Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 18 dicembre 2015 concernente il riparto degli spazi finanziari tra enti locali per sostenere le spese per far fronte ai danni causati da eventi calamitosi verificatisi nell’anno 2015, in attuazione dell’articolo 3, comma 1-bis, del decreto legge 1° ottobre 2015, n. 154 (G.U. Serie Generale n. 54 del 5 marzo 2016)

Intro


Si diffonde il testo del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 18 dicembre 2015 – adottato in attuazione dell’articolo 3, comma 1-bis, del decreto legge 1° ottobre 2015, n. 154 – concernente il riparto degli spazi finanziari, per complessivi 2.070.501 euro, tra enti locali per sostenere le spese, a valere sull’avanzo di amministrazione e su risorse rivenienti dal ricorso al debito, per far fronte ai danni causati da eventi calamitosi verificatisi nell’anno 2015 per i quali sia stato deliberato dal Consiglio dei Ministri lo stato di emergenza prima della data di entrata in vigore della legge 29 novembre 2015, n. 189 di conversione del citato decreto-legge n. 154 del 2015.

Per gli enti locali beneficiari di cui al citato decreto, l’esclusione dei pagamenti sostenuti, a valere sull’avanzo di amministrazione e su risorse rivenienti dal ricorso al debito, per far fronte ai danni causati da predetti eventi calamitosi, trova evidenza, nei limiti degli spazi finanziari attribuiti con il richiamato decreto, nelle voci S9-bis e S25-bis del modello MONIT/15 del secondo semestre 2015.