli atti normativi primari e secondari di recepimento, individuati dalla legge comunitaria approvata in Parlamento.

In particolare, le competenze dell'IGRUE possono così sintetizzarsi:

1. gestione del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie, istituito dalla legge n. 183/1987.

2. partecipazione alla definizione del bilancio comunitario ed espletamento degli adempimenti connessi con la sua esecuzione nel corso dell'esercizio. Coordinamento delle questioni di carattere finanziario dell'UE, anche in relazione a modifiche normative (revisione dei Trattati ecc.) e degli assetti organizzativi.

3. adeguamento dell'ordinamento interno alla normativa comunitaria e relativo impatto sulla finanza pubblica nazionale.

4. partecipazione al processo di definizione delle politiche settoriali comunitarie, in particolare per quelle socio-strutturali, nonché alle politiche esterne dell'Ue.

5. monitoraggio dello stato di attuazione degli interventi socio-strutturali comunitari.

6. controlli sull'attivazione, da parte delle Amministrazioni responsabili della gestione degli interventi comunitari, di sistemi di controllo compatibili con la normativa europea.

Data Ultimo Aggiornamento: 16/07/2007 12:29 PM
L'indirizzo di questa pagina è: www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/e-GOVERNME1/RGS-EUROPA/Le-attivit/CONTROLLI.html