Roma, 20 settembre 2017, ore 13.13
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

SIOPE - Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici

Ti trovi in: Home Versione Italiana > E-Government > SIOPE > Decreto del 9 giugno 2016

Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze concernente l'adeguamento della codifica SIOPE degli enti territoriali e dei loro organismi e enti strumentali in contabilità finanziaria, al piano dei conti integrato, in attuazione dell'articolo 8 del decreto legislativo n. 118 del 2011

Il 9 giugno 2016 è stato emanato il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze che, in applicazione dell’articolo 8 della legge 23 giugno 2011, n. 118, adegua la codifica SIOPE dei seguenti comparti di enti alla codifica del modulo finanziario del piano dei conti integrato:

  • Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano;
  • Consigli regionali e provinciali delle Regioni e Province autonome;
  • Province;
  • Comuni;
  • Città metropolitane;
  • Unioni di comuni;
  • Comunità montane, Comunità isolane e gli altri enti locali indicati dall’articolo 2 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
  • enti strumentali in contabilità finanziaria delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti locali;
  • organismi strumentali delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti locali.

Per enti strumentali delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti locali si intendono gli enti di cui all’articolo 11-ter del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118.

Per organismi strumentali delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano, e degli enti locali si intendono le loro articolazioni organizzative, anche a livello territoriale, dotate di autonomia gestionale e contabile, prive di personalità giuridica, comprese le gestioni fuori bilancio autorizzate da legge e le istituzioni di cui all'art. 114, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267.

L'entrata in vigore della nuova codifica è prevista per il 1° gennaio 2017.

I nuovi codici gestionali devono essere attribuiti- esclusivamente ai titoli di entrata e di spesa che si riferiscono ad incassi ed a pagamenti effettuati nel 2017.

Ai titoli che regolarizzano gli incassi ed i pagamenti effettuati nel 2016 in assenza di titolo, trasmessi nel 2016 dalle banche al SIOPE con i codici 9999, deve essere attribuita la codifica adottata nel corso dell’esercizio 2016, anche se il titolo di incasso e di pagamento è trasmesso al tesoriere nel 2017.

Le voci previste nei codici del 2014 non presenti nella versione in vigore dal 2015, da tale anno non devono più essere utilizzate.

Gli enti e gli organismi coinvolti per la prima volta nella rilevazione SIOPE sono identificati da un codice-ente, assegnato da ISTAT, consultabile nella sezione del sito “Codici degli enti” a decorrere dal 1° ottobre 2016. Gli enti soggetti alla rilevazione che non trovano il proprio codice nell’elenco pubblicato lo chiedono a igepa.relcassa@mef.gov.it, comunicando il nome dell’ente, il codice fiscale e lo statuto, a meno che il loro codice non risulti già pubblicato nella sezione “Codici degli enti” del sito internet www.siope.tesoro.it. A decorrere dal 1° gennaio 2017 gli aggiornamenti anagrafici sono richiesti dal tesoriere alla Ragioneria territoriale dello Stato competente per territorio.