Roma, 25 marzo 2017, ore 10.37
  • Condividi
  • Invia link via E-mail
  • Condividi su Facebook - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Google+ - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra
  • Condividi su Twitter - collegamento a sito esterno - apertura nuova finestra

Schemi RTF - Schemi di relazione illustrativa e Schemi di relazione tecnico-finanziaria ai contratti integrativi delle Pubbliche Amministrazioni

Ti trovi in: Home Versione Italiana > E-Government > Schemi RTF

Schemi di relazione illustrativa e Schemi di relazione tecnico-finanziaria ai contratti integrativi delle Pubbliche Amministrazioni (Schemi RTF)

Gli schemi standard di relazione illustrativa e di relazione tecnico-finanziaria ai contratti integrativi

L’art. 40, comma 3-sexies, del decreto legislativo n. 165/2001 dispone che “A corredo di ogni contratto integrativo le pubbliche amministrazioni redigono una relazione tecnico-finanziaria ed una relazione illustrativa, utilizzando gli schemi appositamente predisposti e resi disponibili tramite i rispettivi siti istituzionali dal Ministero dell’economia e delle finanze di intesa con il Dipartimento della funzione pubblica. Tali relazioni vengono certificate dagli organi di controllo di cui all’articolo 40-bis, comma 1”. A realizzazione di tale adempimento è stata pubblicata la circolare n. 25/2012 della Ragioneria Generale dello Stato, a valle di un intenso lavoro di collaborazione tra il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, che ha coordinato la realizzazione della sezione relativa alla relazione tecnico-finanziaria, ed il Dipartimento della Funzione Pubblica, che ha coordinato la realizzazione della sezione relativa alla relazione illustrativa.

Questa sezione del sito della Ragioneria Generale dello Stato vuole essere una “specifica sezione” dedicata a questo argomento. In essa, oltre alla circolare n. 25/2012 ed altra documentazione di interesse, trovano collocazione apposite note applicative. Infatti, anche a causa della continua evoluzione della materia (ad esempio gli interventi correttivi voluti dal legislatore per affrontare la crisi economica nazionale ed internazionale in atto) ed alle differenze fra i diversi comparti di contrattazione collettiva, si rendono necessari approfondimenti, puntualizzazioni ed aggiornamenti, appunto, operativi. Esigenze di celerità e speditezza hanno perciò suggerito come opportuno che la Ragioneria Generale e il Dipartimento della Funzione Pubblica possano tempestivamente pubblicare sui rispettivi siti istituzionali tali approfondimenti.

Gli approfondimenti proposti nascono da esigenze di collaborazione e indirizzamento sulla complessa materia della contrattazione integrativa. Non hanno né pretendono di avere il carattere di obbligatorietà che ha la circolare n. 25/2012. Vogliono costituire, piuttosto, una motivata ed argomentata disamina sugli specifici temi di volta in volta trattati, resa a titolo di supporto agli attori coinvolti e perfettibile in base anche a segnalazioni delle stesse amministrazioni.